NEWS

Infiniti Academy 2018: un concorso per diventare ingegneri di F1

9 luglio 2018

Il tedesco Benedikt Helling ha vinto la quinta edizione della Infiniti Academy, un progetto che mette in palio un tirocinio di 12 mesi alle Renault F1 e Infiniti.

Infiniti Academy 2018: un concorso per diventare ingegneri di F1

GRANDE OPPORTUNITÀ - Nel centro tecnico del team Renault F1 a Enstone (Inghilterra) lavorano da 5 anni ragazzi molto più giovani dei loro colleghi, che a dispetto della scarsa esperienza si occupano già di progetti inerenti le monoposto di Formula 1. Fra loro ad esempio c'è Damien Turlay, un ingegnere meccanico di 24 anni, vincitore l'anno scorso del concorso Infiniti Academy, una iniziativa giunta al quinto anno che mette in palio per i sette vincitori (uno per area del mondo) un tirocinio retribuito di sei mesi nel centro tecnico della Renault Sport a Enstone e di altri sei mesi nel reparto sviluppo della Infiniti a Cranfield, dove hanno la fortuna di svolgere un'esperienza lavorativa con pochi eguali per ragazzi della loro età. Il tirocinio verrà ripetuto anche nel 2019 e vi parteciperà il tedesco Benedikt Helling, nominato vincitore giovedì della selezione per l'Europa. Infiniti e Renault collaborano da tempo e fanno parte dello stesso gruppo industriale.

BOOM DI ADESIONI - La prima edizione della Infiniti Academy è del 2014, quando però avevano partecipato alle selezioni circa 1.000 studenti di ingegneria in rappresentanza di tre aree geografiche. Nel 2017 a candidarsi sono state 12.000 persone, provenienti dalle regioni Asia-Pacifico, Canada, Cina, Emirati Arabi Uniti, Europa, Messico e Stati Uniti. Un "balzo" simile non deve stupire, perché i vincitori delle sette selezioni al mondo (quella per l'Europa era organizzata proprio ad Enstone) hanno l'opportunità in questo modo di formarsi come meglio non potrebbero, lavorando senza "restrizioni" dovute alla segretezza su progetti per il team Renault Formula 1 e le automobili della Infiniti. Attualmente solo due vincitori lavorano a Enstone e tre a Cranfield, ma questo perché molti di loro hanno voluto prima finire l'università o specializzarsi ulteriormente: Helling, ad esempio, ha appena iniziato un master. La Infiniti e la Renault sono rimaste in contatto con tutti i vincitori e intendono aspettarli fino a quando non finiranno gli studi.

TEST ANCHE SOTTO STRESS - La Infiniti Academy è aperta a ingegneri di ogni ramo, senza limiti di età, che dopo aver compilato un modulo di adesione vengono sottoposti a una prima "scrematura" e poi contattati da un'agenzia di selezione del personale. I dieci profili più interessanti vengono scelti per ciascuna delle sette finali finali regionali, che si svolgono con le stesse modalità e secondo le stesse prove. I finalisti vengono intervistati dalla giuria, di cui fa parte anche Bob Bell, il responsabile tecnico del team Renault F1; devono superare una prova sotto stress mentale e poi sono suddivisi in due gruppi, in gara fra loro per costruire e programmare due macchinine radiocomandate, che verranno poi messe l'una contro l'altra in una breve gara di accelerazione. Ciò sembra facile, ma in realtà i ragazzi devono lavorare di "fino" e gestire minuziosamente l'erogazione della potenza, da scaricare a terra su un terreno non studiato per questo tipo di attività (il pavimento è quello scivoloso di una stanza).

CASA E AUTO COMPRESE - Dopo queste prove vengono selezionati i tre candidati migliori, sottoposti il secondo giorno ad altri due test di bravura: uno della Castrol (partner della Renault F1) sulla composizione di un lubrificante e un altro davanti a giornalisti. Noi eravamo fra quelli presenti e abbiamo messo in difficoltà i ragazzi con domande di ogni tipo, per far capire alla giuria come se la cavano i finalisti davanti ai microfoni. Al termine di queste prove è stato nominato vincitore Benedikt Helling (nella foto qui sopra), studente 25enne di ingegneria dell'auto che inizierà il tirocinio a gennaio 2019, quando dovrà trasferirsi nel Regno Unito per 12 mesi in cambio di uno stipendio in linea con quelli di uno “junior engineer”, di un'auto aziendale, di una casa e di viaggi pagati verso casa. Insieme a lui ci saranno i 6 vincitori degli altri concorsi regionali.



Aggiungi un commento