NEWS

Infiniti QX50: tutta nuova e con un motore unico

24 novembre 2017

La nuova generazione della Infiniti QX50 porta all’esordio il primo motore di serie con rapporto di compressione variabile VC-T.

Infiniti QX50: tutta nuova e con un motore unico

GRANDE NOVITÀ - La nuova edizione della suv media Infiniti QX50 (qui sopra) si fa notare anche per all’esordio di una tecnologia a cui la casa giapponese lavora da anni, che rappresenta una novità assoluta nel mondo delle automobili: il motore con rapporto di compressione variabile. Si chiama VC-T e consente di variare il rapporto di compressione, ovvero il rapporto tra il volume totale del cilindro quando il pistone è al punto morto inferiore, dopo la fase di aspirazione, e il volume che rimane nel cilindro quando il pistone è al punto morto superiore dopo la compressione (guarda il video qui sotto). Più il valore è alto, come accade nei diesel, e più il rendimento cresce. La variazione del rapporto è gestita in maniera del tutto automatica e spazia fra 8:1 e 14:1 unendo così i pregi dei diesel (efficienza) a quelli dei benzina (prestazioni). Ciò influisce anche sulla cilindrata del motore: varia da 1.997 cc quando il rapporto è 8:1 a 1.970 cc quando è 14:1.

2.0 DA 272 CV - Il primo motore VC-T della Infiniti è un benzina a quattro cilindri 2.0 turbo da 272 CV e 380 CV, secondo quanto anticipato dal costruttore, che parla di percorrenze superiori a 11 km con un litro di benzina (ottenuti secondo i più severi test di consumo negli Stati Uniti). La Infiniti ha calcolato un miglioramento dell’efficienza fino al 35% rispetto al V6 della vecchia edizione. Il cambio della Infiniti QX50 2018 è un automatico a variazione continua di rapporto, che promette un maggior confort a bordo stando alla Infiniti. La grande innovazione del motore VC-T rischia di mettere in secondo piano le altre novità della Infiniti QX50 2018, che il costruttore giapponese mostrerà per la prima volta al Salone dell’automobile di Los Angeles (1-10 dicembre) dopo l’anteprima di oggi. La suv misura in lunghezza 470 cm e ha dimensioni simili alle Alfa Romeo Stelvio e BMW X3, le sue principali concorrenti, a cui si ispira per il disegno sportiveggiante della carrozzeria.

NUOVA MECCANICA - L’altra grande novità della Infiniti QX50 è il passaggio ad una nuova piattaforma costruttiva a trazione anteriore o integrale, fabbricata con acciai ad alta resistenza e in grado di migliorare il comportamento su strada: il nuovo modello è più leggero e il suo telaio offre una maggiore rigidità strutturale, secondo la Infiniti, che ha lavorato in questa direzione per migliorare la precisione di guida e anche il comfort, visto che una struttura più rigida fa lavorare meglio le sospensioni. La QX50 oggi in vendita ha una base a trazione posteriore o integrale. Il nuovo modello ha il divano posteriore scorrevole e nuove tecnologia di assistenza alla guida, a partire dal ProPilot Assist, che controlla lo sterzo, i freni, l’acceleratore e mantiene l’auto nella corsia di marcia in autostrada. Ne sapremo di più nei prossimi giorni quando la vettura sarà svelata al Salone di Los Angeles.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
24 novembre 2017 - 11:48
Bello è bello, ma il design si è abbastanza uniformato agli standard mentre prima avevano un look personale che le facevano apparire esotiche, come il bellissimo QX70, ormai vecchiotto ma ancora attualissimo e uno stile da auto coupe in tutti i sensi, altro che X6 e GLE coupe.
Ritratto di AMG
24 novembre 2017 - 12:41
Il design esterno del QX70 è stato ed è sensazionale, ma gli altri modelli non spiccavano altrettanto per la linea. Il QX50 precedente ad esempio non mi è mai sembrato particolarmente riuscito o accattivante nel segmento.
Ritratto di bridge
24 novembre 2017 - 21:03
1
A me piaceva la prima FX (2003 - 2008). Se ne vedevano pochissime (naturalmente di importazione parallela) e aveva il giusto mix di fascino americano e giapponese. Con il nuovo modello, prima chiamato sempre FX e dal 2013 QX70, non mi ha mai preso come il primo. L'attuale modello è a fine produzione e per la sua erede bisognerà aspettare il 2021 o il 2022.
Ritratto di Fr4ncesco
25 novembre 2017 - 10:03
Si vero, l'FX era proprio bello. Penso che inizio '00 sia stato il migliore corso stilistico di Infiniti.
Ritratto di manuel1975
24 novembre 2017 - 12:30
a me sembrano pochi 11 km litro di media. poi spero che questa tecnologia venga applicata anche motori piu piccoli come i i 3 cilindri 1.0 o i 4 cilindri 1.4 1.6
Ritratto di Luke_66
24 novembre 2017 - 13:23
4
Su un SUV di queste dimensioni invece io non sono convinto del cambio a variazione continua... Sara' piu' efficiente ma l'effetto scooterone su una macchina cosi' non e' accettabile.
Ritratto di MAXTONE
24 novembre 2017 - 16:12
In realtà non è un effetto scooter ma un effetto "aereo" che non solo non disturba ma è anzi piacevole perché l'idea che trasmette è quella di una spinta vigorosa e inarrestabile non essendo disturbata dall'entrata dei vari rapporti. Su auto di questo tipo come anche su lussuose ammiraglie, è il massimo.
Ritratto di Agl75
26 novembre 2017 - 09:21
Linea apprezzabile sebbene sia nata già “vecchia”: come da commenti precedenti, si vede un certo conformismo a concorrente del segmento per cui pare che conosciamo quest’auto da sempre. 11km/l con quel peso non è male, sempre che si valutino condizioni reali di guida. Sto cercando di capire le differenze sostanziali tra la prova USA, citata nell’articolo e quella tradizionale : qualcuno ha un link?
Ritratto di schizzo650
27 novembre 2017 - 11:22
Ottimo lavoro di ingegneria il tempo ci dirà se è la scelta giusta
Ritratto di Challenger RT
29 novembre 2017 - 03:22
Gentile redazione: 380 Nm, non CV.
Pagine