NEWS

Quattro chiacchiere con Olivier Francois

04 luglio 2015

A margine della presentazione della nuova Fiat 500, il numero uno del marchio Fiat ci ha raccontato quali sono i futuri programmi.

Quattro chiacchiere con Olivier Francois
Come sta andando la 500 negli Usa?
Bene, l'abbiamo proposta non come un'auto, ma come un oggetto e ha trovato i suoi estimatori.
 
Nell'ambito di FCA il marchio Fiat che ruolo avrà?
Svilupperà le due anime che ha ora. Da una parte quella emozionale, con la famiglia 500 che non vogliono essere delle auto premium accessibili a pochi, ma delle vetture con un qualcosa in più e che in molti possono acquistare. Quest'anno prevediamo di produrre 180.000 Fiat 500 in Polonia, più altre 60.000 in Messico. L'altra anima è quella pratica, che offre modelli come la Panda e la Freemont, considerata come una sorta di maxi Panda, che pur nella loro razionalità, non sono veicoli avvilenti, ma simpatici e funzionali come un paio di jeans.
 
Le vetture che deriveranno dalla berlina con baule separato Aegea che avete presentato al Salone Istanbul, di quale famiglia faranno parte?
Di quella pratica, cioè della Panda. La Aegea berlina sarà presente a marzo 2016 al Salone di Ginevra, dove debutteranno le versioni a cinque porte e wagon. Saranno auto pratiche, ma con una loro personalità, ma per ora non posso dire di più. 
 
E la spider condivisa con la Mazda?
È pronta, probabilmente sarà anche lei a Ginevra. Ma, forse, la vedrete prima.
 
Ci può anticipare qualcosa sull'erede della Punto?
L'attuale Punto si vende ancora, quest'anno ne produrremo 100.000. Per la sua erede, a me piacerebbe una 500 a cinque porte, che abbia l'aspetto di quella a tre che abbiamo appena presentato, ma più grande e, ovviamente, con due porte in più. Vedremo.




Aggiungi un commento
Ritratto di roger82
7 luglio 2015 - 18:14
la punto e la corsa sono 2 auto completamente diverse anche se nate dallo stesso pianale?!?!?!?!? ahahahahahahahahahah ke ridere!!! la punto di segmento B e la Corsa di segmento A??? sono tutte e 2 auto di segmento B!!! quindi nessuna diversità!!! sei sempre più ridicolo...
Ritratto di wesker8719
4 luglio 2015 - 10:28
in realtà la leader del segmento è proprio la 500 , magra consolazione la leadership del segmento A e pena in tutto il resto del mercato
Ritratto di autolog
4 luglio 2015 - 12:30
La 500L è uno dei leader nel segmento monovolume e la 500X appena uscita sta scalando a sua volta quello dei piccoli SUV. Non mi pare proprio che quello che dici sia vero, forse uno o due anni fa poteva in parte esserlo ma le cose coi nuovi modelli stanno cambiando (anche se a te dispiace - e lo sanno tutti quanto sei fazioso)
Ritratto di wesker8719
4 luglio 2015 - 14:07
la 500l è leader di una mini categoria creata ad hoc che dopo un solo anno sta scomparendo ,schiacciata dai sempre più diffusi suv di segmento B, la 500x è vero che sta scalando le posizioni ma si trova comunque al sesto posto nel segmento dopo Captur, Mokka, 2008, Duster e Juke, nel segmento B puro non esistono, nel segmento C nemmeno , nel D anche ,nella categoria monovolume medio non esistono e idem in quella dei suv medi , nella categoria monovolume grande neanche , dici che ho esagerato scrivendo che tolto il segmento A non hanno niente ?
Ritratto di Baf
4 luglio 2015 - 11:19
La città si chiama IstaNbul. Inoltre c'è un errore nella domanda sulla spider condivisa con LA Mazda.
Ritratto di Moreno1999
4 luglio 2015 - 19:19
4
Anche io ho l'abitudine di mettere articoli davanti ai nomi propri! Comunque su Istanbul (presumo abbiano scritto Istambul in precedenza) hanno commesso un altro errore correggendo: Salone Istanbul (nessuna preposizione)
Ritratto di Baf
4 luglio 2015 - 19:34
In realtà non è sbagliato mettere l'articolo davanti ai nomi propri se non sono nomi propri di persona (ad es.: il Sole), ma in ogni caso dire "la Simona" non è che sia poi un errore così grave :) . In realtà i avevano scritto "al Mazda" (saranno le influenze di Istanbul).
Ritratto di M93
4 luglio 2015 - 19:39
Hai ragione, anche io ci avevo fatto caso, ma ormai non segnalo più errori o sviste, perché (non è questo il caso) spesso e volentieri vengono ignorate e, qualora vengano corrette, non vie e segnalato. Concordo con Moreno: da buon lombardo, capita anche a me di sbagliare e anteporre l'articolo al nome proprio, ma solo nel parlato. Un saluto.
Ritratto di Baf
4 luglio 2015 - 19:50
Noi ci proviamo, poi se non correggono peggio per loro :)
Ritratto di M93
4 luglio 2015 - 19:52
Su questo hai perfettamente ragione e credo che un buon feedback da parte degli utenti, in taluni casi, sia apprezzabile. Un saluto ;)
Pagine