NEWS

Jaguar F-Pace: ultimi collaudi prima del lancio

30 luglio 2015

La prima suv firmata Jaguar debutta nel 2016. Nel frattempo si fa i muscoli sul ghiaccio, nel deserto e in pista.

Jaguar F-Pace: ultimi collaudi prima del lancio
AVVENTUROSA - Non è certo concepita per il fuoristrada, anzi viene messa a punto per una guidabilità di alto livello su strada, ma la Jaguar F-Pace di terreni difficili ne ha visti eccome a giudicare dalle immagini diffuse dalla casa inglese. Questa sua prima suv, che sarà svelata fra un mese al salone di Francoforte, è un prodotto cruciale per la Jaguar, che ha investito oltre 1,5 miliardi di sterline per la realizzazione della nuova famiglia di modelli XE ed F-Pace. A loro è affidata la missione di far crescere le vendite complessive oltre le 200.000 unità l'anno (sono state solo 81.570 nel 2014).
 
TEDESCHE NEL MIRINO - La Jaguar F-Pace ha compiuto test nel deserto di Dubai (un mercato di grande rilievo per la suv), nel nord della Svezia (fino a -40° C), senza tralasciare neppure il Nürburgring, dal momento che, tra gli obiettivi di progetto, la guida sportiva riveste un ruolo di primo piano. Vedere le foto diffuse dalla casa, dove la vettura è ancora camuffata, per credere. La F-Pace sarà in competizione con le suv tedesche Audi Q5, BMW X3, Mercedes GLC e Porsche Macan.
 
IN COMUNE CON LA XE - Il sistema di trazione integrale della Jaguar F-Pace è integrato con il sistema All Surface Progress Control, già introdotto sulla berlina XE (con cui la suv condivide il pianale e la scocca in alluminio): un cruise control che funziona alle velocità più basse e che permette al pilota di concentrarsi sulla guida quando l’aderenza è precaria. Dalla XE (e dalla XF) derivano i motori: i quattro cilindri 2.0 della famiglia Ingenium e i sei cilindri a gasolio, fino a 300 CV, e benzina con compressore volumetrico da 340 CV.
VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di osmica
31 luglio 2015 - 19:38
Interessante. Un'altra volta, dopo la matematica, pure la fisica e' opinione. E' difficile capire come si puo' essere piu' sfruttabile una vettura con minor altezza interna, con un bagagliaio piu' alto da terra e con lo schienale di due sole parti contro le 3 della Meriva. E pensare che la Meriva non mi piace per niente e trovo le porte posteriori tutt'altro che agevoli. Se vuoi fare discorsi sensati, incomincia col dire che avete comprato la Captur perche' vi piaceva di piu' o che l'altra non vi convinceva per x motivi. Ma non fare discorsi sul bagagliaio e/o sulla sfruttabilita' che non stanno ne in cielo ne in terra.
Ritratto di rikykadjar
31 luglio 2015 - 23:20
3
Era più adatta alle nostre esigenze di spazio e sfruttabili. La Meriva ci piaceva di più ma vuoi che il venditore è stato INCOMPETENTE e vuoi tante altre picolezze che ci siamo orientati sula Captur. Un saluto.
Ritratto di Galimj
1 agosto 2015 - 12:20
4
Sottoscrivo e condivido ogni parola di Moreno. Anche se io continuo a preferire i fuoristrada, non a caso mia mamma e mio papà hanno patriot e pajero
Ritratto di TheStig_97
30 luglio 2015 - 21:38
Tra i marchi premium mancavano Jaguar e Alfa Romeo a non avere nessun SUV in gamma ed entrambe hanno deciso di debuttare con un D-SUV. Ormai sull'F-Pace si sa molto, bella linea accattivante e buoni motori. Sono certo che se la caverà molto bene anche sull'off-road vista la parentela con Land Rover.
Ritratto di Fdkk
31 luglio 2015 - 04:50
2
Esatto, prima che alfa romeo possa entrare nel gruppo dei marchi premium, se mai accadrà, devono rivoluzionare il modo di fare le auto.
Ritratto di TheStig_97
31 luglio 2015 - 10:55
@Paglianti, Fdkk - Con il nuovo corso iniziato con la Giulia, Alfa Romeo è un marchio premium a tutti gli effetti, e anche il D-SUV che verrà lo sarà (sarebbe assurdo che lo posizionassero come generalista). Poi che mi dite che Giulietta e MiTo sono tutt'altro che premium avete tutta la ragione di questo mondo, ma dal 24 Giugno Alfa Romeo è rinata come premium e così le testate giornalistiche e gli appassionati la evidenziano. Un saluto ad entrambi.
Ritratto di osmica
31 luglio 2015 - 12:52
Interessante. Dove si fa il corso per diventare premium?
Ritratto di AMG
31 luglio 2015 - 13:34
Ahahah, sempre un'ironia tagliente e sagace. Anche per me una singola autovettura (peraltro MAI provata, testata o esaminata dal vivo!!!) non fa di un marchio un marchio premium. Ma ce ne vorrebbe. Prima dobbiamo vedere se questa Giulia è all'altezza delle premium e dopo dobbiamo analizzarne il successo e la gamma. Che attualmente è composta da tre modelli di cui forse solo la 4C è da non considerare un'utilitaria. L'Alfa deve anche ricrearsi come marchio a livello internazionale visto che tutti i concorrenti hanno una storia di premium da anni e che non è deceduta come quella dell'Alfa di oggi. In definitiva è troppo presto per parlare. E per anche solo nominare Alfa Romeo come un marchio premium.
Ritratto di osmica
31 luglio 2015 - 13:52
Quando ci vuole, ci vuole. Cmq tornando seri, hai ragione. Del resto, anche la Thema era premium e si diceva che la Lancia e' tornata. Talmente tornata che te le vendevano con lo sconto del 50% e ora aspetta l'eutanasia. Ben venga la Giulia, ma bisogna aspettare parecchio per dire che il marchio e' premium anche per il pubblico. E poco ci puoi fare quando una vettura puo' anche essere premium mentre le altre no.
Ritratto di SINISTRO
31 luglio 2015 - 13:34
3
Su mediaset.... :-DDDD
Pagine