NEWS

Jean-Philippe Imparato: “Anche elettrica l’Alfa Romeo di domani”

Pubblicato 21 aprile 2021

Il capo del brand Alfa Romeo parla del futuro del marchio: dalla Tonale, in vendita a giugno del 2022, agli sviluppi nel campo dell’elettrificazione.

Jean-Philippe Imparato: “Anche elettrica l’Alfa Romeo di domani”

UN MARCHIO GLOBALE - “Quello che mi ha colpito di più, quando sono arrivato all’Alfa Romeo, è la notorietà del marchio”. Nel suo primo incontro (rigorosamente online) con un gruppo di giornalisti, Jean-Philippe Imparato (nella foto qui sopra), 54 anni, ex capo della Peugeot e tra i più stretti collaboratori del numero uno di Stellantis Carlos Tavares, che gli ha affidato il brand italiano dopo la fusione tra FCA e PSA, insiste molto su concetti come passione, popolarità e community. “Il nostro è un marchio globale, conosciuto in tutto il mondo. Con enormi potenzialità. Può veramente diventare il brand premium di punta del gruppo. Ha bisogno di stabilità, di un management che non cambi strategia tutti i giorni”. Imparato ci parla in streaming dalla sede del nuovo quartier generale, in via Plava a Torino. Un luogo iconico, che gli appassionati conoscono perché qui hanno sede il centro stile di quello che una volta era il gruppo Fiat e, oggi, anche le attività italiane di Stellantis. L’headquarter (nelle foto qui sotto) sorge all’interno di un’area riqualificata (le storiche officine 83) dello stabilimento di Mirafiori, ed è stato scelto per permettere al team che gestisce il Biscione di operare a stretto contatto con i designer. Quarantanove manager, quasi tutti italiani, con i quali Imparato sta mettendo a punto i programmi che porteranno l’Alfa nel futuro. 

IN ARRIVO ANCHE UN’ELETTRICA - “Non credo che si debba parlare di rilancio in senso stretto. Dobbiamo ripartire da due prodotti come Giulia e Stelvio, dalle loro straordinarie qualità stradali. E vincere la sfida dell’elettrificazione, altrimenti con il taglio della CO2 del 60 per cento imposto dalla Ue entro il 2030, e le multe milionarie per chi non lo rispetta, sei morto”. I concetti chiave su cui sta lavorando la sua squadra sono tre: elettrificazione, appunto. E poi, piano di prodotto e qualità. La gamma dovrà essere progressivamente elettrificata, attraverso il lancio di versioni ibride ma anche di elettriche pure. “È ancora presto per parlarne, ma ormai si ragiona sullo sviluppo di accumulatori tali da garantire un’autonomia di 700-800 chilometri, e l’Alfa Romeo non potrà non essere della partita. Ovviamente la giocherà a modo suo, con la sua personalità. Quindi, massimo piacere di guida e grandi emozioni”. 

TONALE E BRENNERO - La prima Alfa di questa nuova era, spiega Imparato, è la Tonale (qui sotto la concept svelata nel 2019), la suv media che sarà in produzione a Pomigliano d’Arco da marzo dell’anno prossimo e che già al lancio (nella prima settimana di giugno) verrà proposta anche in una versione ibrida plug-in; quest’ultima “godrà di tutti gli aggiornamenti assicurati dal gruppo Stellantis, fondamentale nel supporto tecnico all’elettrificazione dei diversi brand”. Per quanto riguarda le piattaforme (le ultime indiscrezioni vogliono la Tonale realizzata sulla base della Jeep Compass), il manager francese non si sbilancia. Neanche a proposito del destino del raffinato “pianale Giorgio”, su cui sono costruite Giulia e Stelvio: “Posso solo dire che il gruppo Stellantis avrà tre piattaforme, “small”, “medium” e “large, per servire tutti i modelli di tutti i nostri marchi. È confermato, invece, che dalla fabbrica polacca di Tichy uscirà anche un’auto del Biscione: probabilmente verrà prodotta qui la piccola suv, conosciuta col nome Brennero, di cui già si era parlato nei mesi scorsi (qui la news). La dimensione globale del brand rende poi impensabile il ritiro dal mercato americano, “nel quale è estremamente difficile entrare, ma dove, una volta che ci sei e con un nome di questo calibro, devi giocartela”. L’altra area strategica è quella cinese, dove l’Alfa Romeo è conosciuta e apprezzata. “In Asia il nostro potenziale è enorme, ma prima dobbiamo essere solidi in Europa e Oltreatlantico”.

IL PESO DEL DESIGN - Naturalmente, le Alfa Romeo dovranno essere all’altezza della migliore tradizione (“Il piano prodotto prevede lo sviluppo di versioni Quadrifoglio, e la nostra sfida sarà anche quella di proporle in chiave elettrificata”) e fare leva sulla passione. Che non è solo performance estrema, riservata per l’appunto alle Quadrifoglio, ma la soddisfazione di guidare auto emozionanti con una spesa accettabile. “E lo dice uno che ha cominciato con una Giulia 1300, mentre mio papà aveva un’Alfetta e mia moglie un’Alfasud”. In questo, grande attenzione verrà riservata al design, esterno e interno, perché in un’auto del Biscione ci si deve sentire a casa. L’indiscrezione, non commentata da Jean-Philippe Imparato, dell’ingaggio di una star come Alejandro Mesonero "strappato" al gruppo Renault di Luca De Meo (vedi qui la news) sembrerebbe rafforzare questo orientamento. Strategico, secondo il capo del brand, sarà pure il coinvolgimento sempre più stretto di una community di appassionati che, con i suoi 350 club, ha pochi eguali a livello internazionale, e va valorizzata. Ma, prima ancora, l’Alfa Romeo “dovrà fare profitti. Non comunico i target di vendita che ci consentiranno di centrare questo obiettivo. Dico che nel mix le vetture destinate alle flotte non supereranno il 45 per cento. Ma, soprattutto, che dovremo lavorare seriamente sulla qualità e sulla tenuta del valore residuo delle nostre auto, puntando ai livelli dei costruttori tedeschi”. 





Aggiungi un commento
Ritratto di Dr.Torque
22 aprile 2021 - 14:59
Sì e no. Vero che ci vuole lo spazio sia mentale che fisico per pensare al futuro ma ho visto e ancora vedo troppi di questi "manager" (di qualsiasi età) che riescono a malapena a guidare la nave in acque tranquille, poi quando arriva un po' di tempesta (magari causata dalle loro scelte infauste e miopi) si schiantano contro gli scogli. Non dico che le foto risolvano ma non c'è futuro per chi non conosce il passato.
Ritratto di Matteo Tommasi
22 aprile 2021 - 09:45
Tutte qui che parlano della morte del pianale Giorgio, dimenticano che è l'unica piattaforma del gruppo a trazione posteriore. Inoltre il nuovo Grand Cherokee (appena presentato) è stato costruito sulla Giorgio, così come il nuovo suv Maserati, che sarà anche elettrico. Quindi la Giorgio supporta anche powertrain elettrici. Vorrei ricordare a katayama che il Giorgio non ha neanche una vite un comune con il pianale Chrysler delle Maserati attuali.
Ritratto di Sepp0
22 aprile 2021 - 10:43
Peccato che però l'unico marchio del gruppo con un'heritage da trazione posteriore sia Alfa e sia incidentalmente un marchio che al momento frutta zero. Ha senso investire così tanto in una piattaforma che usano 4 modelli in croce che non vendono (tolto il GC negli USA)?
Ritratto di Matteo Tommasi
22 aprile 2021 - 13:22
La Giorgio infatti finirà sotto tutte le prossime Maserati (a partire da Grecale e Granturismo) e sotto le prossime Dodge (Durango, Charger, Challenger). La piattaforma grande di cui si parla è probabilmente la Giorgio nella versione del Grecale e Granturismo, quindi pronta ai powertrain elettrici.
Ritratto di zero
26 aprile 2021 - 01:00
Esattamente. Infatti non so da dove possa essere uscita fuori questa idea di una sua pur lontana parentela tra il pianale Giorgio e il vecchio pianale Chrysler della Ghibli! Anche io credo che proprio Giorgio (pure elettrificato) sarà il pianale «large» citato da Imparato
Ritratto di ziobell0
22 aprile 2021 - 10:18
o.t. - 54 anni portati malissimo ... pensavo ne avesse 74
Ritratto di Oxygenerator
22 aprile 2021 - 13:42
:-))))) Vero
Ritratto di Chotty
22 aprile 2021 - 14:56
1
È una scelta di coerenza con la Tonale: deve ancora nascere ed è già vecchia....
Ritratto di nsx
22 aprile 2021 - 11:01
Nel 2020 la casa del Biscione ha consegnato nel nostro Paese 17.202 unità, per una decrescita del 33,5% rispetto a tutto il 2019. Ma quando chiudiamo
Ritratto di Oxygenerator
22 aprile 2021 - 13:43
@nsx La famosa decrescita felice ?
Pagine