Jeep Compass: debutto in Europa

07 marzo 2017

Esordisce al Salone di Ginevra la nuova Compass modello intermedio tra Renegade e Cherokee.

Jeep Compass: debutto in Europa

GIÀ ORDINABILE - Arriverà in Italia nella prossima estate. Nel frattempo, però, la nuova Jeep Compass è già ordinabile da domani, in tutte le concessionarie del marchio e a partire da 25.000 euro. Svelata in Europa al Salone di Ginevra poche ore fa, l’inedita suv della Jeep unisce la tradizione del marchio ai sistemi di guida e sicurezza di ultima generazione. La nuova Compass va ad inserirsi nella categoria delle suv compatte che avrà una crescita stimata del 20% entro il 2020 e che vede Jeep tra le protagoniste assolute per aggiudicarsi una larga fetta di vendite. Mike Manley, il numero uno del marchio statunitense, prevede che la Compass diventerà il modello più venduto dell'intera gamma, anche più della Renegade. E contribuirà all'ulteriore crescita di Jeep, che finora ha avuto del miracoloso: dalle 360.000 unità vendute nel 2009, l'anno scorso si è arrivati a un milione e mezzo. E per il 2018 si punta a 1,9 milioni di unità.

GLI ESTERNI - L’estetica della Jeep Compass 2017 è stata completamente rinnovata pur mantenendo tratti inconfondibili del marchio Jeep come i passaruota trapezoidali e la griglia anteriore con sette feritoie; in quest’ultima, il tocco di novità è giocato dalla cornice lucida. Un accento di grande carattere è invece posto dalle cornici dei fari, nere. I fari a LED, di forma rettangolare, spiccano nel posteriore pur amalgamandosi nel design del portellone. I finestrini hanno un elemento che gira tutto intorno alla Suv: questo aspetto, ribattezzato DLO, dona grande particolarità e distingue i tratti della nuova Compass. 

GLI INTERNI - Dettagli curati e forme tradizionali sono tratti caratteristici degli interni della Jeep Compass. Nella plancia, che richiama nelle forme la tradizione del marchio, spicca il display con sistema UConnect che può essere da 5,0", 7,0" o 8,4". Nel quattro strumenti c’è il display a LED da 3,5 o da 7 pollici. Il sistema UConnect con navigatore ha lo schermo ad alta definizione con sistema touch capacitivo e comprende le funzionalità Apple CarPlay e Android Auto.

MOTORIZZAZIONE E VERSIONI - Chi comprerà una Jeep Compass, potrà scegliere tra due motori a benzina e tre motori diesel. Partiamo dai benzina con il MultiAir2 Turbo da 1,4 litri con Stop&Start, 140 CV di potenza a 5.000 giri e 230 Nm di coppia a 1.750 giri, abbinato al cambio manuale a sei marce e alla configurazione 4x2; si passa, poi, al MultiAir2 Turbo da 1,4 litri da 170 CV a 5.500 giri e 250 Nm di coppia a 2.500 giri, abbinato al cambio automatico a nove marce e alla trazione 4x4. Per quanto riguarda i diesel, c’è il 1.6 MultiJet II da 120 CV di potenza a 3.750 giri e 320 Nm di coppia a 1.750 giri, abbinato al cambio manuale a sei marce e alla configurazione 4x2; a questo, si aggiunge il 2.0 MultiJet II da 140 CV a 4.000 giri e 350 Nm di coppia a 1.750 giri, con cambio automatico a nove marce o manuale a sei marce e trazione 4x4. C’è poi una versione più potente del 2.0 che arriva a 170 cavalli: in questo ultimo caso, il cambio automatico a nove marce e la configurazione 4x4. Gli allestimenti disponibili sono: Sport, Longitude, Limited e Trailhawk. Il limited è la versione di punta per eleganza e comodità, il Trailhawk è invece la versione più da off-road.

IL 4X4 MADE IN JEEP - L’"off-road" è da sempre una caratteristica imprescindibile della Jeep. In questo contesto, il 4x4 rappresenta un aspetto determinante. Nel caso della Jeep Compass, si tratta di una trazione integrale con funzionamento ottimale gestito dai sistemi elettronici Jeep Active Drive e Jeep Active Drive Low; ciascun sistema è in grado di inviare il 100% della coppia disponibile a qualsiasi ruota se necessario. La Jeep Compass è inoltre dotata di un dispositivo di disconnessione dell'assale posteriore e di un'unità di trasmissione della potenza (PTU) per ridurre ulteriormente i consumi sui modelli con configurazione 4x4. Entrambi i sistemi Jeep Active Drive e Active Drive Low entrano automaticamente in funzione quando si rende necessaria la trazione integrale.

LA OPENING EDITION AL LANCIO - Per il debutto in concessionaria, la Jeep Compass sarà proposta con il pacchetto opening edition. Tra la dotazione di serie, ci sono Beats Audio System, Bluetooth con streaming audio, cerchi in lega da 18'', climatizzatore automatico bi-zona, cluster TFT a colori da 7'', comandi audio al volante, fari fendinebbia, freno di stazionamento elettrico, Full Speed forward collision warning, Hill start assist, Lane Keep Assist, sensori di parcheggio posteriori, navigazione Uconnect con display touchscreen da 8,4''. Inoltre, spiccano nel pacchetto le luci a LED, i vetri oscurati, l'esclusiva modanatura cromata DLO che avvolge non solo il profilo dei cristalli laterali ma anche la parte posteriore e la vernice metallizzata. La Jeep Compass Opening Edition sarà equipaggiata con il 2.0 Multijet 140CV 4WD e cambio automatico a 9 marce. Per chi, invece, vuole scoprire la nuova Compass in tutte le sue varianti, ecco che interviene la realtà aumentata: in tutte le concessionarie Jeep, grazie a Tango di Google, i possibili clienti potranno “toccare con mano”, anche se solo virtualmente, l’ultima nata.

Jeep Compass
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
149
70
40
28
21
VOTO MEDIO
4,0
3.96753
308


Aggiungi un commento
Ritratto di luperk
7 marzo 2017 - 18:47
Sono dispiaciuto che abbia già perso alcune comparative con audi q3 e kia sportage. Però secondo me è un buon prodotto
Ritratto di money82
7 marzo 2017 - 18:57
1
Esteticamente molto bella e riuscita, interni non all' altezza del prezzo. Praticamente le plastiche di una punto su un auto che mediamente costerà 32-33.000 euro? Sono riusciti a fare un ottimo prodotto fuori ma lo zampino fiat o fca in negativo si vede sempre.
Ritratto di UnAltroFiattaro
7 marzo 2017 - 23:40
< copio da sopra > Gli interni non fanno impazzire neanche me (e sinceramente un po' su tutte le Jeep...) ma dire che è colpa di FIAT è assolutamente fuori luogo poiché il modulo del climatizzatore e l'insieme display centrale e bocchette sono tutte di origine Chrysler e sono state (purtroppo) progettate prima della fusione. Per esempio quelle della 500X sono molto più belle e moderne. L'errore secondo me è infatti quello di montare sui modelli attuali Jeep (che dovrebbero essere premium) una componentistica esteticamente data come questa... Ma forse lo fanno perché in USA piace così, boh...
Ritratto di UnAltroFiattaro
7 marzo 2017 - 23:41
money82 veramente le plastiche della Punto EVO sembrano migliori di queste...
Ritratto di Ercole1994
7 marzo 2017 - 19:29
Ecco il modello che potrebbe prendere il posto della Punto a Melfi, se Marchionne deciderà di produrla anche in Europa. Comunque mi piace esteticamente, perché mescola bene le linee di Renegade (in questo caso guardandola dal terzo finestrino laterale) e della Grand Cherokee (nell'anteriore). Decisamente riuscita.
Ritratto di lordpba
17 marzo 2017 - 12:08
7
Usa il pianale della Renegade o 500x? Altrimenti come fanno a farla a Melfi, la linea di produzione sarebbe completamente diversa...
Ritratto di napolmen4
7 marzo 2017 - 20:08
Sembra decisamente riuscita!! Un modello decisivo per rendere il marchio jeep un marchio globale!!
Ritratto di napolmen4
7 marzo 2017 - 20:09
Sembra decisamente riuscita!! Un modello decisivo per rendere il marchio jeep un marchio globale!!
Ritratto di metetore
7 marzo 2017 - 20:11
molto carina avanti così
Ritratto di Enrico1975
7 marzo 2017 - 20:42
Cosa ne pensate dell'auspicio che Marchionne ha fatto oggi a Ginevra di una fusione tra vw e fca in relazione agli ultimi eventi che hanno visto psa e Opel unirsi in un unico grande gruppo. Lui dice che le fusioni sono l'unica strada percorribile. Non penso che vw sarà interessata. Troppo potenti sono ancora come gruppo
Pagine