NEWS

Grand Cherokee: la Jeep prepara la nuova generazione

Pubblicato 14 giugno 2019

Tutta nuova, anche grazie al pianale derivato dall’Alfa Stelvio Stelvio, la Grand Cherokee dovrebbe arrivare nel 2020.

Grand Cherokee: la Jeep prepara la nuova generazione

ANCORA BEN COPERTA - Sono iniziati i test su strada della nuova Jeep Grand Cherokee, la suv rivale di BMW X5, Mercedes GLE e Volvo XC90. La quinta generazione della Grand Cherokee, attesa molto probabilmente nel 2020, sarà molto diversa da quella attuale, che risale al lontano 2010, anche se questo non si percepisce dalle foto spia pubblicate sul sito Motorauthority: la carrozzeria infatti è mascherata con vistose protezioni a celarne le forme.

IBRIDA E CONNESSA - La nuova generazione della Jeep Grand Cherokee, come indicato nel piano di sviluppo 2018-2022 della FCA, avrà un sistema ibrido con batterie ricaricabili dall’esterno, oltre a più tradizionali motori benzina e diesel (quest’ultimo per l’Europa). Non mancherà inoltre un evoluto sistema multimediale connesso ad internet, mentre dal 2021 dovrebbero arrivare aiuti elettronici studiati per la guida autonoma di livello 3, in grado di controllare automaticamente sterzo, acceleratore e freni anche se il guidatore non tiene le mani sul volante. 

UN PIANALE PER TRE - Ma la novità più importante per la Jeep Grand Cherokee 2020 è il cambio di piattaforma (l’attuale è ancora di origine Mercedes): verrà impiegata una evoluzione del pianale Giorgio, portato al debutto dalle Alfa Romeo Giulia e Stelvio, con passo e carreggiate maggiorati per far fronte alle dimensioni superiori della Grand Cherokee, che dovrebbe sfiorare i 490 cm. Lo stesso pianale sarà condiviso con la futura suv grande dell’Alfa Romeo e la seconda generazione della Maserati Levante.





Aggiungi un commento
Ritratto di tramsi
15 giugno 2019 - 18:40
AH AH AH AH AH AH AH AH
Ritratto di Rav
15 giugno 2019 - 12:02
3
Considerando che gli stipendi sono quelli che sono e che tutto costa parecchio, facciamo così, se ti intesti la mia linea elettrica e mi porti in giro quando faccio viaggi superiori all'autonomia reale, compro subito una vettura elettrica. Se invece posso fare rimborso spese della benzina posso prendere anche un benzina o ibrido, lo farei volentieri. A parte gli scherzi, se tra ecotassa e studi vari hanno "scoperto" che il diesel non è poi così dannoso come lo si voleva far passare, un motivo ci sarà. A mio parere basterebbe fare come stanno facendo tante case automobilistiche, ovvero proporre tutte le motorizzazioni possibili in modo da accontentare tutte le esigenze. PS. sì, sono un'automobilista inqualificabile.
Ritratto di Roomy79
18 giugno 2019 - 22:54
1
Nino nino nino nino
Ritratto di Giuliopedrali
15 giugno 2019 - 08:46
Tanto alla fine si vende una Cherokee, Grand Cherokee ogni 50 jeepette da noi, è questo dimostra come Jeep sia al traino di 500 X ed L.
Ritratto di remor
15 giugno 2019 - 09:28
In Usa invece si vendono, invece, 2 GrandCherokee per ogni Renegade. In Europa e in particolare Italia, presumo, si vendano anche molte più X1 che X5, molte più GLA che GLE, ecc. Ciò dimostrerebbe che Bmw sarebbe a traino di Mini Paceman e Countryman, e Mercedes di Smart? Non penso
Ritratto di ForzaItalia
15 giugno 2019 - 10:36
in usa ci sputano sulla renegade... giulio ha abbastanza ragione... per GGJG/NICKTWO/TWINTURBO invece missà che non hai capito cosa intendeva giulio dalla tua risp
Ritratto di Giuliopedrali
15 giugno 2019 - 12:38
Parlavo dell'Italia ed Europa, ovvio che in USA vanno enormi SUV e pick-up.
Ritratto di remor
15 giugno 2019 - 14:26
Infatti. Sembra che la loro forza sia proprio quella di aver adattato il brand e i modelli alle richieste dei vari mercati. Non per niente Grand Cherokee stravende in Usa e Renegade stravende in Italia. Non è che il G.Cherokee non vende qui per chissà quali motivi, ma essenzialmente perché per trovare la prima vettura premium nelle vendite di qualche articolo fa bisogna arrivare alla 50ima posizione con la Stelvio. E infatti, per chiudere il cerchio, la nuova G.Cherokee la fanno proprio sul pianale Giorgio, modificato tra l'altro.
Ritratto di Pavogear
15 giugno 2019 - 20:34
Pessima scelta a mio avviso. La grand cherokee è sempre stata una suv votata molto al fuoristrada pur facendo viaggiare molto comodi anche su asfalto, e sebbene ne siano state fatte versione supersportive come la srt o la trackhauk, non è mai stata questa la sua vocazione, non è mai stata una rivale di bmw, Mercedes e Audi di quelle dimensioni. Poi per carità, può darsi che venderà tanto visto che ormai della vocazione originale di queste auto non importa più niente a nessuno, però di certo la si sta snaturando troppo. È pur sempre una jeep in fondo
Ritratto di Sam593
18 giugno 2019 - 11:53
L'attuale generazione è basata sulla piattaforma della vecchia Mercedes classe E, e mi sembra che a livello fuoristradistico abbiano fatto un bel lavoro. Premesso che la Grand Cherokee non deve fare fuoristrada estremo, la piattaforma Alfa Romeo non ha nulla di inferiore rispetto alle vecchie piattaforme Mercedes, quindi non vedo il problema. Sempre se utilizzeranno quella piattaforma, visto che potrebbero anche utilizzare un'evoluzione di quella attuale, o addirittura quella del Maserati Levante.
Pagine