NEWS

Grand Cherokee: la Jeep prepara la nuova generazione

Pubblicato 14 giugno 2019

Tutta nuova, anche grazie al pianale derivato dall’Alfa Stelvio Stelvio, la Grand Cherokee dovrebbe arrivare nel 2020.

Grand Cherokee: la Jeep prepara la nuova generazione

ANCORA BEN COPERTA - Sono iniziati i test su strada della nuova Jeep Grand Cherokee, la suv rivale di BMW X5, Mercedes GLE e Volvo XC90. La quinta generazione della Grand Cherokee, attesa molto probabilmente nel 2020, sarà molto diversa da quella attuale, che risale al lontano 2010, anche se questo non si percepisce dalle foto spia pubblicate sul sito Motorauthority: la carrozzeria infatti è mascherata con vistose protezioni a celarne le forme.

IBRIDA E CONNESSA - La nuova generazione della Jeep Grand Cherokee, come indicato nel piano di sviluppo 2018-2022 della FCA, avrà un sistema ibrido con batterie ricaricabili dall’esterno, oltre a più tradizionali motori benzina e diesel (quest’ultimo per l’Europa). Non mancherà inoltre un evoluto sistema multimediale connesso ad internet, mentre dal 2021 dovrebbero arrivare aiuti elettronici studiati per la guida autonoma di livello 3, in grado di controllare automaticamente sterzo, acceleratore e freni anche se il guidatore non tiene le mani sul volante. 

UN PIANALE PER TRE - Ma la novità più importante per la Jeep Grand Cherokee 2020 è il cambio di piattaforma (l’attuale è ancora di origine Mercedes): verrà impiegata una evoluzione del pianale Giorgio, portato al debutto dalle Alfa Romeo Giulia e Stelvio, con passo e carreggiate maggiorati per far fronte alle dimensioni superiori della Grand Cherokee, che dovrebbe sfiorare i 490 cm. Lo stesso pianale sarà condiviso con la futura suv grande dell’Alfa Romeo e la seconda generazione della Maserati Levante.





Aggiungi un commento
Ritratto di Pavogear
18 giugno 2019 - 12:09
Credo che delle differenze, purtroppo, ci siano: la piattaforma della Stelvio è la stessa della Giulia ed è pensata per ottimizzare le prestazioni su strada, mentre la vecchia piattaforma Mercedes era pensata anche per la vecchia Mercedes classe M, la quale poteva avere le marce ridotte ed aveva una predisposizione al fuoristrada molto più marcata rispetto all' attuale modello. Poi chiaramente non escludo che la piattaforma della Stelvio possa essere ulteriormente migliorata nel fuoristrada, ma dubito che si possano raggiungere le qualità di quella della attuale grand cherokee
Ritratto di Illuca
15 giugno 2019 - 21:13
700 cavalli sotto il cofano e di solito un asino al volante
Ritratto di Gatsu
16 giugno 2019 - 11:19
2
Pensavo che la Giorgio fosse riservata solo ad Alfa e Maserati (visto che è sportivo), chissà quanto dovrà essere modificato x avere caratteristiche da fuoristrada per la jeep (praticamente sono filosofie di guida totalmente diverse)
Ritratto di Gatsu
16 giugno 2019 - 18:12
2
Sì ma lì l'hanno praticamente stravolto, chissà che progetti hanno per quella Giorgio
Ritratto di 82BOB
17 giugno 2019 - 09:59
2
L'attuale GC ha ancora un'architettura di derivazione MB che penso debbano dismettere... Usare la CUSW magari non differenzierebbe a sufficienza i prodotti (c'è già la cinese...) e per ovvi motivi i telai fuoristradistici male si adattano ad un SUV di lusso! Per me, giustamente, hanno pensato: sparagnamo lo sparagnabile e usiamo un'archtettura che già abbiamo! Se non vado errato, la Stelvio ha dato prova di buone capacità al di fuori della comfort zone, credo quindi che, modificando allo scopo sospensioni, differenziale, ecc., possano ottenere un risultato soddisfacente (in Jeep penso ne abbiano le capacità)! Queste architetture modulari consentono molta flessibilità e visti alcuni esempi passati non stento a credere che possano riuscirci!
Ritratto di Gatsu
17 giugno 2019 - 12:24
2
Secondo me la cosa è un po' più complicata perché i telai per fuoristrada devono essere più resistenti ed evitare la torsione che può derivare nei percorsi molto accidentati, cosa che i classici telai in circolazione non hanno, boh
Ritratto di Gatsu
17 giugno 2019 - 13:26
2
il che significa che non si discosterebbe granché dalla concorrenza che già fa la stessa cosa, invece Jeep dovrebbe essere un fuoristrada vero e proprio
Ritratto di remor
17 giugno 2019 - 14:34
Se ogni modello jeep tendesse, oggi, al fuoristrada vero e proprio ne venderebbero quanto vendono ancora ad esempio i Pajero o Patrol -esistono ancora?-, con sommo piacere invece dei vari suv delle altre marche che se ne prenderebbero il mercato.
Ritratto di 82BOB
17 giugno 2019 - 20:56
2
In ogni caso anche attualmente la GC è con un telaio a scocca portante, penso che sfruttare l'esperienza maturata con il telaio MB per adeguare la piattaforma Giorgio sia nelle possibilità degli ingegneri FCA!
Ritratto di Alfiere
17 giugno 2019 - 13:42
1
Il mercato si è ormai polarizzato anche in america, il fuori strada di lusso non esiste soppiantato dai moderni SUV, i quali hanno doti offroad soddisfacenti, e dai veicoli speciali dall'altra, come i RAM e la Wrangler. Ha senso per Jeep usare una piattaforma premium, perchè il concorrente ora è il X5 non il Ford Bronco.
Pagine