NEWS

Jeep Grand Cherokee Upland: una ricca dotazione

3 agosto 2018

La nuova versione Upland della Grand Cherokee costa 4.500 euro in più della Laredo, ma ha tanti accessori in aggiunta.

Jeep Grand Cherokee Upland: una ricca dotazione

QUALITÀ E PREZZO - È il ricco equipaggiamento di serie la “carta” su cui punta il nuovo allestimento Upland della suv grande Jeep Grand Cherokee, una versione disponibilein Italia al prezzo di 61.700 euro che abbina al look curato della carrozzeria una dotazione full optional. Il prezzo base è superiore di 4.500 euro alla Laredo, l'equipaggiamento di primo livello, ma di serie ci sono dotazioni che sulla Grand Cherokee Laredo vanno pagate a parte: fra queste il sistema multimediale con schermo a sfioramento di 8,4” nella consolle (sulla Laredo è di 7”), i sensori di prossimità anteriori e posteriori ed i sedili anteriori regolabili elettricamente. Sono compresi nel prezzo anche le funzionalità Apple CarPlay e Android Auto, il “clima” automatico bizona, i fari anteriori allo xeno, il regolatore di velocità, l'accensione automatica di luci e lavavetro, i fari fendinebbia a led e lo specchietto retrovisore interno auto-scurente.

LOOK CURATO - La Jeep Grand Cherokee Upland ha in più rispetto alla Laredo anche le ruote di 20” verniciate in nero lucido (di 18” sulla Laredo), i vetri laterali posteriori oscurati e particolari della carrozzeria in nero, a partire dalla mascherina, lo stesso colore che si ritrova per i rivestimenti e le finiture nell'abitacolo. L'unico motore disponibile per la Grand Cherokee Upland 2018 è il turbodiesel 3.0 CRD da 250 CV, abbinato al cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale permanente Quadra-Trac, più evoluta di altre suv perché comprende le marce ridotte e un sistema in grado di ripartire la coppia al 50/50 fra le ruote anteriori e posteriori alla pressione di un tasto, dotazioni molto utili per affrontare senza rischi anche percorsi fuoristrada piuttosto impegnativi.

Jeep Grand Cherokee
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
206
98
49
12
26
VOTO MEDIO
4,1
4.140665
391
Aggiungi un commento
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 14:17
1
Io non sono amante dei suv ma se poi una Lamborghini Urus sta davanti a Vairano a quella che fino a ieri era la berlina più veloce del circuito mi toccherà per forza ricredermi su queste nuove stupende vetture Lamborghini
Ritratto di gjgg
3 agosto 2018 - 14:39
1
Non si è capito se quindi ora Variano è il nuovo circuito di riferimento per i tempi la posto del Ring
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 14:51
1
Non penso serva perdere tempo per divagare nel discorso, perché allora con tutto rispetto va a finire che le migliori Ferrari di sempre come LaFerrari o la 488 Pista sono supercar inutili non avendoci girato al ring
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 14:53
1
Penso sia invece molto più importante il risultato confrontabile a pari pilota della Urus vs tutte. Se qualcuno mi avesse raccontato che un mezzo da 2,2 tonnellate sarebbe riuscito a girare in 1:16.33 mai e poi mai ci avrei creduto, e invece...
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 14:54
1
Se poi ci mettiamo creme de la creme che la Urus fino a ieri doveva essere soltanto una Audi ricarozzata allora il tempo di 1:16.33 diventa davvero strepitoso.
Ritratto di gjgg
3 agosto 2018 - 15:22
1
Non sto dicendo di contenere l'entusiasmo ma solo che il tempo a Vairano resta il tempo a Vairano. Infatti se si va a vedere in quel circuito le girano della Urus molto meglio auto come la R8 v10 plus (che al Ring gira come la Giulia Q) o la Cayman Gt4 (che mi sembra al Ring faccia 7:40, o 7:42 non si è capito, comunque peggio della Giulia) o la NSX (anche lei col suo 7:36 peggio della Giulia al Ring). Aspettiamo di vederla in azione, questa Urus, sull'inferno verde e poi facciamo le considerazioni sul fatto di essere o meno più veloce della più veloce delle berline (infatti nello stesso Vairano è la M5 la berlina più veloce, nemmeno la Giulia, poi). Fra l'altro tutti a questo punto si chiederanno a chi aspettano allora per andare al Nurb?
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 15:31
1
Non serve certo contenere l'entusiasmo quando si paragona il tempo a Vairano a parità di pilota. Infatti se si va a vedere i tempo al ring si scopre che viene fatta una frittata unica fra tempi fatti dalle case automobilistiche e tempi fatti da una rivista con un auto usata ricevuta in prova dopo chissà quanti maltrattamenti e usura di freni, gomme, ecc.. Così scopriamo proprio come al ring una BMW M4 GTS abbia girato ben 10 secondi più veloce quando guidata da BMW e la Porsche 918 addirittura ben 16 secondi più veloce quando guidata da Porsche rispetto ai tempi fatti dalle riviste come il tempo farlocco della R8 https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_N%C3%BCrburgring_Nordschleife_lap_times . Invece i tempi a Vairano sono così chiari e limpidi da essere perfetti, stessa pista, stesso pilota, stesse condizioni dei veicoli in prova. E vedere questa meravigliosa Urus fare un tempone di 1:16.33 o la M5 fare un tempone di 1:15.73 fa capire come a parità di condizioni non c'è storia nei rispettivi segmenti
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 15:36
1
Però davvero, 1:16.33 chi l'avrebbe mai detto, un suv criticato che doveva essere un Q7 ricarozzato costruito da un marchio che neanche li aveva mai fatto i suv. Poi a Vairano si aggiudica il primato del suv più veloce del mondo lasciandosi alle spalle i suv che fino ad ora credevamo i migliori, con un distacco netto e inimmaginabile
Ritratto di nickthree
3 agosto 2018 - 15:37
1
Poi voglio dire 1:16.33 è un tempo praticamente identico ad una Ferrari FF 660HP o una Ferrari 599 GTO 670HP. A questo punto bisogna davvero ricredersi sui suv quando a sfornarli è sua maestà Lamborghini
Ritratto di gjgg
3 agosto 2018 - 16:19
1
Vedi precedente mio commento: gira a Vairano, l'Urus, più lento di una Bmw diesel da nemmeno 390Hp che puoi trovare usata a meno di 40 mila euro (per far capire che è un modello del lontano 2012). Se la chiave di scelta fosse il suo tempo in pista a Vairano penso(*) correrebbero tutti a prendersi una BMW M550d xDrive usata e magari coi rimanenti 160-170 mila euro comprarsi sia una Giulia che una Stelvio (entrambe nuove) che, intanto, sono ANCORA entrambe detentrici del primato ognuna del proprio segmento al Ring (ossia in un tracciato dove non capita ce poi vengano messe dietro da auto diesel con una mezza dozzina di anni già sulla groppa e quasi la metà dei cavalli). (*) Poi sono scelte
Pagine