NEWS

Jeep Wrangler 2018: le prime immagini

01 novembre 2017

La Jeep ha diffuso alcune foto della nuova generazione della Wrangler che sarà presentata al Salone di Los Angeles.

Jeep Wrangler 2018: le prime immagini

DEBUTTO A LOS ANGELES - Solo poche informazioni accompagnano le prime tre foto ufficiali della nuova Jeep Wrangler una delle fuoristrada per eccellenza, vera e propria icona della casa americana parte del gruppo FCA. Sappiamo che sarà presentata il 29 novembre al Salone di Los Angeles e in quell'occasione saranno diffuse anche tutte le informazioni tecniche a riguardo. La casa si è limitata a dire che sarà dotata di motori più puliti, molte opzioni per il fuoristrada più estremo e dotazioni tecnologiche e di sicurezza più avanzate.

UN LOOK INCONFONDIBILE - Per ora dobbiamo accontentarci di esaminare le forme di questa nuova Jeep Wrangler 2018, che restano assolutamente fedeli a quelle della generazione precedente, tanto che un occhio poco attento faticherà a distinguerle. Comprensibile che i designer della Jeep non abbiamo voluto sconvolgere un'auto che nell'immaginario collettivo è sinonimo stesso di fuoristrada, è "la Jeep". Oltre ai classici elementi di stile che l'hanno resa celebre dalle foto si vede anche il parabrezza reclinabile, una vera rarità oggi giorno.

Jeep Wrangler Unlimited
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
39
6
7
9
13
VOTO MEDIO
3,7
3.66216
74




Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 06:57
2
Però deriva gradualmente rifacendo un percorso a ritrovo in tale senso addirittura dal CJ-7, mentre la mini un bel giorno del 2001 hanno deciso di fare un'auto nuova e come? Riprendendo gli stilemi della prima in chiave moderna (tant'è che che la prima serie attuale la riferiamo a quella del '01), con un layout moderno da trazione anteriore e motore anteriore. Certo più pratico di quello a sbalzo della 500 improponibile adesso. La Twingo/Smart con il prooulsore in quella collocazione hanno quale limite, come la difficoltà ad accedere al vano motore, al fatto che il baule si riscaldi e che può sovrasterzare (esperienze provate in prima persona con un'auto sostitutiva). Anche la mia osservazione chiaramente era riferita all'eccellenza del Wrangler nel suo campo.
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 08:09
2
Preciso, se la Mini di Issigonis fosse stata a trazione posteriore e motore a sbalzo quella attuale difficile avrebbe ripreso questa configurazione in quanto "tutto avanti" è più pratico da 40 anni a questa parte.
Ritratto di AMG
2 novembre 2017 - 13:35
Ho seguito il discorso e devo dire che, ancora una volta ISmart dimostra una capacità di argomentazione altissima, impossibile non concordare perfettamente. Anche per me il classe G è la 911 delle suv. E comunque ho trovato sempre più "icona" la G e la Defender del Wrangler. Non sminuendo quest'ultima. Ma le altre due sono sempre rimaste ancora più fedeli a sé stesse e comunque sono molto più europee del fuoristrada americano, che diciamolo, prima che il marchio diventasse parte del gruppo Fiat in Italia anche da altri è sempre stata meno considerata, così come il marchio Jeep in generale. Da quando è divenuta FCA e non più Daimler Chrysler c'è stata una rivalutazione pubblica sul marchio allucinante. E diciamo che inizialmente nemmeno giustificata perché la Renegade, anche non volendone parlar male, agli occhi di a chi Jeep piaceva, era una sorta di piccolo abominio Fiat.
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 13:53
2
Allora, la Mini "moderna" ha il layout come la classica per il semplice fatto che già anticipava la tendenza futura del tutto avanti, e per questo ne va merito (migliore abitabilità ecc), dunque come già ho espresso, se la Mini "originale" avesse avuto un layout differente quella attuale difficilmente non avrebbe seguito l'impostazione motore e trazione anteriore. Ora, la CJ-7 si è continuamente evoluta in maniera naturale durante il tempo, non per vezzi meramente estetici ma per motivi pratici (poi diventati iconici comunque), cosa che invece è successo nel 2001 in BMW (tra l'altro la mini classica nasceva comunque per motivi economici, tant'è che doveva essere più piccola ed economa delle berline tradizionali ed è stata prodotta per lo stesso motivo in alcuni posti del mondo con la funzione di "motorizzare" la popolazione, ad esempio il Cile dove però la carrozzeria era in resina). Quindi dire che la Mini moderna sia quella d'epoca ha fini esclusivamente di marketing. Capitolo Twingo, io ho provato la Smart 2 porte, comunque trovo il paragone con la 911 abbastanza simpatico e in situazioni di emergenza la differenza tra TP e TA si sente anche su una piccola auto. La Classe G. È chiaro che non sia al 100% quella del '79 ma ha subito varie modifiche ma nell' insieme è scontato dire che è rimasta pressoché la stessa.
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 15:02
2
Penso di aver argomentativo anche io molto bene e di certo il layout moto. e traz. anteriore non è un'invezione Mini, semplicemente nel 2001 non poteva essere altrimenti (caso Smart a parte che però nasce come progetto EV) Sarebbe stata meno artificiosa con una linea diversa non volutamente retrò. Per il resto siamo andati abbastanza ot da una semplice considerazione personale, poi ognuno ha le sue idee ci mancherebbe.
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 17:37
2
Discorso di parte, limitato e presuntuoso, a mio avviso. Saluti.
Ritratto di marian123
2 novembre 2017 - 11:47
Ma veramente la classe G non è stata modificata a livello strutturale dal '79? Come fa a reggere un mostruoso v12 da 600cv e oltre 1000Nm di coppia?
Ritratto di marian123
2 novembre 2017 - 12:35
Appunto, non stiamo parlando della lada niva o fiat panda hobby che sono rimaste uguali nella sostanza, la classe G anche se dimostra l'anzianità è stata aggiornata nella meccanica e negli interni ed infatti oggi ha solo motori di alta gamma quando un tempo aveva anche motori di bassa potenza. Sono curioso pure io di vedere la nuova.
Ritratto di himba
1 novembre 2017 - 23:05
Sicuramente avrà successo! Dopo aver visto i bozzetti della nuova Defender...Per quanto riguarda il parabrezza reclinabile, ci sono mercati e finalità d'uso che lo richiedono.
Ritratto di twinturbo
1 novembre 2017 - 23:08
Da quando il marchio è entrato nel gruppo italiano bisogna ammettere che sfornano solo auto belle. Metti ad esempio la precedente Compass con la nuova, veramente un gran balzo visivo. Quando si tratta di estetica Italians do it better
Pagine