Una Jeep Wrangler per i Carabinieri

Presterà servizio sul litorale romagnolo, dove la Jeep Wrangler pattuglierà giorno e notte i lidi tra Cattolica e Bellaria.

UNA "VEDETTA" SULLA SPIAGGIA - In attesa di cedere il "testimone" alla nuova generazione, che arriverà nel nostro paese da settembre (qui per saperne di più), la fuoristrada Jeep Wrangler indossa la divisa dei Carabinieri e dalle prossime settimane entrerà in servizio per compiti di pattuglia sul litorale romagnolo. La consegna è avvenuta ieri alla presenza di Sergio Marchionne, numero uno della FCA, intervenuto al Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri insieme al Comandante Generale Giovanni Nistri e al Vice Comandante Riccardo Amato. La Wrangler 2018 in dotazione ai Carabinieri verrà impiegata per attività di presidio tra Cattolica e Bellaria, nella costiera romagnola, dove i militari dell'Arma faranno per la prima volta in Italia quello che da tempo succede già in America o in altri paesi: al volante della fuoristrada pattuglieranno il litorale romagnolo nel periodo di massimo afflusso turistico, anche di notte.

HA IL KIT PER L'OFFROAD "DURO" - La Jeep Wrangler consegnata ai Carabinieri è nella variante a 3 porte e adotta il motore a gasolio 2.8 CRD da 200 CV, oltre ad un kit di elaborazione specifico per il fuoristrada messo a punto dalla Mopar, la divisione della FCA che si occupa di modifiche e personalizzazioni delle automobili in vendita. Sull'esemplare sono presenti l'assetto rialzato di 3 cm, pneumatici maggiorati adatti anche alla sabbia, paraspruzzi anteriori e posteriori e un ammortizzatore sullo sterzo, una dotazione presente sulle fuoristrada più estreme che serve ad assorbire gli scossoni trasmessi dal volante alle braccia sul pietrisco e migliorare quindi il comfort di guida. Non mancano poi gli equipaggiamenti indispensabili su una vettura dei Carabinieri, quindi il lampeggiante, la sirena, due porta palette e la radio portatile. L'Arma può già contare sulla compatta Jeep Renegade, ma il Wrangler è stato scelto perché più a suo agio sulla sabbia e sui percorsi non asfaltati.



Leggi l'articolo su alVolante.it