Kia Stonic: parliamo del suo design

Pubblicato 20 settembre 2017

Gregory Guillaume, a capo del centro stile europeo della casa coreana, ci racconta lo stile della nuova Kia Stonic. 

Kia Stonic: parliamo del suo design

Qui a Francoforte avete portato parecchie novità, molto interessanti sul piano del design. A cominciare dalla Stonic. A eccezione della griglia frontale Tiger Nose, le forme della Stonic sono tutte nuove.
Con la Kia Stonic entriamo in una categoria di auto molto affollata, che sta avendo un grande successo in Europa. E per attirare i clienti di questo genere di auto servono forme che stupiscano, originali, mai scontate. Quindi, nella progettazione della macchina (gli esterni li abbiamo creati nel centro di stile a Francoforte, mentre gli interni sono frutto del lavoro di team in Corea e negli altri centri di design), abbiamo tenuto conto delle richieste dei clienti, in particolare delle nuove generazioni. Il risultato è una vettura dall’aspetto giovanile, frizzante, che trasmette un’idea di auto facile da usare. Allo stesso tempo abbiamo puntato su un’immagine di sportività, con linee dinamiche che rendono accattivante l’auto.

Il design integra bene linee orizzontali decise con superfici morbide e scolpite che compongono un look esclusivo, mescolando gli elementi tipici delle crossover con quelli di una elegante coupé a cinque porte.
Sì, in effetti nella linea della Stonic abbiamo voluto mettere assieme il carattere forte delle suv, che comunica solidità, ai tratti filanti propri delle sportive. Con tocchi di originalità nei colori a contrasto e in elementi fortemente caratterizzanti, come il montante posteriore che sale fino al tetto e prosegue sopra di esso, come in un abbraccio. Un particolare che si nota ancor più nella versione senza le barre portatutto, dove si coglie bene la continuità data dal montante che attraversa la parte superiore della carrozzeria. Del resto, la Stonic e’ il risultato di un lungo cammino che passa attraverso la Concept Provo, presentata nel 2013 a Ginevra. Si trattava di un'utilitaria basatata sulla piattaforma della Rio, che aveva un design muscoloso e dettagli audaci, come le porte senza cornice, il parabrezza avvolgente e il montante posteriore che proseguiva nel tetto, di colore diverso. Fu un esperimento importante, perché piacque al pubblico e ci spinse a continuare su quella strada.

E degli interni cosa ci può dire?
Anche dentro la Stonic si fa apprezzare per lo stile vivace, con colori forti che attirano l’arttenzione, e forme originali. Inoltre, la numerose possibilità di personalizzazione dovrebbero piacere a un pubblico giovane.

E poi c’è la concept Proceed (qui sopra), progettata proprio nel vostro centro stile di Francoforte. Ha una linea molto sportiva, tipo Shooting Brake.
È un progetto importante, totalmente realizzato a Francoforte. Qui abbiamo voluto puntare al massimo su forme sportive, fluide, capaci di creare emozioni. Ci sembra di aver fatto centro. 

Kia Stonic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
48
58
62
27
32
VOTO MEDIO
3,3
3.277535
227


Aggiungi un commento
Ritratto di mike53
20 settembre 2017 - 17:05
Anch'io prediligo la Kona. Mi sembra più originale e simpatica.
Ritratto di Agl75
20 settembre 2017 - 22:24
Perché "simpatica"?
Ritratto di mike53
21 settembre 2017 - 09:56
Perché ha una linea piacevolmente sbarazzina e nel contempo elegante. Adesso però non chiedermi..."perché sbarazzina?"! I gusti sono unici e personali ed ognuno di noi la "vede" in un determinato modo, giusto?
Ritratto di bridge
20 settembre 2017 - 19:08
1
Preferisco la T-Roc. Pure in Volkswagen che di solito prediligono linee classiche hanno tirato fuori una piccola SUV più vivace.
Ritratto di Agl75
20 settembre 2017 - 22:33
Pure io ma ballano 5-7.000€ di differenza. E la Captur è sempre una buona alternativa.
Ritratto di Lelinho
21 settembre 2017 - 16:10
Ogni tanto bisogna osare con il design altrimenti sarebbero tutte uguali come le volkswagen che , francamente , hanno un po' stufato oltre al fatto che ormai la qualità è al livello di tutte le altre case , forse qulacosa in meno e le linee sembrano disegnate da un bambino di due anni.
Ritratto di puccipaolo
23 settembre 2017 - 16:20
6
Secondo me a Gregory Guillaume lo pagano troppo...per quello che fa!
Pagine