NEWS

Lancia Delta Integrale, quotazioni da capogiro

29 gennaio 2015

Una Martini 5 con 50.000 km, sarà battuta all'asta: secondo gli organizzatori, è prevedibile una quotazione tra i 120.000 e i 150.000 euro.

Lancia Delta Integrale, quotazioni da capogiro
BENE RIFUGIO - Che le auto classiche siano un tipico bene-rifugio è cosa nota, così come è risaputo che, con ciclicità variabile, hanno raggiunto quotazioni equiparabili a oro e diamanti. Oggigiorno il mercato è fluido: soffrono soprattutto i mezzi di scarso valore (e magari tanti cavalli) con età compresa tra i 20 e i 30 anni, penalizzati dal ritorno del bollo di circolazione quasi in tutta Italia (qui la news), ma non mancano roboanti eccezioni. Una, ad esempio, è una Lancia Delta Integrale del 1992 (foto qui sopra), che sarà battuta in Inghilterra all'asta da Silverstone Auctions a fine febbraio.
 
INTONSA - Il valore di realizzo presunto è di 90.000-110.000 sterline: in euro significa tra 120.000 e 150.000. Secondo la casa d'aste, la Deltona (questo il soprannome delle Integrale Evo costruite dopo la 16v, caratterizzate dalle carreggiate allargate) è in condizioni perfette, con 31.000 miglia sul contachilometri (vale a dire un chilometraggio inferiore ai 2.500 km annui nei 23 anni di vita) e, particolare non da poco, è una delle 400 in livrea Martini, costruite per commemorare il quinto Mondiale rally vinto di fila nel '91.
 

Qui sopra la Final Edition del 1994: 250 esemplari destinati al mercato giapponese.
 
ALCANTARA NERA - Il 2 litri bialbero da 210 CV rimaneva inalterato; ben diversa era la carrozzeria, non nelle forme ma nelle grafiche: fondo bianco e strisce Martini vistose, debordanti, intrise di vittorie e pressoché impossibili da non riconoscere. All'interno, sedili Recaro rivestiti in alcantara nera, con cuciture e cinture di sicurezza rosse a contrasto; il rosso compariva anche sul coperchio delle punterie. Nere erano, per contro, le prese d'aria e lo spoiler posteriore, regolabile nell'incidenza. Un po' a forza, all'interno, veniva alloggiato il “clima” manuale, indispensabile per non fare diventare la Deltona un forno nella stagione più calda, che faceva il paio con l'autoradio Clarion (collegata a due già allora obsoleti diffusori da 10x15 cm) e l'antifurto Gemini.
 
ORMAI È UN'ICONA - L'esemplare in vendita oltremanica è il numero 124: è completo di libretto tagliandi, libretto uso e manutenzione, attrezzi in dotazione e fattura di vendita. Una perla rara, che come tale si fa pagare: in Italia le quotazioni sono più basse, ma non di molto. Chiedere 100.000 euro per una Martini 5 (o la successiva 6) è prassi e, comunque, un Integrale Evo in buone condizioni non scende mai sotto i 40 mila euro: la storia si paga. E quella della Deltona parla, unico caso esistente, di sei Mondiali Rally vinti di fila, dal 1987 al 1992.
Lancia Delta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
74
4
3
0
0
VOTO MEDIO
4,9
4.876545
81




Aggiungi un commento
Ritratto di onlyroma
30 gennaio 2015 - 11:15
Ringrazio vivamente il sindaco di firenze diventato magicamente presidente,Grazie 1000,dato che almeno una fiat coupe la potevo acquistare x divertirmi e soddisfare la mia fame di innamorato di auto. Ma grazie a lui e al suo governo di non eletti,non posso,dato che pagare un altro salatissimo bollo e assicurazione non posso proprio permettermelo.
Ritratto di Bruno91
30 gennaio 2015 - 15:02
1
La mitica Deltona è uno sogno...molto molto meglio delle Lancia moderne. E quando rifaranno un'auto come questa?! Hanno avuto tanto coraggio a chiamare Delta quella specie di automobile che costruiscono oggi.
Ritratto di Pablo
30 gennaio 2015 - 17:41
Si leggono un mare di commenti non pertinenti con l'articolo, solite discussioni inutili tra presuntuosetti nati quando la Delta invece finiva....ma che ne sapete..../. Comunque la Delta Martini vale questi soldi : è storia di una leggenda vincente come nessuno. Ringrazio il buon Marchionne per aver deciso di fare pp sulla storia e poi pupu proponendoci auto che sono solo offese con lo stesso nome!
Ritratto di KARL67
30 gennaio 2015 - 19:07
Mitica deltona integrale.... Se uscisse oggi la comprerei! E perché non rispolverare la mitica Lancia Zagato? Sotterrerebbe qualsiasi auto di Frau Sauer..
Ritratto di FiestaLory
30 gennaio 2015 - 23:30
Un'auto stupenda, un patrimonio storico dell'automobilismo italiano celebre e ammirato nel mondo, che inspiegabilmente il gruppo FCA non valorizza, in un periodo nel quale rivisitazioni retrò spopolano (500,mini,maggiolino e altre). L'attuale Delta non è una cattiva auto, semplicemente porta il nome sbagliato. Una potenziale, vera, DELTA, potrebbe essere la prima segmento c a far tremare la Golf.
Ritratto di Strige
31 gennaio 2015 - 17:21
Sono dell'idea che queste auto dovrebbero stare in un museo, tutte le vetture special dovrebbero stare in un museo. Alfa, lancia, bmw, audi, opel, renault e via dicendo tutti insieme....dovrebbero essere considerati patrimoni dell'umanità. Queste sono opere d'arti, non auto.
Ritratto di Paglianti
1 febbraio 2015 - 10:56
ero pischello il deltone m' e' sempre piaciuto, anche se le auto dei miei sogni erano le cosworth e soprattutto la celica.
Ritratto di AyrtonTheMagic
2 febbraio 2015 - 12:25
2
% volanti d'obbligo, anche se io gli preferisco la precedente come linea. Ma questa...
Ritratto di akira55555
26 febbraio 2015 - 14:57
.
Pagine