NEWS

Lancia: i successi sportivi e il cinema

Pubblicato 15 ottobre 2021

Nell’ultimo episodio del docufilm sulla sua storia, la Lancia analizza i successi ottenuti nelle competizioni e il legame con il mondo del cinema.

Lancia: i successi sportivi e il cinema

ELEGANZA IN MOVIMENTO - La Lancia il 27 novembre compirà 115 anni. Per festeggiare questa importante ricorrenza, Luca Napolitano (nella foto qui sotto), responsabile del marchio, ha voluto realizzare un docufilm diviso in tre parti denominato “Eleganza in movimento”. L’ultimo episodio (nel video più in basso) è intitolato “Polvere e stelle”, nel quale il ceo della Lancia racconta il legame tra il marchio, il mondo dei rally e quello del cinema, dell’arte e della comunicazione. Ospiti della puntata sono Sergio Limone, responsabile della progettazione e della sperimentazione della Squadra Corse HF Lancia, e Marco Testa, presidente dell’agenzia pubblicitaria Armando Testa.

IL DOMINIO NEI RALLY - Il documentario racconta i successi della Lancia, che gli hanno consentito di entrare nell’olimpo del motorsport grazie ai 15 campionati mondiali rally, tre campionati del mondo endurance costruttori, una 1000 miglia, due Targa Florio e una Carrera Panamericana. Chiaramente l’episodio si sofferma sugli Anni 70 e 80 quando modelli come la Stratos, la 037 e la Delta hanno dominato per più di 20 anni nei rally. Correva l’anno 1987 quando la Lancia Delta HF 4WD, e le successive Delta integrale, dominano la scena ottenendo dieci titoli mondiali (sei nella classifica costruttori e quattro in quella piloti, 46 vittorie assolute su 66 partecipazioni a gare mondiali), diventando così la vettura che ha vinto di più nella storia di questa disciplina.

SPORT E CINEMA - “Questa terza e ultima puntata del docufilm sui 115 anni di storia del marchio parte dal mondo dei rally, da cui tutto è iniziato, e passa in rassegna i grandi successi ottenuti che hanno fatto di Lancia il marchio che ha vinto di più nelle competizioni Rally, con la Lancia Delta che è stata la vettura più premiata in assoluto in questo ambito. Ma c’è anche un altro pezzo della nostra storia che racconta il grande amore per Lancia di milioni di fan e appassionati in tutto il mondo. E questo è il cinema, l’arte e la comunicazione in generale” ha dichiarato Luca Napolitano.

IL MONDO DEL CINEMA - Risale invece alla fine degli Anni 50 il sodalizio tra la Lancia e il mondo del cinema. Sono gli anni della “Dolce Vita”, con Roma che diventa la capitale del cinema. Molti dei divi del cinema come Claudia Cardinale, Anita Ekberg e Jean Paul Belmondo scelgono vetture Lancia come l’Aurelia e l’Appia. Marcello Mastroianni, grande appassionato di auto, preferisce invece la Flaminia Coupè Super Sport Zagato.

UN VIAGGIO DI 115 ANNI - Con il terzo episodio si conclude quindi un viaggio che è partito dal 1906 ed è arrivato ai giorni nostri.

> LEGGI ANCHELancia: i suoi primi 115 anni in un documentario

> LEGGI ANCHEAurelia, Appia, Flaminia: i grandi nomi del passato per le Lancia del futuro?​

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di giulio 2021
18 ottobre 2021 - 19:14
Certo che ri - produrre di nuovo dopo 30 o 40 anni nell'ordine: Fulvia GT coupè, Startos, 037 e Delta sarebbe un bel sogno però concettualmente piuttosto triste sarebbe comunque come affermare che Lancia non appartiene nè all'oggi nè al futuro.
Ritratto di FiestaLory
18 ottobre 2021 - 19:37
Sicuramente qualche restomod elettrico della Fulvia lo faranno, un po' come hanno fatto con la Giulia gt.
Ritratto di giulio 2021
18 ottobre 2021 - 20:48
A Trento alla Giornata nazionale delle auto storiche ho visto perecchie Lancia sportive anni 60 e 70 e devo dire che sono davvero spettacolari, risaltavano tra tutte forse superiori alle Alfa Romeo alla fine, la Lancia Fulvia coupè (e volendo la Delta Integrale) sembrano disegnate oggi.
Pagine