NEWS

La Lancia lavora a tre nuovi modelli

Pubblicato 23 giugno 2021

Secondo indiscrezioni le vetture previste a partire dal 2024 sono: un’utilitaria, una crossover compatta e una berlina compatta.

La Lancia lavora a tre nuovi modelli

NEL 2024 L’EREDE DELLA YPSILON - Stando alle indiscrezioni raccolte dal solitamente ben informato Automotive News, sono tre i modelli della Lancia sui quali è già iniziato il lungo lavoro di sviluppo. Il primo ad arrivare, nel 2024, sarà una vettura di piccole dimensioni, destinata a sostituire l’attuale Ypsilon, unico modello rimasto nella gamma. Questa utilitaria verrà offerta sia con motore elettrico sia con motore termico. La futura Ypsilon dovrebbe nascere sulla seconda generazione della piattaforma eCMP (proveniente dall’ex gruppo PSA, ora confluito insieme alla FCA in Stellantis) il cui debutto è previsto nel 2022. La piccola di casa Lancia potrebbe continuare ad essere costruita in Polonia, come l’attuale.

NEL 2026 UNA CROSSOVER - La seconda vettura approvata dovrebbe essere una crossover elettrica di dimensioni compatte programmata per l’inizio del 2026. A fare da base a questo modello sarà la piattaforma eVMP per auto elettriche, che la PSA ha annunciato nel luglio del 2020 (qui la news). Questa ossatura consentirà percorrenze tra i 400 e i 600 km con una sola carica, la trazione anteriore o integrale e potenze fino a 350 CV. La produzione potrebbe essere allocata alla fabbrica di Melfi che, da fonti sindacali, si è appreso sarà trasformata in centro per la costruzione di auto elettriche (qui la news).

NEL 2027 UNA HATCHBACK - L’ultima Lancia ad arrivare, alla fine del 2027, potrebbe essere una berlina compatta con carrozzeria hatchback (come la A3 Sportback per intendersi). Diversamente dai due modelli precedenti, che sarebbero già stati approvati, per la hatchback non sarebbe ancora arrivata la luce verde definitiva, in attesa delle valutazioni finali sui potenziali volumi di vendita.

REINVENTARE UNO STILE - Come sappiamo (qui la news) a supervisionare lo sviluppo di questi nuovi modelli da un punto di vista stilistico è Jean-Pierre Ploué, responsabile anche del design dell’intero gruppo Stellantis, che guida un gruppo di stilisti con base a Torino. Il loro non facile compito è quello di reinventare il design della Lancia in chiave moderna, mantenendo intatto l’eleganza e lo stile italiano di quelle del passato.

Lancia Ypsilon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
162
90
94
113
200
VOTO MEDIO
2,8
2.84977
659




Aggiungi un commento
Ritratto di katayama
24 giugno 2021 - 12:17
M'associo, Miti è sempre una "garanzia".
Ritratto di Miti
24 giugno 2021 - 15:40
1
Avrei preferito di sbagliarmi sempre ragazzi. Ma sempre. Si tratta della vita di tante persone. Che vivono di questo lavoro. Solo che quando la delinquenza manageriale è portata a livello di " unica scelta " fattibile ed in più sponsorizzata sempre coi soldi publici ... Una tristezza infinita.
Ritratto di katayama
24 giugno 2021 - 19:35
@Miti Ma infatti, non è certo "colpa" tua... Tu vedi e scrivi, punto. Quello é, quello che s'è visto tante volte e in tante situazioni. Sono stato un po' ingenuo anch'io, all'inizio. Oxygenerator parlava, scherzando, di roba da serie tv di bassa lega per quanto riguarda i video della "propaganda" del rilancio, e aveva ragione. Un saluto.
Ritratto di Trattoretto
23 giugno 2021 - 15:36
Come ho già avuto modo di scrivere, tutti i costruttori si stanno preparando per l'aumento consistente di vetture elettriche previsto tra il 2025 e 2016, almeno nella UE. Quindi i tempi per la nuova Y elettrica sono calibrati correttamente.
Ritratto di Trattoretto
23 giugno 2021 - 15:37
* ... tra il 2025 e il 2026 ...
Ritratto di Road Runner Superbird
23 giugno 2021 - 16:32
A me preoccupa quel crossover elettrico, le auto elettriche nel mondo reale non vendono (restano una nicchia), quindi sarebbe stato più cauta una normale benzina ibrida ed eventualmente una versione elettrica.
Ritratto di Trattoretto
23 giugno 2021 - 17:03
Le auto elettriche vedono poco adesso, ma sono in forte ascesa e tra 5 anni avranno prezzi simili ai termici dando forte impulso alla domanda. Ovviamente loro devono partire coi nuovi modelli almeno 4-5 anni prima, tra progettazione, sviluppo, test, allestimento della produzione e della catena di approvvigionamento delle componenti. Un modello nuovo non si fa dalla sera alla mattina, soprattutto quando è veramente nuovo nel senso di diverso.
Ritratto di Road Runner Superbird
23 giugno 2021 - 17:13
O è una scommessa (in questo preciso momento si fa fatica anche produrre le auto, per la mancanza di chip e i blocchi causati dal covid) o sono abbastanza sicuri che sarà così.
Ritratto di Trattoretto
23 giugno 2021 - 17:34
La mancanza di chip è destinata a risolversi già nel secondo semestre di quest'anno con l'adeguamento della produzione. Tra l'altro il gruppo VW si produrrà i chip in casa (come credo faranno anche gli altri). E poi una scommessa poteva essere Tesla 10 anni fa. Ormai con le normative, il cambiamento climatico da arrestare e il progresso tecnologico la strada delle elettriche è in discesa mentre quella delle termiche è sempre più difficile e incerta. È questione di vedere il trend a medio o lungo termine. E questo trend va decisamente a favore di una riduzione del termico a vantaggio dell'elettrico. Non è più una scommessa ma una fondata certezza.
Ritratto di Trattoretto
23 giugno 2021 - 17:36
Poi ci son sempre quelli che si illudono che restare indietro non comporti svantaggi.
Pagine