Ritorna la Lancia Ypsilon Elefantino

L’allestimento Elefantino della Ypsilon sarà disponibile a partire dal 13 aprile in abbinamento a tutti i motori. I prezzi partono da 12.700 euro.

SIMBOLO ANTICO - L’elefantino al galoppo, simbolo scelto dalla Scuderia Lancia nel 1952, riappare dal 1997 al 2003 sulla Lancia Y nelle varianti Blu, Rosso e Blues. La strategia di estendere la possibilità di acquistare un modello di tendenza anche alla clientela più giovane fu premiata dal mercato: più di 320.000 le unità vendute, il 45% del totale delle immatricolazioni nel mondo. Oggi, il simbolo portafortuna ritorna in una nuova serie speciale che debutterà il 13 e 14 aprile nelle concessionarie Lancia. L’allestimento Elefantino della Ypsilon è disponibile con tutti i motori a listino abbinati al cambio manuale: 1.2 da 69 CV anche in variante Gpl, 0.9 Turbo TwinAir da 85 CV e Turbo TwinAir Metano da 80 CV e 1.3 Multijet da 95 CV. Il listino prezzi parte dai 12.700 euro della 1.2 a benzina (offerta in promozione a 10.450 euro) fino ai 16.500 euro della versione alimentata a metano.

SPICCA IL FUCSIA - La Lancia Ypsilon Elefantino è disponibile in cinque tinte della carrozzeria, tutte abbinate alla fascia del portellone rifinita in glossy black: beige sabbia, bianco neve, grigio pietra, nero vulcano e purple aurora. A giugno debutteranno il turchese e il bicolore turchese/nero vulcano. La serie speciale è caratterizzata da inserti fucsia sulle calotte degli specchietti, le maniglie e i copri-mozzo delle ruote oltre ai montanti centrali con grafica dedicata ripresa da plancia e sedili. L’abitacolo è arricchito da cuciture fucsia sul volante in pelle, sui sedili in tessuto nero, sulla cuffia del cambio e sui poggiatesta. 
 
 
CLIMA E RADIO CI SONO - La dotazione di serie della Lancia Ypsilon Elefantino comprende tra gli altri: sedile posteriore sdoppiato 50/50, ruote in lamiera da 15 pollici, interni in tessuto tecnico, climatizzatore, radio con lettore CD-Mp3, ABS con EBD, airbag anteriori e laterali e attacchi isofix.

 



Leggi l'articolo su alVolante.it