NEWS

Inizia l'integrazione di Lancia e Chrysler

20 maggio 2010

I concessionari europei dei due marchi si integrano sotto l'insegna Lancia. Sparisce il marchio Chrysler, tranne in Inghilterra, in preparazione per i futuri modelli comuni delle due case.

IL MATRIMONIO AL VIA - A maggio parte l'unificazione della rete di vendita della Lancia e della Chrysler sotto l'unica insegna Lancia. L'operazione rappresenta il primo passo verso le sinergie annunciate dal numero uno del gruppo, Sergio Marchionne, per queste due case (nella foto un nostro fotomontaggio). Fino ad oggi, però, la Fiat non aveva reso noto in quali Paesi i modelli Lancia verranno venduti con il marchio Chrysler o viceversa. Ora sembra che in tutta Europa i modelli comuni saranno marchiati Lancia, con l'unica eccezione della Gran Bretagna, dove la casa di Chivasso non è presente e dove verrà, quindi, mantenuto il logo Chrysler.

MILLE PUNTI VENDITA
- Da oggi dunque si procederà alla fusione dei due “network” commerciali che lavoreranno insieme per la distribuzione della nuova gamma di prodotti Chrysler-Lancia e per tutto ciò che riguarda l'assistenza alla clientela. Da questo sodalizio nascerà una rete costituita da oltre mille concessionari entro il 2014 ai quali verrà affidato un nuovo mandato. Sempre nel solco dell'integrazione, la finanziaria della Fiat ha già iniziato a gestire in Europa i servizi finanziari di Chrysler, Jeep e Dodge.





Aggiungi un commento
Ritratto di money82
20 maggio 2010 - 21:37
1
no, questa è la fiera dell' indecenza....rubare i modelli chrysler...puff...che assurdità...e c'è pure gente che si ostina a difendere...
Ritratto di alberto89
20 maggio 2010 - 22:25
eh certo che difendo....
Ritratto di Niko46
20 maggio 2010 - 22:23
3
Cos'è quello schifo? Lancia? Naaaaaaaa!!!!
Ritratto di Delpfabio
20 maggio 2010 - 22:39
Mi fido di te per risollevare ancor di più le sorti dei gruppo FIAT-CHRYSLER!!!!! CONTINUA COSì!
Ritratto di albfri71
20 maggio 2010 - 23:35
io credo si comprino le auto e non i marchi, ripeto, sarà stata anche una Lancia, ma di Thesys come di Lybra, come di Delta (quella nuova) non è che abbiano avuto un gran successo, quindi credo che la più di qualcuno la pensi come me. E comunque non sono fiattista, quando compre le auto valuto l'auto, non la marca (ho posseduto 5 auto, tutte di marche diverse, italiane e straniere)
Ritratto di mpresti
21 maggio 2010 - 12:25
Pensiamoci bene, alla lancia mancano auto di segmento superiore alla chrysler viceversa, è naturale costruire una gamma che si completi a vicenda, per il marchio noi italiani dovremmo essere contenti che per l'europa sia Lancia a rappresentare la nuova gamma che si va a delineare, che non sarà un copia incolla ma a partire dalla delta in poi saranno nuovi modelli basati su tecnologie comuni, ad esempio la struttura della 300c con il 2.0 jtdm e la carrozzeria dell'italdesign. Secondo me può funzionare! Sono ottimi ingredienti attenti però a dosarli bene!
Ritratto di perché no
21 maggio 2010 - 11:29
Spero che si tratti solo dell' inizio che, si sa, é più difficile...credo che in futuro si metteranno a punto modelli originali, pur se sviluppati su componenti comuni
Ritratto di Chicolatino
21 maggio 2010 - 16:55
con tutta questa confussione perderanno i clienti che ci tengono al marchio chrysler in europa e quelli che amano la lancia en Italia, USA e resto del mondo.
Ritratto di ZioMario83
21 maggio 2010 - 17:08
Caro Ale86, quello che ripeti e ripeti e ripeti più volte mi fa capire che di gestione aziendale capisci poco, e che capisci poco anche il senso dell'articolo redatto dalla redazione, ora ti spiego due cosette e presta molta attenzione, la sinergia tra Chrysler e Lancia consiste appunto nel rilevare il primo marchio per far spazio al secondo viceversa in altri paesi, con ciò ora cosa voglio farti capire, questa operazione che è ben più complessa di come la descrivi tu dallo staccare e attaccare i marchi dai rispettivi modelli, consiste nel conquistare o quantomeno farsi conoscere di potenza in nuovi mercati in cui prima erano latenti o completamente mancanti, per i primi anni si è possibile che qualche modello della casa americana possa avere il fergio lancia, ma, è anche ovvio che non devi immaginarti una 300C così come la conosci con il marchio lancia "attacato" ci sarannò adattamenti al marchio con cui verrà vednuta l'auto, vedi fiat-peugeot-citroen, vedi Renault-Nissan-Dacia, WV-Audi-Skoda-Seat, tutte le più grandi case del mondo hanno e avranno sempre coinvolgimeti con altri marchi, se insisti a portare la tua teoria dello stacca e attacca fidati caro Ale86 continuerai a sbagliare, e ricorda che ormai nessun marchio ormai sia che sia italiano tedesco o francese, risulta essere proprio del luogo in qui nascono, Lamborghini-Audi-VW dice niente? eppure tutti diciamo che è italianissima mentre tutti i componenti sono più tedeschi del cane Rex, prima di parlare impara come si affronta il mercato e come si gestisce una azienda...
Ritratto di osmica
21 maggio 2010 - 22:13
Ovvero visto che nessuno compra le vetture americane (es. la Sebring, da noi un flop praticamente annunciato, come le precedenti versioni), le facciamo vendere come vettura italianissima perche' la gente compra la fiat/lancia/alfa...! Sicuramente hanno fatto i conti, ma a me sembra una presa in giro per i consumatori. Non mi pare propiamento etico (vendimi quello che e' italiano come italiano e quello che e' americano come americano... e poi ci battiamo tanto per il "made in italy"). Il discorso della reanault/nissan, gruppo Vw, ma anche esempi come aygo/c1/107 e' ben diverso da crhysler/lancia: renault/nissan, come gruppo, e anche gruppo fiat (es. bravo, delta, giulietta) fanno vetture con la stessa piattaforma: la piattaforma viene costruita insieme, e poi ognuna produce la sua. Nel caso aygo/c1/107 (gruppo psa+toyota) si sono uniti per costruire una citycar insieme, risparmiando enormi denari (non lo condivido in pieno, ma almeno si parla di una vettura economica, dove il prezzo e' molto importante) p.s. gli "amanti delle vetture" criticano notevolmente anche la Lamborghini, ormai tedesca... Come nel caso dei propulsori della RollsRoyce...
Pagine