NEWS

Per il 2019 un sistema bonus-malus per l'acquisto dell'auto

05 dicembre 2018

La Commissione Bilancio della Camera ha approvato una norma che introduce un sistema di tasse o incentivi in base alla CO2.

Per il 2019 un sistema bonus-malus per l'acquisto dell'auto

UN BONUS/MALUS AMBIENTALE - Fino a 3.000 euro di tassa per le auto a maggiore impatto ambientale e fino a 6.000 euro di incentivo per i modelli più "verdi". La Commissione Bilancio della Camera dei deputati ha approvato un emendamento che introduce un sistema bonus-malus ambientale per l’acquisto dei veicoli a partire dal 1 gennaio 2019 e attivo per al 31 dicembre 2021. La norma si basa sulle emissioni di CO2 al fine di penalizzare la vendita delle vetture con maggiore impatto sui cambiamenti climatici e favorire quelle più ecologiche. Non sono previste distinzioni in termini di tipologia di alimentazione, quindi le regole sono valide per auto a gasolio, a benzina a Gpl o a metano. 

TASSA A PARTIRE DAI 110 GR/KM - La norma prevede una tassa supplementare una tantum di 150 euro da pagare all’atto dell’acquisto di modelli con emissioni di CO2 comprese tra 110 e 120 grammi/km, importo che cresce all’aumentare del rilascio di anidride carbonica. La cifra sale a 300 euro per le auto con classe di emissioni da 120 a 130 g/km per aumentare a 400 euro (130-140 g) e 500 euro (140-150 g). L’aggravio diviene più consistente superando quota 150 grammi/km con 1.000 euro richiesti per le vetture rientranti nel range 150-160 g/km che salgono a 1.500 euro (160-175 g), 2.000 euro (175-190 g), 2.500 euro (190-250 g) per arrivare a 3.000 euro per i modelli con emissioni di oltre 250 g/km. È probabile che le classi riportate saranno modificate in quanto i valori superiori di una classe corrispondono a quello inferiore della classe successiva. In altre parole, i 120 g/km previsti come limite superiore del primo step sarà quasi certamente mutano in 119 g/km per evitare problemi di attribuzione degli importi da versare.

  CO2 (g/km) IMPORTO (€)
INCENTIVO 0-20 6000
  21-70 3000
  71-90 1500
     
TASSA 110-120 150
  121-130 300
  131-140 400
  141-150 500
  151-160 1000
  161-175 1500
  176-190 2000
  191-250 2500
  250 e oltre 3000

 

FINO A 6.000 EURO DI INCENTIVO - Più semplice sono le disposizione che regolano il diritto a ricevere le agevolazioni all’acquisto. Gli scaglioni sono soltanto tre con il primo riservato alle vetture che rilasciano tra 70 e 90 g/km di CO2 al quale sarà applicato uno “sconto” di 1.500 euro. L’incentivo raddoppia raggiungendo i 3.000 euro per le auto con classe di emissioni compresa tra 20 e 70 g/km, di fatto le ibride più efficienti e le plug-in. L’incentivo sale a 6.000 per i modelli che rilasciano meno di 20 grammi/km di anidride carbonica, praticamente le elettriche. I contributi non sono cumulabili con eventuali altre agevolazioni di livello nazionale e terminano raggiunta la soglia massima di 300 milioni di euro di erogazione annua. 

DEVE ESSERE APPROVATO DALLA CAMERA - L’approvazione dell’emendamento da parte della Commissione non comporta l’automatico inserimento del provvedimento nella Legge di Bilancio relativa al 2019. Prima di diventare definitiva, la norma dovrà essere ratificata dal voto in aula, previsto a partire da stasera, che dovrà approvare o meno l’intero “maxiemendamento” contenente la proposta riguardante le auto, ma pure altri interventi finanziari. Inoltre, se approvata, la decisione dovrà essere convalidata dal Senato e potrà essere modificata successivamente dai provvedimenti attuativi emanati dai ministeri dell’economia, dei trasporti e delle finanze entro 60 giorni dall’approvazione definitiva.



Aggiungi un commento
Ritratto di dragomic
6 dicembre 2018 - 08:54
1
Non completamente corretto. auto a gasolio che stanno sotto i 120 ce ne son molte, anche se gli inquinanti in ballo son differenti..
Ritratto di MAXTONE
5 dicembre 2018 - 16:55
Io preferisco la co2 agli ossidi di azoto e soprattutto al particolato. In ogni caso le full hybrid restano estremamente competitive anche parlando di co2 se consideri che ad esempio la CT già dal 2010 dichiara 87 g/km e il powertrain è quello di Prius III.
Ritratto di Epigrams
5 dicembre 2018 - 18:14
Competitiva dove? Una BMW 330e con 252 cv 44 g/km, una Mercedes E 350e 286 cv 57 g/km, una Porsche Panamera 680 cv 69 g/km. Una ibrida con la presa è omologata con dei g/km nettamente inferiori e beneficia di incentivi molto maggiori.
Ritratto di erresseste
6 dicembre 2018 - 12:06
Infatti tassa pensata per colpire sul numero maggiore di auto vendute (1.100.000 auto stimate) per fare cassa, e che verranno comprate da cittadini "normali". Auto da 80k di euro nemmeno sfiorate, perche ovviamnete ce le possiamo permettere tutti....
Ritratto di giocchan
6 dicembre 2018 - 01:23
Infatti è una follia... ci ritroviamo il Diesel che è considerato più verde di Metano e GPL... Ma quei due cialtroni al governo conoscono il particolato?
Ritratto di Blueyes
5 dicembre 2018 - 17:08
1
Quindi meno emetti CO2 meno paghi all'acquisto, quindi le diesel sono avvantaggiate. Ma non erano il male?
Ritratto di v8sound
5 dicembre 2018 - 17:46
Leggi bene: "La norma si basa sulle emissioni di CO2 al fine di penalizzare la vendita delle vetture con maggiore impatto sui cambiamenti climatici e favorire quelle più ecologiche. Non sono previste distinzioni in termini di tipologia di alimentazione, quindi le regole sono valide per auto a gasolio, a benzina a Gpl o a metano. "
Ritratto di v8sound
5 dicembre 2018 - 18:46
"Le regole sono valide...", appunto, non c'è distinzione tra tassa e incentivo. La regola si basa sull'emissione di CO2, a prescindere dall'alimentazione. Se a Gennaio presentano un benzina che emette 60 g/km di CO2 senza l'ausilio dell'ibrido, che facciamo, non lo incentiviamo?
Ritratto di v8sound
5 dicembre 2018 - 19:00
Concordo ma è un altro discorso. Ibrido, EV non non sono condizioni necessarie per beneficiare dell'incentivo. Di questo si discuteva.
Ritratto di deutsch
5 dicembre 2018 - 19:24
4
probabilmetne l'unico dato ufficiale omologato solo le co2 quindi per gli altri inquinanti non esiste un parametro ufficiale e quindi continuano ad usare quello. preciso, mia opinione dettat dalal logica, d'altronde sìla co2 è l'unico dato inquinante pubblicizzato
Pagine