La Lexus LC 500 debutta a Detroit

12 gennaio 2016

Elegante senza rinunciare alla sportività, la Lexus LC 500 è una 2+2 raffinata, con trazione posteriore e motore 5.0 V8.

La Lexus LC 500 debutta a Detroit
SALTO IN ALTO - Si chiama Lexus LC 500 la coupé al vertice della gamma della casa giapponese: deriva dalla concept LF-LC e si propone come un connubio tra lusso e sportività. Per fissare le idee, rispetto alla più piccola (ma non più di tanto, visto che la differenza è di soli 6 cm di lunghezza) RC l’accento è più spostato sul lusso. Lo stile è aggressivo, con la mascherina a clessidra tipica delle Lexus che si estende dal cofano all’estremità inferiore del paraurti; i fari sono sottili, e non mancano due prese d’aria verticali che incattiviscono l’impatto visivo.
 
SBALZI RIDOTTI - Il passo della Lexus LC 500 è notevole, 287 cm a fronte dei 476 di lunghezza. Di conseguenza, gli sbalzi sono molto ridotti (quello anteriore è di 92 cm, il posteriore pari a 97). Il cofano è lungo e basso, per alloggiare uno dei pochi V8 aspirati rimasti in circolazione. La fiancata è muscolosa, con i passaruota posteriori particolarmente marcati (e in grado di alloggiare pneumatici larghi 275 mm, su cerchi di 21” nelle versioni più ricche). La distribuzione dei pesi è pari al 52-48%, grazie alla scelta progettuale di accentrare nella zona mediana della LC la meccanica; tra le finezze, spiccano le sospensioni realizzate in alluminio e l’uso di fibra di carbonio per ampie zone delle portiere, del tetto e del bagagliaio. L’impianto frenante vanta pinze a sei pistoncini per l’asse anteriore e quattro per quello posteriore.
 
 
CALDA MA HI-TECH - Gli interni della Lexus LC 500 sono decisamente curati, con sedili profilati e un generale abbinamento tra pelle e Alcantara (presente sulla parte centrale delle poltrone, che hanno poggiatesta integrati); la plancia è raccolta, il tunnel centrale molto pronunciato e il sistema multimediale abbinato a un impianto audio Pioneer (o Mark Levinson in opzione). Non mancano una completa strumentazione digitale e, sul fronte della sicurezza, sistemi di assistenza alla guida quali il cruise control adattativo, il dispositivo precollisione, quello per il mantenimento della corsia e la gestione automatica dei fari abbaglianti.
 
10 MARCE PER L’AUTOMATICO - La meccanica della Lexus LC 500 prevede la trazione posteriore, su un pianale inedito; il motore è il 5 litri aspirato con 8 cilindri a V già appannaggio della Lexus GS-F e RC-F, che sviluppa 467 CV ed è accoppiato a un cambio automatico sequenziale con 10 marce, dagli ingombri ridotti (secondo i tecnici Lexus) rispetto al precedente 8 marce, e con un software più evoluto. L’unico dato al momento dichiarato è relativo al passaggio da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h): la Lexus LC 500 vi arriva in 4”5.

 

Lexus LC
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
103
34
19
15
20
VOTO MEDIO
4,0
3.968585
191




Aggiungi un commento
Ritratto di SINISTRO
12 gennaio 2016 - 16:44
3
ragazzi, mi sa che molti di noi tutte ste auto le vedranno solo come modellini Burago scala 1:18... Poi, mettersi a fare paragoni con la 500L, che vada a finire come per il sondaggio auto dell'anno? :-DDD
Ritratto di MAXTONE
12 gennaio 2016 - 16:54
Se AUTOart la riprodurrà in 1/18 e' già mia (almeno quello).
Ritratto di SINISTRO
12 gennaio 2016 - 16:56
3
Ok :-)
Ritratto di MAXTONE
12 gennaio 2016 - 13:21
Banale???????????? E' un auto completamente aliena rispetto al resto della produzione mondiale (solo hypercar come Pagani Huayra possono vantare personalità così strabordanti). Dispiace che come primo commento relativo all'auto stilisticamente più innovativa del 2016 ce ne sia uno senza ne capo ne coda.
Ritratto di onlyroma
12 gennaio 2016 - 13:42
Devo dire che mi fa impazzire,è molto bella. L'unica cosa che non riesco a digerire (almeno in foto) è quella griglia anteriore troppo esagerata. Cmq nel complesso è veramente bella.
Ritratto di chevrolet_corvette
12 gennaio 2016 - 15:09
Non sto difendendo le orientali e ne le possiedo peró le giapponesi e anche le Hyundai hanno un design futuristico (spesso). Quelle che invecchiano subito sono le europee soprattutto tedesche,anche gli americani stanno lasciando il design classico e semplice
Ritratto di nidik
12 gennaio 2016 - 15:45
Basta guardare la nuova audi a4, appena uscita è già vecchia
Ritratto di MAXTONE
12 gennaio 2016 - 13:24
E' un auto ASSURDA (nell'accezione più positiva del termine). ALIENA. stop. Giusto che Lexus abbia imposto nel Premium uno stile così di rottura. Ce n'era bisogno. Un tempo l'avanguardia stilistica era BMW (guardando la LC ho provato le stesse emozioni ricevute dalla 850i nel 1989, aliena anch'essa).
Ritratto di AMG
12 gennaio 2016 - 19:16
SOTTOSCRIVO
Ritratto di MAXTONE
12 gennaio 2016 - 19:45
In effetti è vero che BMW ci ha stupito una seconda volta con la i8 (altra auto aliena) ma il fatto che sia stata come "ghettizzata" in un sub-brand, l' "i", non me la fa vedere come un modello si esclusivo ma ancora mainstream bensì come una sportiva per pochissimi e mi ha dispiaciuto constatare che quel corso stilistico futurista e molto innovativo delle I non sia stato seguito dalle BMW normali: Una 7 con quel corso applicato sia fuori che dentro avrebbe lasciato tutti a bocc'aperta.
Pagine