Lexus LS: ecco la quinta generazione

09 gennaio 2017

La Lexus LS diventa più slanciata e dice addio al V8 con un nuovo motore V6 e un cambio a 10 marce. In vendita dal 2018.

Lexus LS: ecco la quinta generazione

I SEDILI TI COCCOLANO - La Lexus rinnova del tutto l’ammiraglia Lexus LS e introduce una serie di corposi aggiornamenti, in materia di estetica e soprattutto di tecnica, che saranno disponibili sul modello che sarà in vendita dal 2018 su novanta mercati a livello mondiale. La quinta generazione della berlina di lusso giapponese rimane un’automobile di grande prestigio, che sfida vetture come Audi A8, BMW Serie 7, Maserati Quattroporte e Mercedes S negli ambiti del lusso, della tecnologia e soprattutto del comfort a bordo. I sedili anteriori ad esempio si possono regolare in 28 modi e integrano le funzioni massaggio, riscaldamento e raffreddamento; le sospensioni ad aria facilitano l’ingresso a bordo (alzando l’assetto) e lo schienale del sedile posteriore sinistro è reclinabile fino a 48°, ma si può anche sollevare per accompagnare il passeggero fuori dall’abitacolo.

I VETRI SONO COLLEGATI - Nell’abitacolo della nuova Lexus LS sono presenti dettagli in legno naturale, alluminio e pellami di alta qualità. È previsto inoltre il sistema Active Noise Control, che sopprime in maniera artificiale il rumore esterno, oltre all’impianto stereo Mark Levinson con amplificatori nel soffitto, un sistema multimediale con schermo da 12,3 pollici e un raffinato head-up display, che proietta sul parabrezza informazioni di particolare utilità: la sensazione è quella di osservare uno schermo ampio 24 pollici. La Lexus LS 2018 adotta i più moderni sistemi di ausilio alla guida e prevede una versione aggiornata della base costruttiva introdotta sulla coupé LC 500, chiamata GA-L, rinnovata in funzione delle maggiori dimensioni esterne: la berlina è lunga 524 cm e ha un passo di 312 cm, maggiore di oltre 3 cm rispetto alla versione a passo lungo del modello oggi in vendita. Gli stilisti hanno ribassato la carrozzeria e conferito all’auto un look più filante, complice la soluzione dei vetri laterali che si raccordano a quello sul montante posteriore. La nuova base costruttiva assicura una riduzione dei pesi nell’ordine dei 90 chili e incrementa la rigidità torsionale, elemento che incide sull’assorbimento delle asperità.

ADDIO AL V8 - Il comportamento dinamico della nuova Lexus LS si può gestire attraverso il sistema Vehicle Dynamics Integrated Management, che interviene sullo sterzo, sull’impianto frenante, sul motore, sulle sospensioni e modifica il carattere dell’auto, privilegiando il comfort o la maneggevolezza. Questo obiettivo si raggiunge anche tramite la presenza delle barre antirollio regolabili. Le principali novità della Lexus LS 2018 riguardano però la meccanica: arriva un cambio automatico a 10 rapporti e il tradizionale motore a benzina V8 aspirato è sostituito da un nuovo V6 biturbo da 3.5 litri, accreditato di 421 CV, che promette un tempo sullo 0-96 km/h di 4,5 secondi e percorrenze superiori con un litro di benzina. Il nuovo cambio automatico migliora lo spunto da fermo, garantisce maggior comfort alle velocità di crociera e può essere utilizzato nelle modalità Normal, Sport e Sport+, che modificano anche la timbrica allo scarico.





Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
9 gennaio 2017 - 20:17
Serie 7 non è affatto superiore, non ha innovato in nulla, la linea sembra nata dieci anni fa e dinamicamente Lexus è superiore. Poi io non ci vorrei insistere ma la 7 è stata un flop clamoroso, non se ne vede una neppure in giro neppure in italia quando di quella Bangle era pieno in giro gia dopo un anno (infatti è stata la 7 più venduta della storia proprio perché era originale e fortemente innovativa). Arroccarsi sulle proprie convinzioni non aiuterà i tedeschi a restare invincibili perché è proprio quando sottovaluti il tuo avversario che soccombi.
Ritratto di Luzo
9 gennaio 2017 - 20:24
la 7 , esteticamente parlando, non mi pare granché, dentro e fuori
Ritratto di Luzo
9 gennaio 2017 - 20:44
Sui gusti si discute , eccome!! se a uno piace la mazzamauro mica non gli si può dire che i suoi gusti siano pessimi....la 7 venderà almeno il triplo della ls, come è sempre stato, ciò non toglie che esteticamente non sia un bell'oggetto ( unico difetto perlatro abbastanza universalmente riconosciuto...).
Ritratto di Luzo
10 gennaio 2017 - 07:46
again, guardare i solo numeri e stabilire che chi vende di più ' è meglio' è sbagliato....sarebbe come dire che golf è meglio di a3: le vendite sono solo UN parametro e neanche il più significativo per fare certe valutazioni, non a caso quello usato di più ( l'unico, spesse volte) da chi non è capace di fare valutazioni di sostanza su di un auto ( ma vale per tutto) . Una su tutte, la grandissima S class l'abbiamo vista anche con il 2,1 diesel o la 7 con il 2000 benzina....ls è la prima volta che scende sotto motori v8 .......cosa vuoi confrontare le vendite
Ritratto di MAXTONE
9 gennaio 2017 - 22:51
Sempre no, da fonte wikipedia risulta che la LS dell'attuale generazione risultò nel 2007 la più venduta segmento F al mondo subito dietro la Serie S, poi con lo scoppio della crisi nel 2008 negli states, mercato d'elezione di LS, le vendite globali subirono un calo, non drastico ma comunque evidente.
Ritratto di Magnificus
9 gennaio 2017 - 20:00
Al di la dei contenuti tecnici la trovo troppo strana x l'europa...direi una cinesata....volante da corriera viaggi pensionati
Ritratto di leomar
9 gennaio 2017 - 20:09
Scusate ma non è che per andare incontro ai gusti europei bisogna fare tutte auto simili. La ricerca di originalità e di stili nuovi può passare anche per linee non proprio sobrie. Questa Lexus come altre, è un'auto giapponese e si vede ma perché dovrebbe cercare di essere qualcosa di diverso. Un tempo anche le nostre auto avevano una propria identità e potevano piacere o meno, però non erano banali e omologate.
Ritratto di V6_Busso
9 gennaio 2017 - 20:09
Forse l'unico pregio che ha è la buona originalità nel design... e considerando i tempi che corrono non è proprio un cattivissimo pregio. Poi per il resto la trovo eccessivamente barocca nello stile: sia fuori che dentro. Poco fine, eccessivamente piena di inutili esotismi. Poi che il motore top di gamma sia un V6 è tutto dire su un'ammiraglia.............
Ritratto di MAXTONE
9 gennaio 2017 - 20:25
Oggi anche sul segmento F sono i sei cilindri e le cilindrate abbondantemente sotto i 4 litri a fare i numeri maggiori, le 7 e a8 più vendute sono tutte a gasolio 730d o 3.0 tdi. Nessuno più osa spingersi oltre e in quest'ottica un 3.5 Twin Turbo come motore "internazionale" suona perfetto. Poi bisogna aspettare la Hybrid, dedicata all'Europa, per giudicare il "prestigio" del powertrain.
Ritratto di V6_Busso
9 gennaio 2017 - 20:58
Non sto parlando di numeri maggiori, bensì di top di gamma. Credo che un'ammiraglia di segmento F debba per forza di cose tenere in gamma un propulsore degno del nome che portano. Tecnicamente parlando, un propulsore con forze alterne e momenti di secondo ordine completamente bilanciati, quindi senza alcuna trasmissione di vibrazioni. E infatti: la Classe S ce l'ha, ad esempio, oppure la BMW, con la Serie 7, l'ha introdotto al salone di Ginevra dello scorso anno. Persino l'Audi, con la A8, utilizza un top di gamma W12. Quindi direi che stona e parecchio su una LS................ Per le vendite lo so benissimo, considerando che l'acquirente medio in Italia, quando si parla di benzina, alza subito le ciglia preoccupato....
Pagine