NEWS

Lina, l’auto biodegradabile

28 gennaio 2018

Gli studenti dell’Università di Eindhoven hanno sviluppato un prototipo con scocca realizzata con un biomateriale leggero di origine vegetale.

Lina, l’auto biodegradabile

DOLCE COME LO “ZUCCHERO” - Si chiama Lina, è una city car elettrica a quattro posti, con velocità di 80 km/h e dal futuro commerciale improbabile. A renderla attrattiva, però, sono i materiali utilizzati per la scocca, il telaio e altre parti della vettura e pensati per essere biodegradabili in modo da facilitarne il riciclaggio a fine vita. A realizzarla è stato un gruppo di studenti dell’Università di tecnologia di Eindhoven, in Olanda, che ha sviluppato una struttura costituita da due fogli di biomateriale composito creato con i derivati del lino con al centro un’anima a nido d’ape prodotta con acido polilattico, una bioplastica ricavata dalle barbabietola da zucchero. L’esito sarebbe un materiale molto resistente e leggero, tanto che l’intera struttura della vettura pesa soltanto 310 kg, un valore equivalente a quello ottenibile con la vetroresina. 

MINORE IMPATTO SULL’AMBIENTE - L’adozione di materiali di origine vegetale comporta un doppia vantaggio teorico. Oltre alla riciclabilità a fine vita, l’impiego di strutture bio riduce sensibilmente l’impatto ambientale nella fase di produzione. Per recuperare le materie prime tradizionali, infatti, è necessario un alto quantitativo di energia per l’estrazione, operazione che ha pure impatti negativi sugli ecosistemi. Altrettanto energivora è la successiva lavorazione necessaria per creare le tradizionali lamiere. Per contro, per produrre il lino indispensabile per la costruzione della Lina basterebbero, secondo gli studenti olandesi, 300 mq di terreno coltivato, per altro in grado di assorbire anidride carbonica durante la crescita delle piante. Non a caso altri studiosi stanno sviluppando materiali alternativi basati su componenti di origine vegetale, come bambù e agave. Si tratta di sperimentazioni ancora lontane dall’applicazione nella produzione di serie, come lo stesso biomateriale pensato per la Lina. Tra i limiti riscontrati dai ricercatori olandesi, infatti, c’è l’estrema rigidità della struttura che non ha consentito di superare i crash test poiché il biomateriale non si piega come le tradizionali lamiere, ma si spezza.





Aggiungi un commento
Ritratto di Porsche
30 gennaio 2018 - 16:26
era così.
Ritratto di Tetrapoda
29 gennaio 2018 - 21:50
Per essere un prototipo realizzato da un università (senza i fondi e le strutture di una casa automobilistica) il risultato è superlativo. Sicuramente vale la pena continuare la ricerca per un eventuale industrializzazione, non necessariamente nel solo campo automobilistico
Ritratto di Porsche
30 gennaio 2018 - 15:04
Il tema è più complesso di quanto appare. Un motore dentro questa automobile, in caso d'incidente cosa fà ?
Ritratto di giorgionash
30 gennaio 2018 - 09:15
e in caso di incidente o crash test???? completamente schiacciata (occupanti compresi)...
Ritratto di Porsche
30 gennaio 2018 - 15:01
I test EUROENCAP dovrebbero essere rivisitati dalla UE. Ci sono problemi di applicazione, e questo ne solleva un'altro. L'Audi A8 in questo senso è la dimostrazione di ciò che dico. Vanno ripristinati gli obblighi precedenti a quelli attualmente in vigore, pena aumento dei costi generali e dell'inquinamento......
Pagine