Evora 400: la Lotus più veloce di sempre

18 febbraio 2015

Ancor più potente e leggera della 3.5 V6 S, la nuova Evora 400 arriverà in estate.

Evora 400: la Lotus più veloce di sempre
AUMENTANO I CV, DIMINUISCONO I KG - Più potente, più leggera, più efficiente e con uno stile ancor più aggressivo: si presenta così la nuova Lotus Evora 400, la vettura stradale più veloce nella storia dell’azienda inglese che sarà tra le protagoniste del Salone di Ginevra. Alleggerita di 22 kg rispetto al modello uscente (per un peso a vuoto di 1.415 kg), è alimentata dal V6 3.5 con un nuovo sistema di sovralimentazione: eroga 406 CV (56 in più rispetto alla precedente 3.5 V6 S) e 410 Nm di coppia (+10). Diminuiscono invece le emissioni inquinanti che passano da 229 a 225 g/km. Migliorati il cambio manuale a sei marce e la logica di gestione dell’automatico a sei rapporti. 
 
 
POLVERIZZA LA S - La Lotus Evora 400 (il numero è riferito agli hp, il cavallo vapore britannico) raggiunge una velocità massima di 300 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi: sul circuito di Hethel, gira 6 secondi più veloce della precedente versione. Merito non solo della maggior potenza ma anche del differenziale autobloccante e dell’aerodinamica ottimizzata (a 242 km/h il carico è di 32 kg). L’impianto frenante adotta dischi ventilati da 370 mm all’anteriore e da 350 mm al posteriore. I cerchi in lega da 19 pollici all’anteriore e da 20 pollici al posteriore calzano pneumatici Michelin Pilot Super Sport. Tre le modalità di guida: Drive, Sport e Race. 
 
 
“BOCCA” NUOVA - Cresciuta di 35 mm (per una lunghezza totale di 4.394 mm), la Lotus Evora 400 si distingue soprattutto per le nuove prese d’aria anteriori maggiorate con luci diurne a led, per lo spoiler a tre elementi e per il diffusore posteriore con scarico centrale integrato (di tipo attivo). Rivisti anche gli interni con aggiornamenti al layout del cruscotto, ai sedili (alleggeriti e che offrono un maggior sostegno), al volante, alla strumentazione e ai materiali utilizzati. È stato ridisegnato il longherone laterale del telaio in alluminio, che ora è molto più basso per facilitare l'entrata e uscita dalla vettura prima davvero critica. Di serie un nuovo sistema multimediale della Alpine. La Evora 400 sarà prodotta ad Hethel a partire dall’estate 2015 con le prime consegne previste ad agosto.




Aggiungi un commento
Ritratto di MAAX
18 febbraio 2015 - 18:17
A parte le bocchette dell'aria tipo Citroen Berlingo, la trovo molto appariscente.
Ritratto di Vespa Primavera
18 febbraio 2015 - 18:19
Preferisco la precedente esteticamente, spero che la evora 400 sia solo l'inizio di una scalata che porterà modelli (esprit?) ai livelli prestazionali di ferrari, lambo e porsche...
Ritratto di fabri99
18 febbraio 2015 - 19:14
4
Esteticamente è davvero molto peggiorata, la versione pre-restyling era molto bella ed equilibrata. Capisco le esigenze aerodinamiche per le prestazioni, ma sono sicuro che avrebbero potuto far di meglio. Sicuramente le prestazioni sono molto migliorate, era già buona prima, quindi sono fiducioso. Certo, ci vorrebbe qualche nuovo modello: Lotus non naviga in acque...limpidissime, ma se vogliono tornare a galla, devono lanciare una nuova Esprit che, come minimo, sia un grandissimo successo. Non credo che stare fermi continuando ad affinare all'infinito ottimi modelli ormai un po' obsoleti sotto più punti di vista sia la soluzione.
Ritratto di Porschellino
19 febbraio 2015 - 14:09
A mio modestissimo parere, con i motori di grossa cilindrata Lotus rinuncia a una parte importane della propria tradizione: motori di cilindrata contenuta su scocche leggerissime, allo scopo di ottenere un rapporto peso/potenza il più basso possibile e quindi competere con le supercar di grossa cilindrata. Evoluzione sì, ma sempre con il cuore nella tradizione.
Ritratto di degrel0
19 febbraio 2015 - 16:58
Con tutto il rispetto per il grande Chapman l'unica Lotus "stradale" valida è stata la Cortina.
Ritratto di kimi69
19 febbraio 2015 - 22:28
Diversa e la preferisco a porsche (non inca@@atevi però).
Ritratto di ivanvalenti
20 febbraio 2015 - 02:05
1
bella!!!
Pagine