NEWS

Lotus: nel 2022 la suv elettrica

Pubblicato 10 novembre 2020

Si apre una nuova era per la Lotus che ha un ambizioso piano di espansione: uno dei pilastri è una suv elettrica che, probabilmente, sarà prodotta in Cina.

Lotus: nel 2022 la suv elettrica

UNA NUOVA FASE DI CRESCITA - Nel 2017 la Lotus è stata acquisita dal gruppo Geely, già proprietario della Volvo, con l’obiettivo di farla diventare un’azienda leader nel settore delle auto sportive di lusso. Si tratta di un cambiamento piuttosto radicale per la casa, conosciuta dagli appassionati per le sportive che hanno fatto del rapporto peso/potenza il proprio punto di forza. La nuova proprietà, oltre a garantire notevoli risorse economiche, ha assicurato l’accesso a pianali, tecnologie e motori (anche ibridi e elettrici) che potranno essere destinati ai nuovi modelli. Il primo assaggio di questo radicale cambio di strategia lo abbiamo visto con la Lotus Evija, esclusiva hypercar elettrica da 2.000 CV con telaio in carbonio, che verrà prodotta nella tiratura limitata di 130 esemplari con un prezzo unitario di 2 milioni di euro.

LA PRIMA SUV - Il progetto di crescita della nuova proprietà cinese però non passa solo dai modelli esclusivi, bensì ha come obiettivo principale quello di far crescere i volumi di vendita della Lotus. Obiettivo che verrà perseguito grazie all’arrivo sul mercato di una nuova suv completamente elettrica (qui sopra un bossetto trapelato nel 2017). Secondo il sito inglese Autocar, che ha diffuso l'indiscrezione, il nuovo modello sarà presentato nel 2022 per arrivare sul mercato l’anno seguente. Conosciuta internamente con il nome in codice Lambda, la suv, che inizialmente era stata concepita con un motore ibrido ad alte prestazioni (il progetto nasce nel 2016), avrà trazione puramente elettrica, perché il gruppo Geely vede nelle auto a batteria un grandissimo potenziale, specialmente in Cina, dove lo scorso anno sono state vendute 1,2 milioni di elettriche.

PESANTE MA DINAMICA - Secondo le indiscrezioni la suv della Lotus avrà un doppio motore e sarà proposta in due diverse varianti, che differiscono per potenza e prestazioni; il modello base dovrebbe avere una potenza di 600 CV e la versione top di gamma 750. La batteria assicurerà una percorrenza di 580 km con una singola ricarica. Nello sviluppo del powertrain la Lotus potrà chiaramente beneficiare dell’esperienza maturata con l’hypercar Evija. Così come impone la tradizione della casa di Hethel, anche a dispetto del peso che sarà inevitabilmente elevato, il nuovo modello dovrà poter contare su notevoli doti dinamiche, garantite da una versione opportunamente adattata della piattaforma Sustainable Experience Architecture, recentemente annunciata dalla Geely, e dall’impiego di materiali e componenti leggeri. 

MADE IN CHINA - Sfruttando la spinta del mercato cinese e di quello americano l’obiettivo iniziale è di triplicare le vendite della Lotus, portandola dalle attuali 1.500 a circa 5.000 unità all'anno. Ma dove produrre il nuovo modello? Essendo la Cina il mercato principale, la suv elettrica dovrebbe essere prodotta in un'ala, appositamente allestita, della nuova fabbrica della Geely a Wuhan, in grado di garantire fino a 10.000 unità all’anno.





Aggiungi un commento
Ritratto di nifi3019
10 novembre 2020 - 20:33
Io qui non vedo idee. Sarà l ennesimo suv. Non ha nulla a che fare con la storia della lotus. Venderà di più? Chi se ne frega. Non è una lotus. Su questo suv ci possono scrivere sopra lotus, ciaparat, laVazza, Gino, pino.. che cambierebbe? In cina non sanno cosa sia la lotus. Non hanno la cultura automobilistica europea o statunitense. Venderà. Ma venderebbe a prescindere ma non in quanto lotus. Volto ad esempio ha cambiato proprietà ma ha mantenuto ABBASTANZA (SUFFICIENTEMENTE) la propria filosofia. Giulio non voglio fare polemica ma tu ti spacci x conoscitore di storia dell auto
Ritratto di Ale94
10 novembre 2020 - 21:17
La Lotus è conosciuta per il rapporto peso-potenza grazie al telaio leggero in alluminio difatti 118cv su un auto lunga 3.72 cm due posti posteriore con appena un peso di 720kg la facevano decollare. Che amore la prima Elise!
Ritratto di Meandro78
11 novembre 2020 - 06:23
Era conosciuta. Ora un bel cassonetto elettrico da migliaia di chili e una bella sagoma scatolare e via ..
Ritratto di Giuliopedrali
11 novembre 2020 - 16:00
nifi3019 se vuoi ti racconto come Kirwan Taylor progettò la Elite alla fine degli anni 50 si leggerissima ma soprattutto innovativa, Lotus non è più Lotus e Bentley, Porsche, Rolls o Ferrari... Anche loro fanno il SUV quindi vuol dire che VW, BMW o FCA a cui appartengono non hanno alcuna cultura automobilistica...
Ritratto di Arreis88
10 novembre 2020 - 14:05
R.I.P. Lotus
Ritratto di desmo3
10 novembre 2020 - 14:22
6
d’altronde la fabbricheranno a Wuhan...
Ritratto di lucaconcio
10 novembre 2020 - 14:35
2
Delle ultime esportazioni da Wuhan avremmo fatto volentieri a meno
Ritratto di Quello la
10 novembre 2020 - 16:03
SUV... Ok. Ma... Cina? Cinaaa? CINAAAAA??? No, dico, una Lotus cinese????
Ritratto di Giuliopedrali
10 novembre 2020 - 16:46
Qualunque auto quando diventa decente la fabbricano in Cina, ormai è così, se no resta in ambito regionale, di Lotus da quanti anni non ne vedo una, bene anche per MG che era sparita dal 1980 e ora pian piano con Saic... Ecco con Saic vende già quanto Alfa Romeo solo in Europa pur essendo venduta solo in una manciata di Paesi.
Ritratto di Meandro78
11 novembre 2020 - 06:23
La proprietà è cinese.
Pagine