NEWS

Lotus: 4 nuovi modelli elettrici nei prossimi 5 anni

Pubblicato 31 agosto 2021

La Lotus accelera le operazioni in Cina dove entrò la fine dell’anno si accenderanno le prime luci di una nuova fabbrica destinata alla produzione di modelli elettrici.

Lotus: 4 nuovi modelli elettrici nei prossimi 5 anni

DA HETHEL A WHUAN - Per ora hanno solo nomi in codice, i nuovi modelli della Lotus: quattro, tutti elettrici, il primo dei quali arriverà il prossimo anno, gli altri a seguire entro il 2026. Lo ha confermato nelle scorse ore in una nota ufficiale la casa di Hethel, che si prepara ad affrontare l’ennesimo nuovo corso della sua lunga storia. Il baricentro delle operazioni, che cominceranno con una suv, al momento identificato dalla sigla Type 132, sarà a Wuhan, in Cina, dove l’azienda ha già avviato i lavori per la costruzione della sede di Lotus Technology, un complesso industriale da 900 milioni di sterline in cui saranno sviluppate e costruite solo vetture a batteria. Un altro modello a ruote rialzate, la Type 134, probabilmente di dimensioni più generose, nascerà nel 2024, ma prima, entro il 2023, dovrebbe vedere le luci della catena di montaggio una coupé a quattro porte, la Type 133. Bisognerà invece pazientare fino al 2026 per l’attesissima sportiva Type 135, che sarà progettata in collaborazione con l’Alpine e verrà assemblata a Hethel, in Inghilterra.

NUOVA PARTNERSHIP CON I CINESI DI NIO - Le prime aree dello stabilimento di Wuhan, si legge nel comunicato diffuso dalla casa, saranno operative entro la fine dell’anno, mentre i lavori per il completamento della struttura proseguiranno fino al 2024. Una volta ultimata, la fabbrica, che occuperà una superficie di oltre un milione di metri quadrati, a regime potrà produrre fino a 150.000 automobili all’anno, una capacità 15 volte superiore a quella dello stabilimento inglese. Nell’ambito delle attività in Cina la Lotus ha anche annunciato una nuova partnership con il costruttore di auto elettriche cinese Nio, il cui amministratore delegato, Li Bin, ha investito una somma di denaro al momento non specificata in Lotus Technology per “esplorare opportunità di collaborazione industriale vantaggiose per entrambe le aziende”. Il nuovo polo industriale di Wuhan prevede delle aree in cui le nuove automobili a guida autonoma potranno spostarsi da sole da un reparto all’altro e anche una pista di prova intelligente con sedici curve, dove i collaudatori potranno spingerle fino ai 225 km/h. 

SARANNO MOLTO SCATTANTI - La nuova sportiva Emira e la hypercar 100% elettrica Evija saranno prodotte a Hethel, dove la Lotus, si apprende sempre dalla nota della casa, manterrà “il coordinamento delle vendite globali del marchio”. Tutte le nuove Lotus elettriche saranno basate sulla nuova piattaforma premium della casa, un’architettura al momento in grado di supportare una serie di modelli a cavallo tra il segmento C e il segmento E con un passo compreso tra i 2.889 e i 3.100 mm. Il layout progettato dagli ingegneri inglesi potrà ospitare batterie con una capacità compresa tra i 92 e i 120 kWh e sarà dotato di un sistema di ricarica a 800 V per consentire rifornimenti rapidi. Sono ancora sconosciuti i dettagli sulle prestazioni dei nuovi modelli, anche se la Lotus ha anticipato che saranno tutti molto sportivi, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di tre secondi. Della suv Type 132, in cantiere ormai da cinque anni, sono attese due versioni al lancio, una con 600 e l’altra con 750 CV, entrambe con un motore elettrico per ciascun assale.

> LEGGI ANCHELotus: la nuova piattaforma per le elettriche





Aggiungi un commento
Ritratto di Meandro78
31 agosto 2021 - 19:12
Immagino le spoglie mortali di Colin Chapman ballare la break dance....
Ritratto di francyb11
31 agosto 2021 - 19:16
Molto rivoluzionario.La Lotus entra in altri segmenti e produrrà solo modelli elettrici. Potrebbe essere il ritorno della lotus.
Ritratto di Quello la
31 agosto 2021 - 20:39
Più che il ritorno, caro francy, mi sembra la nascita di un nuovo marchio. Che del vecchio non ha nulla.
Ritratto di francyb11
31 agosto 2021 - 20:46
@Quello la.Vero la Lotus diventerà un marchio nuovo,100% elettrico smetterà di pensare verso il passato e guarderà più sul futuro.
Ritratto di francyb11
31 agosto 2021 - 21:05
Preciso che le prestazioni sono sempre da lotus ( Type 132 0-100 meno 3 secondi e 750CV di potenza massima).
Ritratto di Losna
31 agosto 2021 - 21:21
Chi cita lo 0-100 evidentemente non ha mai guidato una Lotus. Lotus che peraltro non hanno mai avuto bisogno di 700 cv per andare forte (dove più conta: in curva)
Ritratto di francyb11
31 agosto 2021 - 21:28
@Losna.Lo 0-100 era solo per citare le prestazioni.Ma 700CV si sono troppi (meglio 550CV) ma si anche vedere il peso ( batteria da 800V ).
Ritratto di Losna
31 agosto 2021 - 21:44
Chapman diceva 'to go faster add lightness' (e non hp). Proprio perché i cavalli fanno andare forte sul dritto, la leggerezza ti fa andare forte in staccata, in curva ed in uscita di curva. E la leggerezza è sempre stata la caratteristica distintiva delle Lotus, che le ha sempre rese molto piacevoli da guidare (oltre che veloci).
Ritratto di francyb11
31 agosto 2021 - 21:52
@Losna.SI lo spirito Lotus deve rimanere così.Dovrebbero fare elettriche con batteria media che pesano poco,tutto in fibra di carbonio e motori da 350CV.
Ritratto di Giocatore1
1 settembre 2021 - 14:41
1
@francyb11 non possono esistere elettriche che pesano poco, per questo i fan si lamentano della scelta di lotus, perché implica un cambio di paradigma
Pagine