NEWS

Mahindra KUV100: ora anche a Gpl 

21 dicembre 2018

A sei mesi di distanza dalla presentazione della Mahindra KUV100 la casa indiana annuncia la variante m-Bifuel a Gpl.

Mahindra KUV100: ora anche a Gpl 

DUE VERSIONI - La Mahindra KUV100, la citycar costruita in India, verrà offerta anche nella variante m-Bifuel a Gpl. Così come la versione benzina, la Gpl, che arriva a circa sei mesi di distanza dalla variante standard, verrà offerta in due diversi allestimenti: K6+ e K8. L'equipaggiamento delle versioni a Gpl K6+ m-Bifuel e K8 m-Bifuel, è il medesimo delle versioni benzina, tranne che per l’assenza del kit riparazione e gonfiaggio pneumatici in sostituzione della ruota di scorta, il cui spazio è destinato al serbatoio del Gpl che ha una capienza di 34,5 litri.

CAMPAGNA DI LANCIO - Le prime consegne ai concessionari della Mahindra KUV100 m-Bifuel sono previste per gennaio 2019. Per convertire le KUV100 a Gpl sono disponibili anche i kit della BRC per modificare le vetture in commercio. La BRC è un’azienda specializzata in impianti Gpl scelta dalla casa indiana per l’installazione dei kit. Il lancio della Mahindra KUV100 m-Bifuel prevede una campagna con uno sconto: aderendo al finanziamento Fiditalia si avranno 1600 euro sul prezzo di listino e 3 anni di polizza furto e incendio inclusa.

IL FINANZIAMENTO - La Mahindra Europa promuove un finanziamento con un TAN, il tasso di interesse puro applicato ad un finanziamento, del 5,25%. Questa promozione, disponibile fino dal 1° gennaio al 31 marzo 2019, sarà applicata a tutte le KUV100 m-Bifuel dotate in origine di impianto Gpl ma anche alle KUV100  benzina modificati con l’apposito kit BRC. Il prezzo al pubblico della K6+ m-Bifuel è di 13.066 euro; aderendo al finanziamento si ha diritto all’incentivo di 1600 euro e 3 anni polizza furto e incendio. Il prezzo in promozione della K6+ m-Bifuel  scende quindi a 11.466 Euro. Il prezzo di listino della K8 m-Bifuel è invece di 14.286 euro, che scendono a 12.686 euro aderendo al finanziamento.

I VANTAGGI DEL GPL - Il possesso di un’auto a Gpl, oltre ad i vantaggi economici, offre l’esenzione o la riduzione del pagamento della tassa automobilistica in molte regioni, l’accesso libero e gratuito nelle aree a traffico limitato di tanti centri cittadini, con la possibilità di circolare durante i blocchi del traffico.

Mahindra KUV100
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
60
49
37
23
91
VOTO MEDIO
2,9
2.86154
260




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
24 dicembre 2018 - 09:17
Alla fine Nio una start-up di auto molto costose e sofisticate (minimo 70.000€ per ora) dopo un avvio molto difficoltoso ha venduto già 3.400 auto in un mese in Cina, Renault per fare un confronto 1.100 (e trovatemi una Renault costosa...) e anche Jaguar, Land Rover e Suzuki sono stati superati di parecchie volte da Nio al primo mese di vendite... Poi Geely ne vende 150.000 al mese, poi i cinesi non apprezzano le auto cinesi...
Ritratto di Giuliopedrali
24 dicembre 2018 - 13:28
Da noi, a parte Fiat, allora dopo 15 marche straniere compare Alfa Romeo, forse in Italia amiamo poco le auto italiane?
Ritratto di Jumputer
27 dicembre 2018 - 06:56
in alcuni commenti mi sembra di sentire i miei amici alla comparsa delle prime hyundai kia o daewoo negli anni 80. Solo noi europei siamo capaci di fare auto.... ma forse no...
Ritratto di Giuliopedrali
27 dicembre 2018 - 11:01
E i commenti negli anni 80 (ero giovanissimo) sulle auto giapponesi che qui erano contingentate ma erano già frotte in Australia e in USA mentre le italiane da quei paesi stavano scomparendo, ovviamente gli americani non capivano nulla di auto per quello compravano giapponese, e le auto giapponesi erano solo un concentrato di microchip che a nessuno sarebbero mai interessate... Potevano comprarle forse solo i nerd senza alcuna passione per le auto, gente anafettiva che pensava solo ai computer (i Commodore 64?) invece vuoi mettere le nostre auto fatte come la pasta fatta in casa dalla nonna... Almeno all'epoca un industria noi ce l'avevamo davvero.
Ritratto di littlesea
22 dicembre 2018 - 18:34
1
Caro Pedali, questa "cosa" informe non prenderebbe una stella neanche ai Crash test di 15 anni fa! Non scherziamo, su!
Ritratto di Giuliopedrali
23 dicembre 2018 - 11:37
Be la Panda, Ypsilon, Punto e purtroppo tutte le altre italiane... Siamo maestri in auto ultra superate.
Ritratto di tramsi
23 dicembre 2018 - 12:30
Bastano già i contenuti da quadrupede, inutile sottolinearli esordendo con "be" - oltretutto, anche grammaticamente scorretta - a ogni post,
Ritratto di Giuliopedrali
24 dicembre 2018 - 08:41
Noi italiani siamo talmente poco quadrupedi e amanti delle nostre auto che su 150.000 auto vendute in un mese da noi, ben 30.000 sono italiane! Comprendendo pure la miracolosa Jeep... In Cina almeno più della metà sono cinesi e pure il restante straniero con nomi come VW o Buick o Toyota o Audi sono quasi tutte costruite in Cina da operai cinesi e in pratica è difficile non considerarle cinesi alla fine.
Ritratto di tramsi
24 dicembre 2018 - 11:40
Le straniere vengono assemblate in Cina ma ingegnerizzate e sviluppate altrove. Povero Pedrali...
Ritratto di Giuliopedrali
24 dicembre 2018 - 12:35
Ingegnerizzate altrove... Si la Golf si è ovvio è una VW tedesca, ma Phideon, Tharu, Bora, Santana o L'avida e si potrebbe andare avanti all'infinito, ma non ricordo tutti i nomi, credi siano progettate a Wolfsburg? (FAW-VW) Poi in Cina parecchie Case cinesi al 100% sono anche molto più avanti di VW. In ogni caso FCA stessa ha dichiarato che per esempio Maserati non ha mercato in Cina perché non interessa ai cinesi, e purtroppo manco Alfa Romeo mi sembra o Fiat, anzi Lancia non interessa manco agli italiani. I tanto blasonati marchi europei... Credo che una clientela internazionale danarosa e dinamica, oggi, veda molto più di buon occhio Tesla o Nio che Maserati o Alfa e pure Jaguar se deve mettere mano al portafoglio, basta guardare i dati di vendita.
Pagine