NEWS

I marchi di auto più cercati su internet

31 gennaio 2017

Da una ricerca sulla base delle parole più cercate a livello mondiale su Google, prima è la Toyota, seconda la BMW e terza la Hyundai.

I marchi di auto più cercati su internet

BENE ALL’ESTERO, MALE IN CASA - L’analisi delle ricerche compiute su internet in 193 nazioni ha dimostrato che la Toyota è il marchio automobilistico più cercato nel maggior numero di Paesi (74), davanti alla BMW (51) e alla Hyundai (17). La ricerca è stata effettuata dalla società inglese Quickco, specializzata nella vendita di ricambi, che ha messo insieme i dati raccolti su Google nei singoli Paesi, ad eccezione di quelli in cui non sono disponibili informazioni di questo tipo, come ad esempio Cuba, Corea del Nord e Iran. È emerso che la Toyota viene cercata maggiormente nei due principali mercati al mondo in termini di automobili vendute, la Cina e gli Stati Uniti, ma non in quello d’origine, il Giappone, dove invece il marchio più digitato è la BMW.

FIAT PRIMA SOLO IN ITALIA - Il fenomeno è comune in altre parti del mondo, visto che solo quattro case automobilistiche vengono cercate maggiormente nel Paese d’appartenenza: ciò avviene in Francia con la Renault, in Germania con la BMW, in Italia con la Fiat e in Svezia con la Volvo. La Fiat e la Volvo sono in cima alle classifiche soltanto nei Paesi d’origine. Gli automobilisti del Regno Unito cercano più di frequente il marchio BMW, nonostante nel Paese siano basate due realtà forti come la Jaguar e la Mini, che invece sono molto di successo in altre parti del mondo: la Jaguar viene cercata più di frequente in Belize, la Mini in Laos, Nepal e Yemen. Fra le anomalie registrate nello studio ci sono la Bugatti al primo posto in Niger e l’assenza della Ford, in cima alla graduatoria di nessun Paese al mondo, nonostante sia il sesto gruppo per vendite globali.





Aggiungi un commento
Ritratto di money82
31 gennaio 2017 - 21:18
1
Più che nel mondo di salvini sono nelle nostre strade a bivaccare (quando va bene). Ideologie politiche a parte forse in questo paese sarebbe meglio ragionare con la propria testa più che schierarsi con dei leader politici che sanno guidare al massimo le entrate nel loro portafogli. Nella mia città non c'è giorno in cui nella cronaca non siano coinvolti irregolari con violenze, furti, danni, rapine ecc...fatti, non idee politiche.
Ritratto di MatteFonta92
31 gennaio 2017 - 22:13
3
@money82 - Infatti non c'entrano le idee politiche, io sono semplicemente stufo di questo dilagante populismo da quattro soldi che non fa altro che premere sul quell'odioso pregiudizio di "immigrato = delinquente", che poi i media tirano fuori ogni volta che fa loro comodo.
Ritratto di money82
1 febbraio 2017 - 09:40
1
Il discorso è un po' più complicato di così. Se in questo paese non ci si rende conto che la giustizia non è adeguata e che non si può vivere di solidarietà, possiamo mettercela via che dovremmo lavorare fino a morire, per pagare gli stipendi ai nullatenenti.
Ritratto di MatteFonta92
1 febbraio 2017 - 13:25
3
@money82 - Che la giustizia italiana sia ampiamente da riformare penso che sia risaputo, ma ricordiamoci che ad approfittarne sono prima di tutto i malavitosi di "casa nostra".... tutto il resto viene di conseguenza.
Ritratto di Gianni.ark
31 gennaio 2017 - 18:08
Me lo sono chiesto anch'io... secondo me c'è un solo riccone con la connessione internet appassionato di Bugatti
Ritratto di MatteFonta92
31 gennaio 2017 - 22:08
3
@Gianni.ark - Hahaha può essere :-)
Ritratto di Edoardo98
31 gennaio 2017 - 22:10
Secondo me hai ragione Gianni.ark in Niger probabilmente sono così in pochi ad avere una connessione internet che quei pochi che la hanno sono dei super-ricchi a quanto pare appassionati di Bugatti. Un altra ipotesi è che essendo l'auto più veloce al mondo abbia acquistato grande fama in quei paesi non cui l'auto non possono nemmeno permettersela
Ritratto di Blueyes
31 gennaio 2017 - 13:56
1
Interessante questa statistica, soprattutto alcuni dati eclatanti come la Toyota in USA e la BMW in Giappone! Per non parlare della Mini in Yemen...
Ritratto di AMG
31 gennaio 2017 - 14:56
La Toyota in USA non la definirei proprio eclatante........... Anzi,
Ritratto di Blueyes
1 febbraio 2017 - 10:59
1
ma dai, con tutti i costruttori domestici che hanno! L'American proud è proprio andato a farsi friggere... Ford da nessuna parte, che tristezza.
Pagine