NEWS

Maserati Alfieri: la coupé della svolta

29 agosto 2018

Look sensuale, da vera sportiva italiana, ma anche motori ibridi ed elettrici per la Maserati Alfieri attesa nel 2020.

Maserati Alfieri: la coupé della svolta

SI CHIAMA COME IL FONDATORE - La Maserati GranTurismo sarà sostituita dalla Maserati Alfieri, una vettura con un carattere più marcatamente sportivo e meno da… gran turismo. Sarà più corta (460 contro 491 cm) per essere più leggera e agile per meglio competere con le rivali Aston Martin Vantage e Mercedes-AMG GT. Il nome è di quelli ricchi di storia: si chiamerà Alfieri, come il pilota e uomo d'affari che nel 1914 ha fondato la Maserati. Il nuovo modello arriverà nella prima metà del 2020 e avrà un look ricco di personalità in grado di esprimere allo stesso tempo grinta e eleganza, caratteristica da sempre nel Dna della casa modenese. Per la nostra ricostruzione grafica (qui sopra) ci siamo ispirati al prototipo Maserati Alfieri del 2014, che sarà la fonte d'ispirazione per l'auto definitiva, da cui verranno ripresi il lungo cofano, la coda avvolgente e le tre feritoie sulle fiancate (un classico per la Maserati).

IBRIDA ED ELETTRICA - Per la Maserati Alfieri la casa del tridente non sta lesinando risorse in termini di sviluppo. Non solo sta mettendo a punto un nuovo telaio in alluminio, ma anche nuovi motori ibridi con batterie ricaricabili e addirittura una variante puramente elettrica. Nel piano industriale 2024 della Maserati è previsto infatti che un terzo delle vendite complessive nel 2025 sarà costituito da modelli ibridi o elettrici, ragion per cui la Alfieri non potrà “sottrarsi”. I motori ibridi ed elettrici rappresentano una novità per la casa del Tridente, a maggior ragione su una sportiva, ma gli appassionati più legati alla tradizione potranno consolarsi con le prestazioni: per la Alfieri elettrica è stimato uno 0-100 km/h in 2 secondi. In alternativa ci sarà comunque un benzina V6, un'evoluzione di quello presente sulle Maserati Ghibli, Quattroporte e Levante, mentre non è confermato il V8 3.9. A seguire verrà lanciata la Alfieri cabriolet, che prenderà il posto della GranCabrio.



Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
29 agosto 2018 - 14:09
1
Scusa ma se una macchina vende tanto o poco a te che ti cambia? L'importante è che l'azienda/gruppo in borsa (o altri contesti finanziari economici) non dia preoccupazioni che un domani possa chiudere e lasciarti con assistenza e ricambi a tempo limitato. Anzi teoricamente per una questione di esclusività dovresti più aspirare a un modello che nessuno abbia (gli arrivati una volta l'avevano come priorità: un'auto che nessun altro potesse permettersi o che comunque nessun altro aveva fino ad allora acquistato). Trovo relativamente spersonalizzante questa tendenza odierna di invece avere o desiderare tutti lo stesso identico oggetto (che poi per conseguenti questioni di marketing finisce per essere extraprezzato rispetto ai contenuti offerti)
Ritratto di Giuliopedrali
29 agosto 2018 - 15:45
Infatti hai ragione (ultimamente finalmente non parli solo del Ring, sia lodato...) Maserati deve vivere come un oggetto esclusivo, è un po' anche la mia opinione, però i vertici FCA vogliono per forza fargli inseguire marchi premium tedeschi e britannici snaturandolo, però non parliamo più di rilancio allora.
Ritratto di gjgg
29 agosto 2018 - 16:31
1
Non ne parlo più di tanto più perché la situazione è oramai stabilizzata. In attesa della nuova M3 per la Giulia Q e, se si decidono a portarcela in quel tracciato, la Urus per la Stelvio Q. --- La Civic, passando al segmento inferiore, parrebbe essere indetronabile (le altre un po' tutte pare abbiano dato forfait). Al vertice assoluto, infine, si inizia a spesso parlare fin troppo di auto a tiraturra limitata, che non troppo mi prendono in interesse. Spero di non dimenticare segmenti di relativo rilievo (ok, le suv 7 posti, ma lascerei stare)
Ritratto di gjgg
29 agosto 2018 - 16:34
1
* Forse anche la M5 potrebbero portarcela con squadra ufficiale (il tempo fatto, 7.38.92, se non erro è by Gebhardt per la solita sport auto).
Ritratto di gjgg
29 agosto 2018 - 16:35
1
P.S. Grazie anche a te che da un po' non focalizzi essenzialmente su alfasud, 33 e suv elettrici cinesi prossimi ad invaderci :)
Ritratto di Giuliopedrali
29 agosto 2018 - 16:46
Be quelli (Alfa boxer, e cinesi) sono esempi, per far capire tutto il resto che magari è più importante.
Ritratto di Leonal1980
29 agosto 2018 - 16:44
3
Veramente... è proprio quando vendi poco che tocca trascurare la qualità di certi settori dell'auto. Ed è l'utile la cosa più importante, no utili no nuove auto.
Ritratto di gjgg
29 agosto 2018 - 16:54
1
Assolutamente no. Il tutto, ripeto, va visto in ottica di Group e non di singolo Brand, altrimenti di Bugatti ne fanno pochissime e risaputamente a rimetterci; secondo la tua tesi sarebbero auto trascurate in certi settori
Ritratto di Leonal1980
30 agosto 2018 - 09:27
3
Quello è un mercato diverso, e ha un margine vicino al 50% che è assurdo per un auto, ma non per un hype di lusso. Ma se metti lo stesso esempio su auto come Giulia e Stelvio, o altre fai flop, vengono a mancare i soldi. E poi mi chiedo perché te ne esci sempre con esempi che non centrano. In quanti te l'avranno detto? In 50?
Ritratto di Ivan92
29 agosto 2018 - 12:46
6
Il modello "concept" visto dal vivo a Ginevra nel lontano 2014 era spettacolare. Se anche il modello di serie sarà così allora la Maserati Alfieri diventerà l'auto in produzione più bella del mondo per me :-)
Pagine