NEWS

Maserati: già 100.000 auto prodotte a Grugliasco

6 dicembre 2016

L’impianto è stato acquistato nel 2009 dalla FCA e ristrutturato per il 2013, quando il Tridente iniziò a produrre la Quattroporte.

Maserati: già 100.000 auto prodotte a Grugliasco

MODELLI DI SUCCESSO - Una Maserati Quattroporte GranSport è l’automobile numero 100.000 che l’azienda ha costruito nello stabilimento di Grugliasco, alle porte di Torino, inaugurato a gennaio 2013 dopo profondi lavori di ristrutturazione. Qui vengono assemblate le berline Maserati Ghibli e Quattroporte, modelli di particolare successo per l’azienda modenese: dal 2013 ad oggi la Ghibli è stata costruita in più di 70.000 esemplari, diventando così la Maserati più venduta di sempre, mentre la Quattroporte 2013 è diventata la generazione di maggior successo nella storia ultra cinquantennale di questo modello. L’esemplare numero 100.000 è di colore bianco, adotta il motore 3.0 a benzina da 350 CV e verrà esportato in Cina. Lo stabilimento di Grugliasco apparteneva in origine alla Bertone ed è stato rilevato nel 2009 dal gruppo FCA. La Maserati produce i suoi modelli anche negli impianti di Torino Mirafiori e a Modena: nel primo caso la suv Levante, nel secondo le sportive GranTurismo e GranCabrio.



Aggiungi un commento
Ritratto di UnAltroFiattaro
6 dicembre 2016 - 22:12
Concordo! Inoltre se la matematica non è un opinione e visto che Grugliasco è a quota 100.000 Maserati di cui 70.000 Ghibli, vuol dire che di Quattroporte ne sono state prodotte ben 30.000! Visto il tipo di macchina mi sembra un gran successo; sinceramente pensavo che il numero di Quattroporte prodotte fosse al di sotto delle aspettative....
Ritratto di Claus90
6 dicembre 2016 - 15:40
Che Bello
Ritratto di nicktwo
6 dicembre 2016 - 16:07
se gli italiani erano in grado apprezzare a dovere i prodotti italiani e la relativa eccelsa manifattura a questo punto ai 100 mila ci sarebbero arrivati con le sole ghibli per l'italia... ma qui siamo ancora troppo succubi degli stranieri... speriamo in un presto risveglio della coscienza automobilistica nazionale che a leggere della centomillesima aggiudicata in cina e non da noi fa riflettere su quanto noi stiamo regredendo e gli altri progredendo... saluti
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
6 dicembre 2016 - 16:27
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Automotive
6 dicembre 2016 - 17:53
.......fai ridere , sicuramente sei nato ieri e di cultura automotive italiana non ne sai nulla. Fca è nata ieri sulle ceneri di Grandi Marchi grazie all'unico manager globale S.M. Se dobbiamo fare le corse su chi sta meglio è fin troppo facile, ringraziamo che in Italia si produce ancora auto e di sicuro domani faremo meglio. Ti parla un'azionista che di Fca si fidaal 100%
Ritratto di Luzo
6 dicembre 2016 - 18:14
Ma sicuramente ' gli stranieri' sono sempre avanti e non di poco, e mancano pure molti modelli per poter competere a livello generale ma, domanda, chi glielo farebbe fare? Non a tutti interessa avere una gamma che va dalla citycar alla limousine, come non a tutti interessa produrre 50mila supercar all'anno. Oltretutto Maserati storicamente è percepito come marchio luxury e nello specifica nicchia non mi pare che ci siano tutti sti costruttori che stanno davanti, a livello globale. Ma poi si vince qualcosa a stare 'davanti'? Alle volte è financo rischioso , metti che ti caschi qualcosa....
Ritratto di aktarus7
7 dicembre 2016 - 10:43
Voi anti siete fantastici... fra un po' direte che M. non va bene perchè ha un'unghia incarnita. Voi che vi fate dire cosa pensare da Travaglio e Santoro, uomini dall'odio rosso sangue per tutto ciò che è italiano e forse "occidentale", uomini piccoli piccoli... vi dicono cosa odiare e voi lo fate, pecorelle... comunque tornando a noi, ti ricordo che il common rail l'ha inventato Fiat e poi purtroppo svenduto ai grandi tedeschi che non vedevano l'ora di acquisire un brevetto fantastico per sostituire l'iniettore pompa cancerogeno che oggi sarebbe ancora in uso se non fosse appunto per il centro ricerche Fiat di Bari. Sempre parlando di grandi tedeschi, non sono stati in grado di abbassare le emissioni in modo lecito e hanno barato, quindi mi dici dove cavolo sta questa superiorità di ricerca e sviluppo che Fiat poi copierebbe? Dici che Fiat molti modelli li produce all'estero... incredibili, siete incredibili, Ha riportato in patria la Panda rilanciando uno stabilimento che doveva essere chiuso e l'ha fatto diventare tra i migliori d'europa, a Melfi si producono fra le altre le Jeep esportate in tutto il mondo! a cassino le Alfa esportate in tutto il mondo, le Maserati sono a pieno regime esportate in tutto il mondo! lo sai dove Renault produce la maggior parte delle sue auto? in Marocco, Algeria e Turchia. In Francia ci sono stati 100.000 posti di lavoro saltati in 10 anni, si hai capito bene centomila! e la situazione di PSA non è da meno. Quindi perchè non attaccate i grandi e superiori fratelli francesi invece di stare a contare i capelli a l'unico uomo che ha veramente fatto qualcosa per l'indurìstria italiana dell'auto? infondo perchè avreste dovuto odiarlo se non ve l'avesse detto Travaglio e Santoro?... ah già, e perchè adesso non ne parlano più?? perchè non dicono più che la mini è meglio della Mito perchè è più veloce?
Ritratto di Luzo
7 dicembre 2016 - 17:06
Solo che quello che tu dai per scontato NON corrisponde a nessuna verità. Che poi se andiamo a vederle queste nuove tecnologie si riducono si e no a della sensoristica accessoria e una cariolata di led, perché dal punto di vista puramente meccanico possono dare lezioni a chiunque avendo sia un patrimonio di knowhow con pochi eguali ( quasi nessuno a dirla tutta, dalla fusioni in poi) che anche un'industria di componentistica all'avanguardia....direi quindi, senza tema di smentita che se c'è un errore è quello di non mettere su la roba in anteprima, ma ho come la sensazioni che lo lascino dare a chi ne ha la necessità assoluta per valorizzare il proprio prodotto
Ritratto di Luzo
8 dicembre 2016 - 14:28
dove le vogliamo mettere? dipende: prendiamo ad esempio due colossi della ricerca , facenti capo all'unico colosso dell' automotive, quello per cui tu NON tifi, che producono due suv full size 'ibridi': "Le due vetture "full hybrid" adottano componentistica elettronica e motore elettrico targati Bosch oltre alla centralina Motronic, considerata il vero e proprio "cervello" dell'intero sistema ibrido ". Viceversa l'icone dell'ipersortività mondiale, figlia ( sorella cugina quello che piace) dello sfigatissimo gruppo da te tanto disprezzato, ha la sua tecnologia ibrida tutta fatta in house "Magneti Marelli fornisce i motori elettrici per “LaFerrari”, prima vettura ibrida di Maranello." . Come vedi knowhow ne hanno da vendere ( letteralmente, e infatti lo vendono) che è cosa ben diversa dal fatto che non lo montino su loro vetture , quelle sono strategie e sono affari loro. Peraltro poi è risaputo che in pratica tutti fanno i modelli ibridi per abbattere le emissioni ' a listino' anche se poi ci sono altri metodi per ottenere lo stesso risultato tipo, notizia di oggi "Germany’s Transport Ministry and Federal Motor Transport Authority are examining whether Porsche installed devices allowing its cars to sense whether they were being tested for fuel consumption and carbon-dioxide emissions, representatives at both agencies said today. That type of technology allows manufacturers to falsify results by making cars appear more energy efficient during tests."
Ritratto di impala
9 dicembre 2016 - 18:15
il male sono anche la gente come te che sono sempre a odiare quello che è Italiano, se non ti conviene, forse dovrei andartene in germania ... ciao e buon viaggio gunther mario
Pagine