NEWS

Maserati GranTurismo 2022: ecco come sarà

Pubblicato 27 agosto 2021

La nuova generazione della Maserati GranTurismo sarà dotata del 3.0 V6 biturbo della MC20, ma è attesa anche una versione elettrica con tre motori e 700 CV.

Maserati GranTurismo 2022: ecco come sarà

LINEE CLASSICHE - Il tridente sta ultimando lo sviluppo della prossima generazione della Maserati GranTurismo, il cui arrivo nelle concessionarie è previsto a giugno del 2022. Esteticamente, come mostra la nostra ricostruzione (nel disegno qui sopra), riprenderà le linee filanti del modello uscito di scena nel 2019, presentandosi nelle proporzioni come una coupé 2+2 a motore anteriore e trazione posteriore, caratterizzata da un cofano lungo e l’abitacolo leggermente arretrato. Sul frontale trovano posto dei fari con una forma simili a quelli della MC20 e una mascherina con listelli cromati che richiama la tradizione del tridente. Con i suoi 480 cm dovrebbe essere 10 cm più corta rispetto alla precedente.

UN V6 PER NON RIMPIANGERE IL V8 - Dal punto di vista tecnico la Maserati GranTurismo dovrebbe essere ingegnerizzata su un’inedita piattaforma in alluminio. Sotto il cofano troverà posto il nuovo 3.000 V6 biturbo denominato Nettuno, che ha debuttato con la supercar MC20. L’unità potrebbe essere proposta con diversi step di potenza, fino ad arrivare a 500 CV. 

ANCHE ELETTRICA - Più avanti, ma sempre nel corso del 2022, è atteso il debutto di una variante cabriolet, con capote in tela, denominata GranCabrio, e della Folgore, ossia la versione completamente elettrica. La Maserati GranTurismo Folgore avrà circa 700 CV garantiti da tre motori elettrici (due al retrotreno e uno all’avantreno), e un sistema a 800 V condiviso con la futura MC20 elettrica, in grado di garantire “pieni” velocissimi. Sarà inoltre la prima coupé Maserati 4x4.

TANTA CARNE AL FUOCO - Le Maserati GranTurismo e la GranCabrio, insieme alla MC20, fanno parte del piano di rilancio della casa del Tridente che, sempre il prossimo anno, vedrà l’arrivo della suv media Maserati Grecale.

> LEGGI ANCHEMaserati Granturismo 2022: le immagini spia





Aggiungi un commento
Ritratto di Flynn
28 agosto 2021 - 15:24
C’entra che ti rende consapevole dell’ evoluzione e della reale tendenza del mercato. Ragion per cui non ho nessun problema a comprare un’elettrica per tutti i giorni ( cosa che effettivamente sto facendo) ma per una vera funny car ci vuole ben altro di un mezzo con 400 kg di batterie
Ritratto di Miti
28 agosto 2021 - 15:17
1
@ Volpe bianca, Flynn , Trattoretto ### Per me litigate per nulla. In uno scontro generazionale non esiste che il piacere di guida , il piacere di guardare un'auto, il piacere di sentire quel rombo dietro o il piacere di avere il controllo sull'auto è lo stesso. Così avrete ragione tutti pur di non aver ragione nessuno. Scontro generazionale che nemmeno non vuol dire obbligatorio l'età fisica. Ma l'amore di questo aggeggio con quattro ( o più ) ruote. Macchine di lusso o machine da due soldi ... sono tante le differenze in tutti i campi ma alla fine il principio di questi veicoli è lo stesso. Un motore che riesce a girare le ruote. Dandoti la illusoria sensazione di libertà. Perché illusoria ? Lascio a voi interpretare la parola. L'auto non è più quello che era anni fa. Ogni decennio dopo la seconda guerra ha dato sia valore che scarti in questo campo. Le macchine fenomenali di una volta , con forme da innamorare , ma che nella sicurezza non potrebbero superare un'utilitaria dei nostri tempi. L'auto non è solo un tot di sensazioni , non è non sarà mai un semplice oggetto per tanti di noi. Ma per ancora di più persone, l'auto sarà semplicemente un elettrodomestico che mentre ti porterà in autonomia da un punto ad un altro della tua vita, tu forse sul tuo mega smartphone ultra tecnologico giocherai Need for Speed o Asphalt con una Porsche o con una Ferrari . Cercando disperatamente di "assaggiare" questa strana sensazione che te l'ho da questo strano oggetto rotondo che vedi davanti a te ogni volta che sali in macchina. Col cambio automatico o no , l'auto regala sensazioni estremamente "sofisticate" al livello del nostro cervello. Che una volta che ti coinvolgono difficilmente riuscirai fare a meno. Ma quello che oggi si guida sulla strada è destinato a sparire. Che si chiama Dacia o Lamborghini non a più importanza se non per una grossa quantità di denaro da investire per avere nel garage l'ennesima auto che difficilmente guiderai due o tre volte al anno. Il senso del auto è stato molto compromesso di questa eccessiva valutazione a queste opere d'arte ma che alla fine sono semplicemente delle auto. Quello che veramente conta è di andare avanti per potere fare un po' di ordine su questo pianeta dal punto di vista del parco auto. E anche se io sarò scontento che non guiderò mai una impala del 67 o una Diablo o una Eclipse del 95 o una WRX fa niente ... Dobbiamo uscire dai nostri limiti ed evolverci pure noi. Si fa fatica , io personalmente faccio fatica , di lasciarmi dietro tutti questi pistoni o le bielle. Fra un po' tutto questo sarà storia. È ancora questione di soldi o di convenzione di come possedere un'auto. Si, l'auto non è un telefonino , d'accordo ...ma perché ho la sensazione che il mercato mondiale lo tratterà nello stesso modo ? Forse perché finalmente la tecnologia per muoverci è arrivata ad una vera svolta ? E che non dovranno passare oltre un centinaio d'anni per capire che ci possiamo muoverci diversamente ? Tecnologia non aspetta più , una cosa inventata ieri oggi diventa normale e il giorno dopo è già superata. Le batterie non rimarranno per ancora tanto tempo a questo stadio , saranno sempre più evolute. Si troveranno altri materiali. Anche perché finora non importava a nessuno. Il buon vecchio termico regnava su tutto nell'ignoranza di chi aveva un grosso profitto e nella nostra di mentirci che tutto è a posto. E che le cose vanno bene. Ieri uscendo dal lavoro nel parcheggio c'era una Focus , la primissima serie, quel tipo c'è l'ha da una vita. Io l'ho conosciuto 20 anni fa con quella macchina. Non se è mai rovinata, poche cose ... manutenzione normalissima, tagliandi regolari. Con una certa invidia guardavo che nemmeno una grandinata in tutto questo tempo non l'ha mai toccata. Una macchina anonima ma sincera. Comprata per non così tanti soldi. L'ho guardato quasi con ammirazione. Fin quando ha accesso quel motore euro 3 benzina. E tutta quella ammirazione è volata via. Una puzza terribile che subito ha sporcato un'aria di Milano già sporca da se. Nella strada per casa ho pensato tanto a quella sensazione che ho avuto. Che cambiava tra la sua e la mia ? Una cifra . Euro 3. Euro 6. Un dettaglio per stare bene con me stesso e dirmi che almeno la mia è più pulita ? Ma alla fine non sto bruciando la stessa benza ? Un giorno ci sarà anche per me una persona che quando accenderò il motore girerà il viso da l'altra parte dicendo ...ma che puzza ? Siamo abituati a accettare quello che questo sistema ci ha dato per troppo tempo dal punto di vista dell'automobile. Tutti questi studi che un'elettrica inquina lo stesso o di meno o di più per mandarci ancora di più nella nebbia. Lo stesso sistema che adesso ci dice che possiamo cambiare , comprendo le auto meno inquinanti con gli incentivi statali. Come se questi incentivi non fossero presi dalle nostre tasche tramite l'enorme numero di tasse che paghiamo ogni santo giorno. Tanti modelli d'auto non avendo successo sono spariti. Alla fine il mercato da il suo giudizio. Il più importante. Perché non succedere così con un'intera categoria di mobilità ? Qualche giorno fa davanti alle uniche due colonnine del mio quartiere , c'era una Twingo elettrica. Il tipo stava caricandola. Avevo parcheggiato più in là e ho parlato un po' con lui. Personalmente non ritengo la Twingo un'auto che io potrei comprare. No mi piace nemmeno un po'. Ma guardando lei poi la mia Ceed ho avuto la stesa sensazione con la Focus. Di vecchio e di superato. E tenete il conto che sono appena nel terzo anno di pagamenti. Ma non la mia auto la sento superata. E vecchia , lei va che è una meraviglia. Il mio concetto di vedere la mobilità ha bisogno di una bella rinfrescata. Il tipo con la Twingo mi disse che in un ora la batteria è al 80% e fa sui 180 km. E che poteva scegliere per andare fare la spesa ma era in macchina messaggiando. E non era per niente dispiaciuto che spendeva un'ora della sua vita così. Anche a casa avrebbe fatto la stesa cosa in definitivo di stare un'ora sul telefono. Lo facciamo tutti... Il mondo auto si evolverà non solo per se stesso , per i suoi nuovi bisogni. Ma anche per le nostre e per i nostri nuovi modi di vedere la nostra vita. E delle persone che vediamo o abbiamo intorno a noi. Io non so quanto ci metterò a cambiare definitivamente. Anche perché per prima ci sono le risorse che avrò per un investimento in una buona auto elettrica. Ma come ho detto mesi fa la Ceed è stata l'ultima con il termico. Sulla Maserati in discussione ? Poche parole. Belle forme. Anche se sa di qualcosa già visto. Se esce solo con il termico in Europa non ha assolutamente nessuna possibilità. Ed in America troverà troppa concorrenza. Col elettrico ha una possibilità ma il fatto che la gente , anche coi soldi , compra SUV gioca già nel suo sfavore. Il terzo , elettrica o no , è il prezzo. Quanta sarà la tradizione o la manodopera eccellente o i materiali pregiati non importa, Maserati non potrà mai arrivare ai vertici del lusso. Mi ricordo la Lambo Countach quando è uscita. Se avesse avuto forme sinuose come queste nessuno non l'avrebbe mai notata. Ma ha scelto quelle linee agresive. Appariscenti. E ha vinto. E su tante porte c'era vicino al poster di Playboy. Tantissime volte rubando anche la scena. E questo che deve fare la nuova Maserati per uscire dal anonimato. Qualcosa di diverso ed innovativo , qualcosa che nessuno non ha fatto o che non ha il coraggio di fare. Reinventarsi completamente. Nel FCA andava semplicemente al fallimento. Era solo questione di tempo. Una gestione da ...bagno publico. Riuscirà la Maserati sotto l'ala della Peugeot ? Ancora più difficoltoso da dire. Visto che non hanno la percezione del lusso al mio avviso in questo momento. Ma se qualcuno avrà la mia stesa sensazione , intendo dire quelli che hanno la possibilità di spendere per queste auto fior di soldi , la Maserati andrà ancora più a fondo. E una SUV o due non saranno in grado di sollevarla. La Stellantis non è la Vag. Che questi giochetti di come destreggiare con i modelli delle auto che ha imparato benissimo come venderci i suoi prodotti. La Maserati made in Fiat è falita. Made in Stellantis andrà meglio ? Chi lo sa ? Staremo a vedere. Saluti a tutti ( Volpe, Flynn, Trattoretto)
Ritratto di Flynn
29 agosto 2021 - 13:12
@Miti: sempre bello leggerti, anche se per questa tua (ottima) ha richiesto … un certo impegno. Siamo, indiscutibilmente, obbligati ad andare avanti ma non quello che ci viene proposto non è necessariamente migliore , in tutti i suoi aspetti, del vecchio solo perché nuovo o per cavalcare l’onda dell’innovazione. Buona Domenica
Ritratto di Volpe bianca
29 agosto 2021 - 13:51
@Miti, certo che non è giusto rimanere indietro ma credo che sia altrettanto giusto non esagerare con i proclami a favore o contro. Il motore termico sembra di colpo essere diventato vecchio per non preistorico a detta di alcuni quando invece si scopre che tuttora è il più venduto. Lasciarsi abbagliare troppo da tutti sti gadget tecnologici che aggiungono agli interni delle auto serve solo a lasciarsi andare a troppo facili entusiasmi e a perdere un po' di obiettività. Domandiamoci se veramente tutte ste novità mirabolanti siano necessarie o meno, se davvero non possiamo fare a meno di hyperscreen, di tablet sparsi ovunque, di retrovisori smartphone, di assistenti vocali ecc. ecc. Il discorso è uno: o anni fa eravamo tutti dei superman che riuscivamo a guidare e viaggiare senza tutte ste ca**ate (mi scuso per il termine) oppure siamo diventati recentemente dei dipendenti da schermo e così scarsi alla guida. Lasciare i motori termici alle sportive non è arretratezza a mio parere, è solo un differenziare un segmento dal piattume che si sta profilando in tutti gli altri segmenti. Un saluto e buona domenica ;)
Ritratto di Volpe bianca
29 agosto 2021 - 13:52
*....per non dire preistorico...
Ritratto di v8sound
29 agosto 2021 - 14:21
@ Volpe Bianca. Ma tralasciando giusti personali, percezioni di guida, cambi e non cambi, sound e quant'altro... su un'auto sportiva allo stato dell'arte il motore termico e' la soluzione di gran lunga piu' performante, basta vedere i tempi al ring. Con le elettriche devono stare attenti a non fare un giro ik piu' di pista per non rimanere a secco di elettroni.
Ritratto di Volpe bianca
29 agosto 2021 - 14:36
@v8sound certamente, se c'è una soluzione che può andar bene per uno o più segmenti non è detto che sia così per tutti. A mio parere per le sportive in primis, ma anche per i mezzi da lavoro pesante tipo pickup o anche per i fuoristrada veri, l'elettrico non è (almeno per ora) la scelta più adatta Benzina per le sportive e tdi per pickup e fuoristrada sono attualmente le motorizzazioni più "giuste". Il resto che fa da contorno dipende solo dai gusti.
Ritratto di mmf
29 agosto 2021 - 14:02
Nel esatto momento in cui vedro', parlo per me, tutti i mezzi che per causa di forza maggiore sono quelli che inquinano di piu', tutti dal prino all'ultimo: autobus presenti in tantissime citta' e molto numerosi, polizia municipale, stradale, carabinieri, poste italiane, gdf e avanti, tutti full electric potrei cambiare idea parlo per me. Inizino loro a dare il buon esempio e, torno sulla bufala, la smettano con i bonus che sono soldi di tutti, vuoi la macchina nuova te la paghi. Ci sono ben altre priorita' nel paese ben prima dell'auto elettrica a spese di tutti. Di fatto una bella bufala per fare fare milioni di finanziamenti alle banche. Se dovessero fare una tornata di bonus da euro 4000 per le vetture a benzina o diesel e euro 2000 per le full electric di ecologisti non se vede nemmeno uno.
Ritratto di Trattoretto
28 agosto 2021 - 14:03
Poi ogni volta resuscitate questo falso mito per cui chi è "appassionato" d'auto deve avere la roba vecchia, di un passato sorpassato, invece chi sta al passo coi tempi non lo sarebbe. Seguendo questo ragionamento chi si presenta con un carretto a vapore dovrebbe essere il più appassionato in assoluto, anzi un carro con ruote di pietra trainato dai buoi.
Ritratto di Flynn
28 agosto 2021 - 14:22
Intanto il carro con i buoi non ha le gomme troppo ribassate e i fari esposi agli urti. Se un cliente Maserati privilegiasse il comfort come dici tu si comprerebbe una Mercedes
Pagine