NEWS

Maserati Levante Trofeo: la più “cattiva” ha il V8

29 marzo 2018

Il motore 3.8 della Levante Trofeo eroga 590 CV e rende la suv molto più grintosa, complici le modifiche all’assetto e ai freni.

Maserati Levante Trofeo: la più “cattiva” ha il V8

A TUTTA POTENZA - La Maserati Levante era disponibile finora soltanto con motori 6 cilindri a benzina e gasolio. Quest'anno però arriva il più coinvolgente V8, mostrato in anteprima al Salone dell'automobile di New York sotto il cofano della Maserati Levante Trofeo V8, una versione che porta all’esordio anche nuove tecnologie per la sicurezza e l’assistenza alla guida. Il “pezzo forte” della Maserati Levante Trofeo è ovviamente il motore V8 biturbo di 3.8 litri, lo stesso dell’ammiraglia Quattroporte GTS, potenziato di 60 CV (per complessivi 590 CV oltre a 730 Nm di coppia a 2.250 giri) e costruito dalla Ferrari a Maranello. I tecnici hanno lavorato in profondità sul 3.8, ridisegnando il basamento e aggiornando una lunga serie di parti meccaniche: dall’albero motore alla pompa dell’olio, dai turbocompressori ai pistoni e agli alberi a camme.

ASSETTO RIVISTO - Le modifiche si sono rivelate molto efficaci, tant’è che il V8 3.8 della Maserati Levante Trofeo è il motore con la più alta potenza specifica (156 CV/litro) mai prodotto dalla Maserati. Il costruttore modenese dichiara per la “suvona” un’accelerazione 0-100 km/h in 3,9 secondi e una velocità massima di 300 km/h, valori di tutto rispetto per una vettura lunga 500 cm e larga quasi 200 cm. Il peso superiore a 2.000 kg non dovrebbe rappresentare un grosso ostacolo al piacere di guida, stando alla Maserati, che ha lavorato per mantenere l’ottimo bilanciamento dei pesi tipico della Levante (sono al 50:50 fra le parti anteriore e posteriore), rivedere la taratura delle sospensioni ad aria e migliorare l’impianto frenante, in grado di arrestare l’auto da 100 km/h in 34,5 metri. La trazione integrale permanente e il cambio automatico a 8 marce completano la dotazione tecnica.

ARRIVANO I FARI A LED - L’allestimento della Maserati Levante Trofeo V8 prevede cerchi in alluminio forgiato di 22” e dettagli più grintosi per la carrozzeria, a partire dalle cornici nere dei fendinebbia fino alle scritte Maserati con finitura cromata nera. All’esterno si trovano inoltre sfoghi dell’aria maggiorati sul fascione, mostrine laterali e il “labbro” sul paraurti in fibra di carbonio, un nuovo scivolo posteriore ed i fari anteriori a led, non disponibili sulle Maserati Levante in vendita finora che migliorano la visibilità di notte. Nuovi sono anche la modalità di guida Corsa (meno “filtrata”) e il sistema di controllo integrato del veicolo, una dotazione che affina il comportamento su strada dell’auto utilizzando i sistemi di bordo per anticipare eventuali errori nella guida sportiva. Non manca il sistema launch control per le partenze al fulmicotone. L’interno è anch’esso di foggia sportiva, grazie ai sedili in pelle con cuciture a contrasto, dettagli in fibra di carbonio (fra cui le palette del cambio) e la grafica rinnovata della strumentazione. La Maserati Levante Trofeo verrà costruita dall’estate 2018 e sarà disponibile all’inizio in Canada, Stati Uniti e alcuni paesi fuori dall’Europa.

Maserati Levante
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
186
44
32
17
20
VOTO MEDIO
4,2
4.20067
299


Aggiungi un commento
Ritratto di torque
29 marzo 2018 - 16:16
Finalmente, la Levante che mancava. Da qualche altra parte ho letto di "edizione limitata per appassionati nordamericani": spero proprio non sia così, questa top di gamma deve restare a presidiare il segmento. Inaccettabile che un brand di prestigio come Maserati si faccia dare un pagone di 100-150 cavalli dai concorrenti BMW, Mercedes e Porsche, deve competerci ad armi pari. E come ha già detto qualcun altro, adesso servirebbe dotare anche la Ghibli di un V8 a prova di M5 ed E63.
Ritratto di Giuliopedrali
29 marzo 2018 - 16:32
Ma questa doveva rilanciare la Maserati... La Cayenne è un modello ormai in mezzo a tanti di Porsche e in più VAG ha il 20% del mercato cinese, per FCA questa sarebbe stata molto più importante.
Ritratto di Eccomi
29 marzo 2018 - 18:59
“La Cayenne un modello tra tanti “. Dopo questa, capisco che è inutile leggere i tuoi commenti.
Ritratto di Sprint105
29 marzo 2018 - 16:36
L'effetto Urus comincia sentirsi...
Ritratto di studio75
29 marzo 2018 - 16:53
5
Hanno alzato l'asticella. In attesa del suv Ferrari.
Ritratto di Giuliopedrali
29 marzo 2018 - 17:03
Francamente ha qualcosa di pesante nella linea, guardate i disegni quasi definitivi e il modello finale... Li ho visti su Auto&design dell'epoca di quando è uscita sta Levante, e noterete che c'è qualcosa di sbagliato, bastava un giroporte superiore leggermente più filante, come appunto nei disegni già definitivi... Quindi alla fine mettendoci tonnellate di cavalli ha la cattiveria di un Trailhawk o dell'altra cugina RAM super potente, ma non comunica il dinamismo di una Macan, Stelvio o Velar, e non è una cosa da niente...
Ritratto di Luzo
29 marzo 2018 - 19:40
questa non ha dinamismo? tu hai bisogno di un paio di occhiali, belli forti....posso capire il ' non mi piace' ma certe affermazioni sono solo ridicole ( dove ce lo vedi il dinamismo nel macan? c'ha una fiancata piattissima che il dinamismo - che la vettura ha- non sa nemmeno dove sta di casa)
Ritratto di ardo
29 marzo 2018 - 18:00
cattivissima ed esclusiva. per certi versi la vedo più 'sul pezzo' di ghibli. iulenzaaa (cit.)
Ritratto di Giuliopedrali
29 marzo 2018 - 19:49
Guarda i disegni originali e definitivi su Auto&design poi guarda come l'hanno realizzata davvero... Poi mi sai dire. In ogni caso la terza generazione della Cayenne sta diventando appunto un modello fra tanti per la Porsche, cioè ormai le nuove elettriche o crossover saranno il core business, non tanto la grande Cayenne.
Ritratto di Giuliopedrali
29 marzo 2018 - 19:52
In ogni caso la Levante sembra la Cayenne italiana, cioè il compitino a casa di FCA per trovare una concorrente, ma sinceramente è infinitamente meno riuscita anche della Velar e della bellissima Jaguar F-pace...
Pagine