NEWS

La Mazda 2 dice addio al diesel

9 luglio 2018

Le nuove normative Euro 6-Temp decretano la fine del diesel sulla Mazda 2: il benzina 1.5 viene aggiornato ed è disponibile con 75, 90 o 105 CV.

La Mazda 2 dice addio al diesel

PIÙ PULITO - Da luglio 2018 arriva in vendita nel nostro Paese la versione aggiornata della Mazda 2, l'utilitaria a cinque porte lunga 406 cm rivale di Ford Fiesta, Renault Clio e Volkswagen Polo. La Mazda 2 2018 non cambia all'esterno, dove spiccano la mascherina a forma di diamante e la nervatura a onda sulla fiancata, ma riceve un motore aggiornato secondo la normativa ani-inquinamento Euro 6d-Temp, che entra in vigore a settembre 2019 e prevede una nuova procedura di omologazione denominata WLTP (qui per saperne di più): è il benzina a quattro cilindri 1.5 Skyactive-G, nelle versioni da 75, 90 o 105 CV. Per tutte è di serie il cambio manuale a 5 o 6 rapporti, ma per quella da 90 CV è disponibile a richiesta l'automatico a 6 marce.

NIENTE DIESEL - Nel listino della Mazda 2 2018 non c'è più il diesel 1.5 Skyactive-D, eliminato nel solco di una tendenza già in atto fra i costruttori di auto piccole: anche la Skoda, per esempio, ha scelto di fermare le vendite del 1.4 TDI in occasione dell'aggiornamento della Fabia. Ciò in seguito ai costi di sviluppo più elevati e al calo delle vendite registrato in tutta Europa, dove le immatricolazioni di auto a gasolio sono diminuite del 17% nel periodo gennaio-marzo 2018 rispetto allo stesso dell'anno prima. In questo trimestre le vendite di modelli a benzina sono cresciute di quasi il 15%.

DOTAZIONI AGGIORNATE - La Mazda 2 in vendita da luglio 2018 riceve inoltre una serie di miglioramenti alla dotazione, ora più ricca scegliendo l'allestimento di terzo livello Exceed ed i pacchetti Comfort e Leather. Nel primo caso sono compresi nel prezzo anche la videocamera posteriore di parcheggio e il sistema di ingresso a bordo senza chiave, oltre agli equipaggiamenti già di serie sul vecchio modello, come i fari anteriori a led, il “clima” automatico, la frenata automatica d'emergenza, le ruote di 16” e l'accensione automatica di fari e tergicristalli. Del Comfort Pack faranno parte anche i vetri oscurati, in aggiunta alle ruote di 15” e ai sensori di prossimità, mentre il Leather Pack comprende nuove ruote di 16” e rivestimenti in pelle nera o bianca.

Mazda 2
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
139
84
42
17
23
VOTO MEDIO
4,0
3.98033
305


Aggiungi un commento
Ritratto di Moreno1999
9 luglio 2018 - 16:16
4
Mazda li ha promessi nel 2016, poi nel 2017, ora nel 2018. Speriamo che entro il 2019 arrivi questa benedetta compatibilità con AA e CarPlay. Per il resto il Mazda Connect è discreto come infotainment, meglio di quello presente sulle altre giapponesi per fluidità e facilità di utilizzo. L'aver messo un HMI pure su quest'utilitaria poi è una mossa apprezzata
Ritratto di otttoz
9 luglio 2018 - 14:43
ben fatto e chi vuole risparmiare può gasarli after market!
Ritratto di Giuliopedrali
9 luglio 2018 - 14:49
I diesel piccoli sono stati un alternativa più di marketing che realmente utile.
Ritratto di Probabilmente
9 luglio 2018 - 15:11
Possibile che la versione più potente abbia perso 10 cavalli rispetto alla pre-restyling? In ogni caso bella auto, peccato per la frenata non esaltante (come evidenziato da un po' tutte le riviste).
Ritratto di AMG
9 luglio 2018 - 15:34
Ahah incoraggiante. Comunque effettivamente il gasolio sulle auto così compatte ha meno ragion d'essere... Un valido benzina (magari con sistema ibrido leggero) può ampiamente soddisfare tutte le necessità dell'acquirente
Ritratto di alex_rm
9 luglio 2018 - 15:52
i nuovi benzina a 3 cilindri di PSA,Ford;Renautl,VW sono molto efficienti e per auto usate in citta non ha senso il diesel.A cio ha contribuito anche i problemi dei diesel VW del FAP le notizie dei prossimi blocchi diesel in citta e l'informazione dei giornali per il punto di pareggio dei diesel sulle piccole auto.Oramai il diesel conviene solo sui grossi SUV e a chi fa molta autostrada(con 15000 km annui)con segmento C e D o superiori.
Ritratto di Moreno1999
9 luglio 2018 - 16:13
4
E' troppo bellina la Mazda2, l'estetica è stata senza dubbio la motivazione principale che mi ha spinto a sceglierla. Sull'abbandono del diesel non ci vedo questo grande dramma, Mazda non è la prima e non sarà certo l'ultima a prendere una decisione del genere. Sul discorso dotazione, per la mia versione vengono aggiunti solo i vetri oscurati (che, detto francamente, chissenefrega) mentre avrebbero potuto (leggasi dovuto) mettere perlomeno nella lista optional la frenata automatica d'emergenza e i fari full led come avviene tra l'altro nell'allestimento intermedio proposto in quasi tutti gli altri paesi europei. Ai nostalgici del "1.5 diesel da 30 con un litro" vorrei far notare come questo motore non sia stato particolarmente fortunato dal punto di vista dell'affidabilità, tanto che lo hanno rimpiazzato pure sulla CX-3 con il nuovo 1.8
Ritratto di Maria Rossi
9 luglio 2018 - 18:34
Che piacere vedere ancora benzina aspirati!
Ritratto di Gordo88
9 luglio 2018 - 23:02
Ma non dovevano far uscire una nuova versione dello skyactive d.. boh io non capisco almeno vw ha in alternativa i motori metano ma mazda cosa offre a quelli che fanno più di 15k km l anno???
Ritratto di lucios
10 luglio 2018 - 00:29
4
Per una utilitaria, che non ha avuto nemmeno tanto successo, vista la concorrenza, è più che giustificato. Non fosse altro per limitare i costi di produzione di un modello che non ha entusiasmato più i tanto, nonostante le pregevoli qualità.
Pagine