NEWS

Mazda e Pollini: una CX-3 speciale in 110 esemplari

22 ottobre 2017

Dalla partnership tra la Mazda e la maison calzaturiera Pollini nasce una CX-3 speciale che riunisce la migliore artigianalità nipponica a quella italiana.

Mazda e Pollini: una CX-3 speciale in 110 esemplari

INCONTRO DI ECCELLENZE - Il gusto, la capacità e la sapienza tipici del made in Italy abbinati all’attenzione, alla cura e alla precisione dei migliori prodotti giapponesi: nasce da questo incontro una suv speciale in tiratura limitata, la Mazda CX-3 Limited Edition in Partnership With Pollini, riservata a 110 clienti italiani in cerca di quel tocco in più che assicura distinzione non solo nell’abbigliamento, ma anche nella scelta dell’automoboile.

PUNTI DI CONTATTO - I due marchi hanno in comune più di quanto si potrebbe pensare: innanzitutto la passione per la manifattura artigianale, ma anche un forte legame con le proprie tradizioni e uno sguardo sempre volto all’innovazione. Un filo conduttore che ha permesso un’efficace sintonia tra due realtà. Fondata nel 1953 a San Mauro Pascoli (Forlì-Cesena), nel cuore di quella Romagna in cui la passione per l’artigianato è pari a quella per i motori, l’azienda Pollini rappresenta una delle eccellenze italiane nel campo dello stile e della manifattura di pregio nella produzione di scarpe e accessori in pelle. Mentre, anche nell’era delle mega fabbriche robotizzate come quella della Mazda a Hofu, nel sud del Giappone, è ancora una realtà ben presente sulle linee di produzione la figura del Takumi, il maestro artigiano specializzato che si prende cura non solo della realizzazione anche manuale di parti della vettura (la corona del volante cucita a mano, per esempio), ma anche del buon funzionamento dell’intera filiera produttiva in una ricerca continua di miglioramenti qualitativi e di processo.

TRADIZIONE E ALTA TECNOLOGIA - Dall’incontro tra le due aziende è nata la Mazda CX-3 Limited Edition in Partnership With Pollini, disponibile a partire dal mese di ottobre in 110 esemplari. Sviluppata sulla base dell’allestimento Exceed, aggiunge alle dotazioni di questa versione equipaggiamenti premium come i sedili in pelle nappa Brown con doppie cuciture (la poltrona di guida è regolabile elettricamente con memoria), i cerchi in lega 18’’ cromati, le protezioni sottoscocca silver anteriore e posteriore, le calotte retrovisori satinate e il badge Pollini, con il numero progressivo di produzione, sulla plancia. Il corredo della vettura è impreziosito da un portadocumenti in pelle e da una Vip Card, utilizzabile nei punti vendita Pollini, che consentirà ai possessori di usufruire di vantaggi speciali sui prodotti del marchio. L’auto è spinta dal 2.0 a benzina da 120 CV della serie Skyactiv, con alimentazione a iniezione diretta (rapporto di compressione di 14:1, collettore di scarico 4-2-1, doppia fasatura della distribuzione sequenziale S-VT), che abbina motore brillantezza e fluidità, senza innalzare i livelli dei consumi e i costi di gestione. Il prezzo di vendita della vettura, in allestimento full optional (non è possibile richiedere accessori diversi da quelli già montati), è stato fissato in 25.470 euro.

Mazda CX-3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
213
116
55
48
74
VOTO MEDIO
3,7
3.683795
506


Aggiungi un commento
Ritratto di ELAN
23 ottobre 2017 - 11:30
1
Ben 155cv fa ridere. Aspettiamo ibridi belli da guidare e con buone prestazioni, oltre che convenienti a chi non fa urbano. Io non ne vedo, però li aspetto.
Ritratto di marcoluga
22 ottobre 2017 - 22:23
Bella, ma non mi piacciono troppo i sedili con tre diversi colori di pelle.
Ritratto di ziobell0
23 ottobre 2017 - 10:20
bella, molto bella.
Ritratto di ELAN
23 ottobre 2017 - 11:32
1
Se vogliamo il limite di quest'auto è che ha un bagagliaio inesistente (rispetto anche a HR-V); non ha diesel intermedio > 105cv; ed è cara per avere il ponte torcente.
Ritratto di str
23 ottobre 2017 - 16:40
Quanto costa?
Ritratto di gianni ferretti
23 ottobre 2017 - 19:27
10
Bella scarpina davvero ben riuscita. Senza offesa ovviamente ma per il solo fatto dell'assoluta mancanza di spazio.
Pagine