NEWS

La Mazda lavora alle CX-60 e CX80

Pubblicato 08 ottobre 2021

Nei prossimi due anni la Mazda lancerà in Europa due suv più grandi della CX-5: si chiamano CX-60 e CX-80 e saranno proposte anche con il motore ibrido plug-in.

La Mazda lavora alle CX-60 e CX80

DUE NUOVE SUV - La Mazda annuncia i suoi piani futuri per il mercato europeo. Nei prossimi due anni è previsto l’arrivo di due suv di dimensioni maggiori dell’attuale CX-5 (455 cm), che si chiameranno Mazda CX-60 e CX-80. La prima avrà sarà a cinque posti, la seconda, più grande, ne avrà sette su tre file di sedili. Entrambe saranno proposte con un motore ibrido plug-in, quindi con batterie ricaricabili dall’esterno, che potrebbe essere derivato da quello della Toyota Rav-4, ma anche con i nuovi 6 cilindri in linea Skyactiv-X mild hybrid a 48 V, sia a benzina che diesel, che la Mazda sta sviluppando. 

LA CX-5 NON SI TOCCA - Le due nuove Mazda CX-60 e CX-80 non sostituiranno la CX-5, che sarà ulteriormente rinnovata e ampliata nella gamma essendo uno dei modelli più venduti della casa giapponese.

TORNA IL ROTATIVO - Nella prima metà del 2022, sarà poi introdotta una nuova versione della crossover elettrica Mazda MX-30, che potrà contare su un piccolo motore rotativo che fa da generatore per le batterie e quindi estende l’autonomia. Bisognerà attendere il 2025 per vedere una nuova serie di auto elettriche ingegnerizzate su una inedita piattaforma dedicata. Questi modelli aiuteranno la Mazda ad elettrificare l’intera gamma entro il 2030.

Mazda CX-5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
120
58
43
31
31
VOTO MEDIO
3,7
3.72438
283




Aggiungi un commento
Ritratto di GinoMo
8 ottobre 2021 - 15:33
credo estate/fine 2022 come han fatto con la CX-30
Ritratto di Andrea Zorzan
8 ottobre 2021 - 19:51
Toyota rifornisce già Ford e Suzuki con i motori della Rav-4...
Ritratto di Giulio Menzo
8 ottobre 2021 - 20:05
2
Le fanno più grandi, ormai per apparire aggiornato ci voglio suv ed elettrico. Io concordo con Toyota, l'elettrico non è ancora maturo, checché ne dica Diess e compagnia... Bene che torna il sei in linea
Ritratto di Aldo Martino
9 ottobre 2021 - 18:09
Buonasera. Quest estate in vacanza, ho avuto modo di conoscere un turista veneziano, alloggiato nel nostro hotel che ,una volta fatta conoscenza, mi ha raccontato di lavorare da ormai oltre ventanni per Toyota , tempo addietro anche come ispettore.E parlando ovviamente di auto, anche lui mi ha confermato ciò che più o meno sospettavo da semplice utilizzatore di macchine. L ele trico attuale non è ancora nella forma definitiva in cui dovrebbe essere, e che tra problemi tecnici, esperimenti vari e pandemia i tempi di allungheranno ancora. Notando una sera la mia Mazda , sempre per un pour parler ,mi ha confessato che il sistema piccolo termico che fa da generatore, e stato al centro di infinite discussioni in sede Toyota, anche se poi e stato per vari motivi by passato. Il rotativo che dovrebbe montare la nuova mx30, secondo voci da lui sentite sarebbe un 500cc con un serbatoio da 10 litri. Con una cilindrata così contenuta e sopratutto un bassissimo regime di giri, i tanti guai del rotativo passerebbero nel dimenticatoio. Resta il fatto che la mx30 vista in salone da me non mi dispiacerebbe... Ma quelle porte al contrario propio no!!!! Aldo.
Ritratto di - ELAN -
9 ottobre 2021 - 22:36
1
Non ho capito cosa abbia visto il veneziano.
Ritratto di fabribi
11 ottobre 2021 - 12:47
I milanesi che non hanno box e non sono disposti a spendere 200€ o più al mese per un posto in autorimessa, si chiedono dove troveranno le centinaia di migliaia di colonnine necessarie a ricaricare i veicoli elettrici, pu convenienti ma ingestibili, senza parlare di quanto sia verde l'elettricità erogata attualmente...
Pagine