NEWS

Mazda MX-5 2015: nuova nel segno della tradizione

04 settembre 2014

Tolto il velo sulla quarta generazione della Mazda MX-5. Ma nelle concessionarie arriverà entro l'estate del 2015.

Mazda MX-5 2015:  nuova nel segno della tradizione
SCOCCATA L’ORA “X” - Gli appassionati di tutto il mondo la chiamano Miata, anche se il nome commerciale è Mazda MX-5. È la spider Mazda già entrata nella leggenda con le sue oltre 900mila unità vendute nell’arco di tre generazioni (la prima è del 1989). E oggi, in contemporanea mondiale in Giappone, Europa e Stati Uniti è stata svelata l’ultima discendente di questa dinastia. 
 
TRADIZIONE E INNOVAZIONE - Tolti i veli alla nuova Mazda MX-5 del 2015, si notano i tratti salienti dello stile Kodo della Mazda abbinati alle proporzioni compatte che hanno fatto la fortuna della spider più conosciuta al mondo. Muscolosi i parafanghi e le nervature sul cofano, da cui invece scompare la tradizionale “gobbetta” centrale. Sotto la pelle ci sono i pilastri della filosofia SkyActiv delle ultime Mazda: motori efficienti e costruzione leggera per ridurre i consumi e aumentare il piacere di guida. Guardando il tunnel della trasmissione si nota il “classico” longherone con parti vuote per ridurne il peso. La capote è in tela, ma non mancherà una versione con tetto rigido retrattile, come nell’attuale versione Roadster Coupé.
 
 
A BORDO  - Anche nell’abitacolo della Mazda MX-5 non mancano i forti richiami al passato: volante verticale, leva delle marce corta al centro della massiccia consolle centrale. Al loro fianco tocchi di modernità come lo schermo del sistema multimediale nella parte alta della plancia controllata dai pulsanti tra i sedili. Tradizionale invece il freno a mano, con una classica leva. I comandi sono ben raccolti attorno al posto di guida, e la capote si può azionare facilmente a mano senza spostarsi dal sedile.
 
QUALCHE DATO - La nuova Mazda MX-5 del 2015 è lunga 392 cm, dieci in meno del modello attuale, a garanzia di un’estrema agilità tra le curve. Inoltre, per garantire l’apprezzato piacere di guida, i progettisti hanno confermato la tradizionale ripartizione dei pesi, ugualmente distribuiti tra ruote anteriori e posteriori. Nulla trapela ancora sui motori se non che sono ad iniezione diretta di benzina e sono abbinati a un cambio manuale a sei marce e al differenziale autobloccante per le versioni più potenti. Come da tradizione, la potenza viene scaricata a terra attraverso le ruote posteriori, che (come quelle anteriori) hanno dimensioni non esagerate: 195/50 R 16. 
 
 
QUANTO C’È DI FIAT? - Il progetto della nuova generazione della Mazda MX-5 è stato interamente portato avanti dai tecnici della casa giapponese, ma da questa vettura deriverà anche un modello del gruppo FCA (Fiat Chrysler). Ma cosa avrà in comune con la spiderina giapponese? Di sicuro il telaio SkyActiv e i principali organi meccanici, motore escluso. Inoltre la carrozzeria sarà specifica per il modello del gruppo italo-americano. Di fatto dal giappone usciranno degli “scheletri” di vetture, che verranno poi completati negli stabilimenti del gruppo FCA.
 

 

Mazda MX-5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
261
68
28
20
23
VOTO MEDIO
4,3
4.31
400




Aggiungi un commento
Ritratto di T.air Punto
5 settembre 2014 - 19:55
Si probabilmente il motore opel della tua opc ha più allungo, da quel che so (non l'ho mai provato) il difetto del 1750 ė proprio lo scarso allungo, difetto che vale anche per il 1.368 della mito qv che ho provato piu volte (solo per strada però, mai stato in pista in vita mia purtroppo). Devo ammettere che mi piacerebbe fare un giro a Monza, ma quando sono caricato in macchina (o ancora peggio in moto) con uno che va forte ho una gran paura!!! Grazie per l'invito cmq!!!! :)
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 11:29
Continuerò ad amare la mia NC. Però dopo aver visto bene il video, temo che si senta un po' ingrassata oggi :-)
Ritratto di bubu
4 settembre 2014 - 11:34
non è brutta, ma dopo tutta l'attesa speravo i qualcosa di più! il design non è cosi accattivante come il resto della nuova gamma mazda, credevo acquistasse importanza la nuova generazione invece è rimasta la solita spiderina! più che altro sono curioso di vedere il modello fiat frutto di questa collaborazione!
Ritratto di MatteFonta92
4 settembre 2014 - 11:57
3
Sarà perché è totalmente diversa da come me la immaginavo, e forse dovrò farci l'abitudine, ma sinceramente mi aspettavo di meglio. Il contrasto tra il muso basso e la coda alta (ben evidente guardando il profilo) è veramente brutto, sembra quasi un'auto uscita da un cartone animato giapponese. E poi trovo che sia fin troppo "muscolosa", mi aspettavo delle linee più pulite come quelle della MX-5 di 1° generazione, che resta la mia preferita. Gli interni invece sono abbastanza belli, anche se forse un po' troppo grigi e austeri per un'auto sportiva. Riguardo ai contenuti tecnici, nulla da dire. A questo punto sono curioso di vedere come sarà la versione marchiata Fiat/Abarth...!
Ritratto di PariTheBest93
4 settembre 2014 - 16:22
3
Mi trovo d'accordo con te, a prima vista mi è sembrata la vecchia Barchetta davanti, mentre dietro è un po' jag F type.
Ritratto di Nikiii186
4 settembre 2014 - 12:10
Bellissima, spero tanto che non va a finire al gruppo Fiat, sarebbe come rovinare una auto storica piena di prestazioni. Non posso nemmeno immaginare auto cosi con qualche Multijet aspirapolvere che cade a pezzi. Da acquistare solo Mazda,magari con motore che c'è sulla mazda3 (2.2 Bi-turbo skyactive).
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 12:30
Premessa: sto cercando di reprimere il mio istinto talebano nel rispondere. Un tetto rigido (non in metallo possibilmente): ok, posso capirlo, c'è chi magari la usa tutti i giorni, per cui va bene come ripiego, anche se la tela funziona benissimo, è più leggera e si apre e chiude in una frazione di secondo. Per cui quando arriverà la RD (e arriverà) nessuna sorpresa. Il cambio automatico......ok, posso capire che chi non ha mai avuto una Miata possa sentirne il bisogno. Magari ci sta anche per coloro che hanno problemi di deambulazione o semplicemente nongli importa nulla di guidare veramente la vettura. Passi pure questo. Ma un diesel? Per favore no, no, no, no e magari anche no. Se qualcuno vuole una spider diesel perchè vuole risparmiare, c'è ampia scelta. Si prenda una TT o la sorella a marchio VW una Peugeot CC qualsiasi. Ma non una Miata. Va bene che ormai il gasolio in Europa sta diventando una religione. Ma non c'è alcun bisogno di inseguirlo per "avere successo". Senza il diesel è diventata semplicemente la roadster più venduta della storia, non vedo quanto altro successo dovrebbe ricercare.
Ritratto di alederme
4 settembre 2014 - 15:27
Ti quoto... ora, se la gente la vuole con un doppia frizione, diesel col tetto rigido e con i cerchi da 21"... beh la concorrenza offre tutto ciò... questa auto è sempre stata e sempre sarà così, snaturarla la renderebbe invisa a quelli che davvero la comprano
Ritratto di biggmax63
4 settembre 2014 - 15:32
10
io invece sono un pochino più integralista di te. Tetto rigido: ok, capisco come te il fatto che ripari più dalla cervicale. Diesel: Per favore no!! non la Miata! Non rovinatela mettendoci un motore diesel (e te lo scrive uno che ha avuto macchine Diesel dal 1990). Cambio automatico: no, per favore, NO! La Miata è una macchina da "sfizio", di quelle che si deve guidare "col fondoschiena". Niente DSG, DTG, D...quello che volete. Solo il buon vecchio cambio manuale senza elettronica superflua, con cui divertirsi . Tempi di reazione minori, cambiata più rapida, scalate immediate: tutte belle cose che il sequenziale ti può indubbiamente dare. Ma il buon vecchio tacco-punta nel fare la doppietta in scalata e la possibilità di passare direttamente dalla 5a alla 3a imballando il motore sono sensazioni che nessun cambio automatico ti può far vivere.
Ritratto di biggmax63
4 settembre 2014 - 15:32
10
io invece sono un pochino più integralista di te. Tetto rigido: ok, capisco come te il fatto che ripari più dalla cervicale. Diesel: Per favore no!! non la Miata! Non rovinatela mettendoci un motore diesel (e te lo scrive uno che ha avuto macchine Diesel dal 1990). Cambio automatico: no, per favore, NO! La Miata è una macchina da "sfizio", di quelle che si deve guidare "col fondoschiena". Niente DSG, DTG, D...quello che volete. Solo il buon vecchio cambio manuale senza elettronica superflua, con cui divertirsi . Tempi di reazione minori, cambiata più rapida, scalate immediate: tutte belle cose che il sequenziale ti può indubbiamente dare. Ma il buon vecchio tacco-punta nel fare la doppietta in scalata e la possibilità di passare direttamente dalla 5a alla 3a imballando il motore sono sensazioni che nessun cambio automatico ti può far vivere.
Pagine