NEWS

Mazda MX-5 2015: nuova nel segno della tradizione

04 settembre 2014

Tolto il velo sulla quarta generazione della Mazda MX-5. Ma nelle concessionarie arriverà entro l'estate del 2015.

Mazda MX-5 2015:  nuova nel segno della tradizione
SCOCCATA L’ORA “X” - Gli appassionati di tutto il mondo la chiamano Miata, anche se il nome commerciale è Mazda MX-5. È la spider Mazda già entrata nella leggenda con le sue oltre 900mila unità vendute nell’arco di tre generazioni (la prima è del 1989). E oggi, in contemporanea mondiale in Giappone, Europa e Stati Uniti è stata svelata l’ultima discendente di questa dinastia. 
 
TRADIZIONE E INNOVAZIONE - Tolti i veli alla nuova Mazda MX-5 del 2015, si notano i tratti salienti dello stile Kodo della Mazda abbinati alle proporzioni compatte che hanno fatto la fortuna della spider più conosciuta al mondo. Muscolosi i parafanghi e le nervature sul cofano, da cui invece scompare la tradizionale “gobbetta” centrale. Sotto la pelle ci sono i pilastri della filosofia SkyActiv delle ultime Mazda: motori efficienti e costruzione leggera per ridurre i consumi e aumentare il piacere di guida. Guardando il tunnel della trasmissione si nota il “classico” longherone con parti vuote per ridurne il peso. La capote è in tela, ma non mancherà una versione con tetto rigido retrattile, come nell’attuale versione Roadster Coupé.
 
 
A BORDO  - Anche nell’abitacolo della Mazda MX-5 non mancano i forti richiami al passato: volante verticale, leva delle marce corta al centro della massiccia consolle centrale. Al loro fianco tocchi di modernità come lo schermo del sistema multimediale nella parte alta della plancia controllata dai pulsanti tra i sedili. Tradizionale invece il freno a mano, con una classica leva. I comandi sono ben raccolti attorno al posto di guida, e la capote si può azionare facilmente a mano senza spostarsi dal sedile.
 
QUALCHE DATO - La nuova Mazda MX-5 del 2015 è lunga 392 cm, dieci in meno del modello attuale, a garanzia di un’estrema agilità tra le curve. Inoltre, per garantire l’apprezzato piacere di guida, i progettisti hanno confermato la tradizionale ripartizione dei pesi, ugualmente distribuiti tra ruote anteriori e posteriori. Nulla trapela ancora sui motori se non che sono ad iniezione diretta di benzina e sono abbinati a un cambio manuale a sei marce e al differenziale autobloccante per le versioni più potenti. Come da tradizione, la potenza viene scaricata a terra attraverso le ruote posteriori, che (come quelle anteriori) hanno dimensioni non esagerate: 195/50 R 16. 
 
 
QUANTO C’È DI FIAT? - Il progetto della nuova generazione della Mazda MX-5 è stato interamente portato avanti dai tecnici della casa giapponese, ma da questa vettura deriverà anche un modello del gruppo FCA (Fiat Chrysler). Ma cosa avrà in comune con la spiderina giapponese? Di sicuro il telaio SkyActiv e i principali organi meccanici, motore escluso. Inoltre la carrozzeria sarà specifica per il modello del gruppo italo-americano. Di fatto dal giappone usciranno degli “scheletri” di vetture, che verranno poi completati negli stabilimenti del gruppo FCA.
 

 

Mazda MX-5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
261
68
28
20
23
VOTO MEDIO
4,3
4.31
400




Aggiungi un commento
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 16:47
Per il tetto dipende dal tipo di soluzione che adotti. La attuale RC, per non aggiungere troppo peso, ha un tetto rigido sostanzialmente di plastica. La differenza tra la NC e la RC in termini di isolamento termico è veramente minima. In parte perchè la RC non ha molto isolante, in parte perchè il tetto della NC è veramente ben fatto (fatta eccezione per alcune che avevano degli eccessi di colla che trafilavano verso l'esterno). L'isolamento acustico è invece più marcato, questo è vero. In sintesi: se la macchina la sera la metti in garage, la RC è tutto peso, tempi di apertura e soldi in più. Sulla raffinatezza va a gusti. La RC è piuttosto sgraziata di profilo e un tetto in tela lo trovo un po' più classico ed elegante. Sulla RD vedremo; dal momento che il progetto nasce già pensando ad una R (la RC era nata in corsa), il risultato ci si aspetta che sia migliore. Sul diesel c'è stata una accesa discussione qualche mese fa a proposito della ND su mx5 italia. Più che una discussione a dire il vero era un singolo che è stato verbalmente malmenato da tutto il forum italiano per le sue idee eretiche :-). Ad ogni modo, senza andare troppo sul tecnico si quanto venuto fuori da quella fase di confronto, in quell'occasione si è arrivati ad un punto abbastanza chiaro sui diesel sulla Miata. Ovvero sì, ci sono motori sportivi diesel, ma sono sostanzialmente dei succedanei. Nelle competizioni vengono imposte dai regolamenti. Sulle stradali servono per incrementare i volumi a causa di limiti fiscali e/o economici. Ho letto molte volte l'argomento: "Sì ma Porsche e Maserati hanno il diesel". E' vero, e io sono il primo a dire che non è un'eresia. Ma su quali modelli? Cayenne, Panamera, Macaco, Quattroporte, Ghibli. Le vere sportive di questi brand non hanno un diesel (poi con la nuova gestione di Porsche vedremo, ormai non mi stupisco più). La Miata è un giocattolo e non sono molti ad essere così suonati da usarla come prima auto (io sono tra i suonati). Per cui se qualcuno sente proprio il bisogno di risparmiare..... ok, ma per me sta sbagliando auto.
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 18:28
Ecco, diciamo che in questo caso storco il naso per un altro motivo: al limite (ma proprio al limite) la SLK te la passo. Ma se mi paragoni la mia Miata ad una TT Roadster o alla Alfa Spider mi offendo ;-). Non dico che siano brutte auto (soprattutto la Spider mentre la TT per me è la prima generazione e basta). Però sono una cosa diversa. Con clienti diversi che la usano in maniera diversa.
Ritratto di Necchi
4 settembre 2014 - 12:29
A parte che speravo di saper qualcosa sui motori... sicuramente era chiaro che nn stravolgessero la linea, ma sinceramente cosi' pare piu' restyling che altro.. (certo, mi piaceva la "vecchia", e mi piace anche questa).. per quanto riguarda i commenti letti sullo scarico, beh, se nn piace lo cambiate,... dov e' il problema???
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 12:45
Questo è sicuramente vero. Tanto più che di Miata con scarico completamente stock non ne girano poi tantissime, vista la tonalità da utilitaria che le avevano messo (mi riferisco soprattutto alla NC). Però alla fine quello che propone la casa di stock è comunque naturalmente oggetto di giudizio. Il lato positivo probabilmente consente un pochino di risparmio quando si va a cambiare il finale
Ritratto di juvefc87
4 settembre 2014 - 12:55
il frontale dove va in controtendenza con quelli più elaborati e forse più riusciti delle altre mazda, in particolare quei led emssi a caso nella parte bassa, avrei preferito dei fari più complicati impreziositi da led come nella tre..
Ritratto di NelSeprio
4 settembre 2014 - 12:55
Non mi colpisce per nulla :( mi sembra una mini gt86. Non la prenderei mai, specialmente se dovessero mantenere gli aspirati e non offrissero un bel doppia frizione. Aspetta, quale giapponese lo offre? Ah si, nessuna! -.- speriamo in una versione più F(i)CA :D
Ritratto di Necchi
4 settembre 2014 - 13:12
Io invece la prenderei solamente con l aspirato, e con il manuale...
Ritratto di NeroneLanzi
4 settembre 2014 - 14:49
Quotone per il manuale. Sempre (su una Miata)
Ritratto di 19miki90
4 settembre 2014 - 12:55
2
Veramente molto bella, ottima notizia il fatto che sia rimasta l'accoppiata TP - manuale
Ritratto di H-ROSSA無限
4 settembre 2014 - 13:21
1
Bella, ma dal Kodo Design mi aspettavo di più, comunque rimane fedele al classico design della piccola roadster
Pagine