NEWS

Mazda MX-5: una serie speciale per i 30 anni

08 febbraio 2019

La MX-5 30th Anniversary punta sulla grinta, non soltanto nel look: ha ruote alleggerite e ammortizzatori sportivi.

Mazda MX-5: una serie speciale per i 30 anni

PER TUTTO IL MONDO - La spider Mazda MX-5 è fra le automobili più di successo della casa giapponese, perché in trent’anni di carriera (la prima generazione del 1989) ha conquistato oltre un milione di clienti. Per celebrare il traguardo dei 30 anni la Mazda ha presentato al Salone dell’automobile di Chicago la serie speciale MX-5 30th Anniversary, un’edizione limitata di 3.000 esemplari per tutto il mondo che sarà proposta nelle varianti con il tetto in tela e RF con il tetto rigido.

PIÙ GRINTA - La particolarità della Mazda MX-5 30th Anniversary è il colore della carrozzeria, un arancione accesso che si “sposa” con i nuovi cerchi in alluminio di 17” della Rays, verniciati di nero per mettere in risalto la grinta di questo allestimento. Sono arancioni anche le pinze dei freni e rifiniture sulle portiere, la plancia, la leva del cambio ed i sedili, che rispetto alle normali MX-5 sono più profilati per trattenere il corpo nelle curve. Fanno parte dell’equipaggiamento anche gli ammortizzatori sportivi dello specialista Bilstein e le pinze dei freni più potenti. All’interno è presente una targhetta con il numero progressivo dell’esemplare.

MIX RIUSCITO - L’allestimento 30th Anniversary vuole mettere in risalto l’animo sportivo della Mazda MX-5, che fin dalla prima generazione si è distinta per le doti di guida, complice un riuscito mix fra dimensioni compatte (l’interno è a due posti), leggerezza e trazione posteriore. Queste caratteristiche sono rimaste per lo più invariate nel corso degli anni, tanto è vero che la quarta generazione del 2015 è lunga solo 392 cm e pesa 975 kg.

Mazda MX-5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
262
68
28
20
23
VOTO MEDIO
4,3
4.31172
401




Aggiungi un commento
Ritratto di tramsi
8 febbraio 2019 - 19:57
Francamente, hai rotto con le vendite: se una macchina vende meno delle altre, non significa necessariamente che sia peggiore, mi pare evidente. Inoltre, quando voglio aggiornarmi sui dati di vendita, so dove reperirli e, soprattutto, sono in grado di interpretarli (passaggio a te estraneo!).
Ritratto di Giuliopedrali
8 febbraio 2019 - 22:11
Non sono sempre da interpretare, poi non ho detto che la macchina non sia buona perché non vende, però vuol dire sempre che manca qualcosa, anche il mio Maggiolino 2012 ha venduto poco. In ogni caso la Fiat 124 spider non riesco a trovarla in classifica, per cui in questi mesi (invernali) in Italia ha venduto meno di 20 esemplari al mese, la Alpine A110 ha venduto in Francia 2/300 esemplari ogni mese...
Ritratto di Fr4ncesco
9 febbraio 2019 - 13:18
2
"Non sono sempre da interpretare" è una gran fesseria, non si possono leggere i numeri senza conoscere le dinamiche che riguardano un modello relativo a storia, posizionamento, percezione, target, skills, area geopolitica. Ne tanto meno leggerli in maniera fantasiosa per avvalorare sedicenti teorie che vanno bene in pausa caffè con colleghi ignari del settore, ma non in un sito specializzato in auto con buona parte degli utenti specializzato in quello.
Ritratto di Giuliopedrali
10 febbraio 2019 - 11:26
Non sono da interpretare o sono da interpretare ma puoi essere un interprete di aramaico antico e in ogni caso la pur bella 124 spider non riesci a trasformarla in un successo, mentre la MX5 lo è.
Ritratto di tramsi
10 febbraio 2019 - 11:30
Il confronto intellettuale è estraneo al modo di procedere del Pedrali.
Ritratto di Fr4ncesco
10 febbraio 2019 - 13:12
2
A te mancano molti concetti per discutere a pieno tondo delle auto, si evince da risposte del genere. Limitati a parlare di design visto che è quello che dici di intendertene (anche se pure lì c'è un'influenza di parte eclatante), almeno c'è una maggiore soggettività a cui "attaccarsi".
Ritratto di Rikolas
11 febbraio 2019 - 15:57
A rileggere i commenti sopra c'è a mettersi le mani nei capelli. Tutti uno contro l'altro peggio dei bambini dell'asilo, ma nessuno che avanza un MINIMO di appunto tencico su questa nuova versione della MX5, l'unico ad aver detto qualcosa di inerente sono stato io col primo intervento: nessuno si è accorto dei freni che monta? Nessuno che si è accorto di cosa montava prima? Nessuno si è accorto di cosa monta da SEMPRE la 124 Abarth come primo impianto? Sempre a giudicare senza avere un minimo di nozioni tecniche, mi chiedo quanti di voi che scrivono qui dentro tutti i giorni abbiano un titolo di studio che vada oltre il diploma, temo ben pochi. Istruitevi, leggete qualcosa di tecnico ogni tanto e poi semmai commentate...
Ritratto di Rocket18
11 febbraio 2019 - 17:09
1
Monta i Brembo che sulla Mazda sono a richiesta solo per alcuni mercati, ad esempio USA. Su strada la differenza di prestazioni in frenata è minima, lo sarà probabilmente in pista, dove però sono indispensabili altri accorgimenti (tubi in treccia aeronautica) a prescindere dall'impianto. Comunque l'arancione è spettacolare ma c'entra poco con la storia della MX-5, avrei preferito un Sunburst Yellow, un British Green o un Mariner Blue
Ritratto di ELAN
11 febbraio 2019 - 17:12
1
Ma lo sapevi che la 124 tunizzata (Abarth) altro non è che una MX-5 ricarrozzata con un vecchio motore mutuato dalla MiTo? Al di là che sia bella (e lo è!) ...devi ammettere che è pure una Mazda a cui hanno sostituito il motore e che ha subito un ricarrozzamento. Questo è un mio commento di cui sopra, ti pare un aspetto secondario? Per me lo sono i piccoli elementi di tuning montabili benissimo anche aftermarket. Non è un caso se la Abarth costa 40.000 e più, con la differenza una MX-5 come può venir tunizzata???
Ritratto di Pierpaolo C
11 febbraio 2019 - 19:40
Gioiellino...senza strafare. Giusto compromesso per divertirsi e distinguersi con stile...
Pagine