NEWS

La McLaren prepara l’erede della P1

29 settembre 2017

La nuova hypercar avrà un abitacolo a 3 posti, con il sedile del guidatore centrale e avanzato rispetto agli altri due, come la F1 del 1993.

La McLaren prepara l’erede della P1

GRANDI ASPETTATIVE - La McLaren aveva già annunciato di essere al lavoro su una vettura sportiva a 3 posti, erede della McLaren P1 con prestazioni di livello assoluto: quel modello, secondo il costruttore, diventerà fra i più veloci mai costruiti a Woking. L’auto è conosciuta internamente con il codice di progetto BP23 e sta effettuando in questo periodo i classici test di sviluppo (ai quali si riferiscono le foto diffuse dalla casa), dotata di una carrozzeria non ancora definitiva, ripresa dalla 720S. Come si vede dalla foto qui sopra relativa al prototipo, la nuova coupé avrà tre posti con il guidatore al centro, con sedile montato più avanti rispetto ai quelli dei due passeggeri, soluzione ripresa dalla storica F1 del 1993.

ERGONOMIA DA RIVEDERE - I tecnici della McLaren stanno lavorando per ottimizzare l’ergonomia interna e migliorare la visuale del pilota, che sarà in parte compromessa. Per questo la casa inglese sta sperimentando sull’esemplare di prova due grossi schermi in sostituzione (o in aggiunta) degli tradizionali specchietti. La McLaren dovrà ridisegnare anche l’abitacolo e riposizionare il cruscotto al centro, mentre i comandi della trasmissione saranno dietro il volante come sulla maggior parte delle sportive più recenti. A livello tecnico la BP23 dovrebbe utilizzare il nuovo telaio in materiali compositi (portato all’esordio proprio dalla 720S) e un motore ibrido dalla potenza che potrebbe agevolmente superare i 1.000 CV che, stando alle ultime indiscrezioni, permetterà all’auto di oltrepassare i 350 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi.

NUOVA GENERAZIONE DI HYPERCAR - La McLaren BP23 arriverà nei concessionari fra 2 anni e sarà costruita in 106 esemplari, tutti già prenotati. Sarà una delle tante nuove hypercar attese entro il 2020, quando arriveranno anche l’Aston Martin Valkyrie e la Mercedes-AMG Project One, vetture da oltre 2 milioni di euro. Ora si attendono le risposte della Ferrari, che non vorrà certo lasciare il campo libero alle rivali e quindi potrebbe dare un’erede alla LaFerrari che risale al 2013, e della Porsche.



Aggiungi un commento
Ritratto di hulk74
29 settembre 2017 - 19:40
Parlando con un ragazzo che lavora in McLaren F1 aereodinamica, ha detto che la valkyrie è un orgasmo di flussi, il sogno di ogni aerodinamico
Ritratto di hulk74
29 settembre 2017 - 19:41
PS pare che BMW e McLaren siano tornati a collaborare...
Ritratto di Ercole1994
29 settembre 2017 - 21:00
Ottima notizia, non c'è che dire. A me la P1, è sempre piaciuta. Ha quel "non so ché" di tecnologico, che le da fascino.
Ritratto di Leonal1980
30 settembre 2017 - 01:31
4
Cosa te ne fai di una mclaren quando esiste la Ferrari.
Ritratto di hulk74
30 settembre 2017 - 12:07
Della F1, molto... Quelle "nuove" non mi fanno impazzire come design, ma tutte le testate ne parlano benissimo! Quindi...
Ritratto di hulk74
30 settembre 2017 - 17:24
Pare che la 570 abbia una trazione spaventosa!
Ritratto di Fr4ncesco
30 settembre 2017 - 21:26
2
Invece io sono del parere che non sono ancora maturi e sono ancora uno step sotto Ferrari e Lamborghini. Saranno comode e fruibili ma non è proprio un elemento primario sulle auto a motore centrale. Sono prive di caraterizzazione e nella guida sportiva non incisive come le italiane. Uno dei difetti citati è ad esempio la sconnessione tra telaio e motore (non fatto in casa), non sempre in tandem tra loro o lo sterzo non proprio diretto quando si va forti. Devono ancora farsi le ossa come produttori autonomi.
Ritratto di hulk74
30 settembre 2017 - 23:09
Aspetto con ansia la P15
Ritratto di Fr4ncesco
30 settembre 2017 - 23:53
2
Ferrari non fa largo uso della fibra di carbonio a differenza di McLaren che la utilizza fin dalle entry level, perchè riesce lo stesso a contenere i pesi e a ridurre il gap di peso con una manciata di CV in più (con motori fatti in casa da una lunga esperienza), tanto da avere prestazioni uguali o superiori e ad un prezzo inferiore (a quelle cifre 26.500 euro sono bruscolini, ma il carbonio costa). Citando riviste (ovviamente non ho modo di confrontare dal vivo queste auto e comunque non avrei le competenze professionistiche per farlo) da 3 anni sia su Top Gear che su Evo leggo recensioni deludenti che al di là dell'estetica soggettiva non sono particolarmente efficaci nella guida e "divertenti" come le Ferrari e Lamborghini che, con gli ultimi modelli, hanno raggiunto praticamente la perfezione . I tempi su pista lasciano lo spazio che trovano, mi fiderei più di un giro virtuale con dei parametri prestabiliti senza variazioni delle condizioni ambientali o delle capacità del pilota. Che la MP412C abbia girato 2" meglio della 458 su Quattroruote non mi fa cambiare giudizio tra un' auto non del tutto completa (e di un costruttore che si sta ancora cimentando nelle auto di serie, F1 a parte fatta con le competenze delle corse quando andava forte) e la Ferrari V8 definitiva.
Ritratto di hulk74
1 ottobre 2017 - 00:02
Io ho letto recensioni piuttosto lusinghiere, di tutte e tre le case da te citate, e di McLaren lamentano una inadeguatezza del motore (in particolare sulla 720S)
Pagine