McLaren Senna: per chi ha la pista nel sangue

La sportiva dedicata al grande pilota Ayrton Senna ha un motore V8 da 800 CV e prestazioni entusiasmanti.

800 KG A 250 KM/H - Basata sulla 720S, la McLaren Senna ne rappresenta l’evoluzione in chiave supersportiva: ha il motore V8 biturbo di 4.0 litri potenziato a 800 CV e pesa soltanto 1.198 kg. La coupé inglese viene mostrata per la prima volta in pubblico qui al Salone dell’automobile di Ginevra e appartiene alla “famiglia” di coupé McLaren Ultimate Series, quella in cui si trovava l'estrema P1, modelli omologati per la strada ma con tecnologie e accorgimenti tecnici ripresi dalle auto da corsa. Basti sapere che la McLaren ha lavorato molto sui flussi dell’aria e ha dotato la carrozzeria di appendici mobili, cioè controllate dell'elettronica e in grado quindi di alzarsi o abbassarsi a seconda che il pilota sia alla ricerca della velocità o di una maggiore potenza frenante. Il nuovo alettone ed i profili aggiuntivi generano 800 chili di carico dell’aria sul tetto a 250 km/h.

SENZA FRONZOLI - L'interno della McLaren Senna è molto essenziale e ricorda quello di un'auto da pista, come dimostrano alcune soluzioni tipiche: la levetta per l'apertura delle portiere si trova sul tetto, il finestrino laterale è composto da due parti (si apre solo quella inferiore) e non ci sono materiali di rivestimento, neanche per coprire la cartuccia di gas che mantiene in posizione la portiera quand'è aperta verso l'alto (il tutto per risparmiare peso). Il motore V8 4.0 biturbo è lo stesso della McLaren 720S, ma è stato potenziato da 720 a 800 CV e dotato di alcune migliorie per aumentare la sua “voce”. Il cambio è automatico doppia frizione a 7 marce, la trazione posteriore. La Senna si avvale inoltre di dischi freno in materiali compositi, del sistema per gestire le modalità di guida e di quello per controllare la risposta dell'assetto.

PER NON DISTRARRE - Le prestazioni annunciate per la McLaren Senna sono superlative: la velocità massima è di 340 km/h, per lo scatto 0-100 km/h bastano 2,8 secondi e dopo altri 4 secondi si raggiungono i 200 km/h partendo da fermo. Il guidatore può selezionare una delle tre modalità di guida (Comfort, Sport e Track) e controllare i dati presenti nella strumentazione digitale, che al pari della McLaren 720S è girevole: lo schermo è “completo” quando si guida per strada, frangente in cui mostra più dati sull’auto, ma una volta in pista si gira e riporta solo la velocità, il numero dei giri e la marcia selezionate. Nella consolle centrale è presente lo schermo verticale da 8 pollici. Fra le particolarità dell’auto c’è anche il selettore del cambio solidale al sedile, che rimane alla giusta distanza dal busto anche se il guidatore vuole distendere le gambe. La McLaren Senna verrà costruita da luglio 2018 in 500 esemplari.



Leggi l'articolo su alVolante.it