McLaren Senna: tutti i dettagli

7 febbraio 2018

La McLaren presenterà il nuovo modello Senna al Salone di Ginevra dei primi di marzo. Illustrate le caratteristiche tecniche.

McLaren Senna: tutti i dettagli

NEL SEGNO DELLA LEGGEREZZA - In vista dell’imminente Salone di Ginevra dove il modello sarà svelato, la McLaren ha diffuso le caratteristiche tecniche del suo nuovo modello intitolato al grande campione brasiliano scomparso Ayrton Senna. I dati relativi alle prestazioni sono in sintonia con tale ispirazione: il motore è un V8 di 4.0 litri, dotato di doppia turbina ed erogante 800 CV a 7.250 giri e coppia massima di 800 Nm disponibili tra 5.500 e 6.700 giri. Tutto questo per una vettura che pesa solo 1.198 kg. Ma la McLaren Senna non si preannuncia come un’auto basata solo sul notevole rapporto peso/potenza. Grazie al suo design, agli elementi aerodinamici mobili e all’alettone, alla velocità di 250 km/h la vettura può contare anche su una deportanza di 800 kg. Una caratteristica che rappresenta un importante contribuito per chi si metterà al volante della Senna. 

FINO A 340 KM/H - Le prestazioni previste dalla casa sono superlative: velocità massima di 340 km/h, scatto 0-100 km/h in 2,8 secondi, 0-200 km/h in 6,8 secondi e il quarto di miglio (402 metri) in 9,9 secondi. Con questi dati la McLaren fa intendere che per apprezzare l’intera personalità della Senna sarà indispensabile andare in pista. Ciò anche se la McLaren Senna è stata pensata e sviluppata come vettura stradale. In linea con questo profilo da supercar, la McLaren Senna è realizzata principalmente in fibra di carbonio: è in questo materiale il telaio Monocage II, così come i pannelli della carrozzeria. E queste soluzioni sono determinanti per arrivare ad avere il peso citato, che fa della Senna la McLaren più leggera mai costruita (monoposto da corsa a parte).

CAMBIO UNITO AL SEDILE - Ma sulla McLaren Senna un po’ tutto è concepito per garantire le migliori prestazioni e le migliori condizioni per poter “gestire” le capacità della vettura. Per esempio, il selettore della trasmissione (il cambio è a 7 rapporti, a doppia frizione), che prevede le tre posizioni “Drive”, “Neutral” e “Reverse”, è solidale con il sedile di guida, il quale è montato su guide su cui scorre. Ciò per mettere a disposizione la posizione di guida migliore senza incidere sulla manovrabilità del cambio.

EQUIPAGGIAMENTI AD HOC - La McLaren Senna nasce come modello sportivo, dunque con l’essenzialità nel suo dna, ma la McLaren non ha tralasciato la possibilità che qualche cliente gradisca le comodità e le funzionalità di servizio delle berline più prestigiose. Così il cliente che lo ha chiesto, potrà avere la sua Senna dotata di sensori posteriori per il parcheggio e telecamera posteriore. Chi invece è sensibile al bon ton dell’abitacolo ha potuto scegliere rivestimenti in Alcantara o in pelle. Sono stati pensati con la versione “Touring”.

POSTO DI GUIDA MODULABILE - La McLaren Senna mette a disposizione tre modalità di guida: Comfort, Sport e Track. E a seconda della modalità scelta, il pannello del Foldin Driver Display fornisce a chi guida le informazioni più adatte. Se invece si preferisce ridurre le informazioni, si può regolare il dispositivo in modalità Slim Display Mode, con cui sono riportate solo la velocità, il numero dei giri e la marcia selezionate. Per quanto riguarda invece le funzioni di infotainment, esse hanno il loro supporto visivo nel display centrale da 8 pollici.

NON PIÙ DI 500 - La produzione della McLaren Senna è prevista nello stabilimento della McLaren Production Centre di Woking, in Inghilterra, con un obiettivo limitato a 500 esemplari. E la casa sottolinea come tutta la produzione prevista sia già stata prenotata, attraverso vere e proprie “gare” on line. Il prezzo per il mercato italiano è di 945 mila euro, tasse incluse.

McLaren Senna
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
20
6
1
1
3
VOTO MEDIO
4,3
4.258065
31
Aggiungi un commento
Ritratto di Agl75
8 febbraio 2018 - 07:00
Fai un altro piccolo sforzo celebrale e una risposta facile facile si trova
Ritratto di Prodotto Teutonico
8 febbraio 2018 - 00:53
Lo dico io per primo così levo la soddisfazione ai fiattari: l'arfio giulio erbaceo è meglio di questa! Ahahah
Ritratto di GranNational87
8 febbraio 2018 - 08:24
3
ahahahahah
Ritratto di Veenc
8 febbraio 2018 - 10:12
1
"erbaceo" Ahahahaha
Ritratto di hulk74
8 febbraio 2018 - 12:04
Top!
Ritratto di napolmen4
8 febbraio 2018 - 07:07
In attesa della Ferrari Schumacher...
Ritratto di Arreis88
8 febbraio 2018 - 07:54
Condivido il giudizio negativo sull'estetica. Da amante del brit design la trovo sgraziata. Poi sarà sicuramente un mostro tra i cordoli e magari alcune soluzioni visivamente discutibili saranno funzionali allo scopo, ma dopo la 720s un migliore compromesso si poteva raggiungere. Spero si rifacciano con la futura Hyper a guida centrale.
Ritratto di AMG
8 febbraio 2018 - 10:07
Un'evoluzione estrema di un modello già a listino con i suoi molti meriti nel comparto tecnico-meccanico. A parte questo non la reputo minimamente una degna erede della P1 per tutta la serie di motivi sui quali mi ero già espresso. Una trovata discutibile questa Senna.
Ritratto di luconeone
8 febbraio 2018 - 10:32
Avrei preferito l'avessero chiamata 720 gt3, Senna forse avrebbero dovuto chiamare la nuova hyper, sarebbe stato un omaggio più consono. Come tutte le varianti track ha i pro e i contro, ma mi dispiace abbia perso quella pulizia delle linee della 720, veramente fantastica di design. Unico appunto per quel tablet appiccicato sulla plancia che fa un po' posticcio....
Ritratto di luconeone
8 febbraio 2018 - 10:49
Mi piacerebbe poi sapere perché la McLaren è l'unica ad aver proposto(e a voler riproporre) una soluzione a tre posti con l'anteriore centrale; scomodità dell'ingresso a parte mi è sempre sembrata la soluzione migliore per una supercar.
Pagine