NEWS

Mercato dell’auto in Italia: -17% ad aprile 2021

Pubblicato 03 maggio 2021

Ad aprile sono stati immatricolati 164.505 veicoli, con una flessione del 17,13%, rispetto allo stesso mese del 2019, anno pre-Covid e quindi statisticamente più rilevante.

Mercato dell’auto in Italia: -17% ad aprile 2021

IL MESE E IL TRIMESTRE - Il mercato dell’auto conferma un periodo molto complesso anche nel mese di aprile 2021. Secondo i dati diffusi da Dataforce, infatti, lo scorso aprile, se confrontato con lo stesso mese del 2019, periodo statisticamente più rilevante perché non colpito dal lockdown, ha registrato un -17,13%, corrispondente a una flessione di 30.000 nuove targhe. Nei primi quattro mesi dell’anno mancano oltre 120.000 immatricolazioni, quantificabili in un -16,93%. Questi mesi sono stati sostenuti soprattutto dagli incentivi, che però attualmente risultano nuovamente terminati nella fascia tra 61 e 135 g/km di CO2, che è quella più richiesta.

LE PREVISIONE PER IL 2021 - Nello specifico, ad aprile 2021 sono stati immatricolati 164.505 veicoli, tra cui 145.490 autoveicoli per il trasporto passeggeri, 15.192 mezzi commerciali, e una piccola quota di mezzi importanti costituita da 3.748 automobili e 75 veicoli commerciali leggeri. Le previsioni di Dataforce per il 2021 ipotizzano un mercato delle autovetture a quota 1.490.000, che rappresenta un modesto incremento sul 2020 (+7,7%), ma una pesante flessione rispetto al 2019, ultima annata pre-covid, paria a -22,4%.

NOLEGGI IN SOFFERENZA - Ad aprile il mercato dei privati rispetto lo stesso mese del 2019 fa segnare -8,14%, corrispondente  a circa 7.700 targhe in meno. Fanno peggio tutti gli altri canali, tranne il noleggio a lungo termine che registra un -7,3%, con 2.000 targhe in meno. Continua la contingenza dei noleggi a breve termine, pari a -53,56%, e delle auto-immatricolazioni, che perdono il 22,91%. I concessionari stanno infatti frenando su esemplari di prova e km zero. Nel cumulato del primo quadrimestre, i privati fanno segnare una perdita di quasi 35.000 automobili. 

SEMPRE PIÙ IBRIDE - Per quanto riguarda la tipologia di motori, ad aprile, nel confronto con lo stesso mese del 2019, le auto ibride hanno superato le vendite delle benzina e delle diesel: 48.280 immatricolazioni rispetto alle 46.454 delle auto a benzina e alle 33.299 a gasolio. Nello scorso mese un’auto nuova su tre è stata un’ibrida. Oltre due terzi delle ibride vendute sono di tipo mild, ossia ibride leggere. Continuano a crescere le elettriche, ma con un ritmo inferiore agli scorsi mesi: 4.800 immatricolazioni ad aprile (a marzo furono 7.300). Il rapporto tra elettriche pure e ibride è di 1 a 10. In crescita le auto alimentate a metano (+7,45%), mentre le gpl accusano una flessione del 21,84%.





Aggiungi un commento
Ritratto di Pierre Cortese
5 maggio 2021 - 17:57
1
22 Tesla vendute ad aprile (ventidue!!!). Questi un mese vendono 1400 pezzi, un altro una ventina... Con un andamento così schizofrenico, dovuto chiaramente al peso degli incentivi, se ci sono bene, se non ci sono, addio, come si fa a dire che le Tesla siano un grande successo in Italia? Ma non è tutto, il dato recente è che Tesla sta perdendo quote di mercato un po' ovunque nel mondo, persino in Cina, dove inizia a sentire il peso di marchi locali ben più a buon mercato. Che magari offrono anche linee decenti, non che ci voglia molto a fare linee più personali delle Tesla. Naturalmente IMHO e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Pagine