NEWS

La Mercedes-AMG C63 avrà solo 4 cilindri?

Pubblicato 18 ottobre 2019

Secondo indiscrezioni, l’erede della C63, attesa nel 2021, dovrebbe dire addio al V8 in favore di un motore ibrido con oltre 500 CV.

La Mercedes-AMG C63 avrà solo 4 cilindri?

DRASTICO CAMBIO - Si avvicina la fine di un’era per la AMG, che dovrà dire addio al suo motore V8, “bandiera”dell’azienda sin dalle origini? A quanto pare sì, in nome delle norme sulla progressiva riduzione delle delle emissioni anche la “radicale” AMG a quanto pare sarà costretta a piegarsi. Almeno per quel che riguarda la prossima generazione della Mercedes-AMG C63, attesa nel 2021: secondo quanto riporta il settimanale inglese Autocar, sarà dotata di un sistema ibrido basato su un motore 4 cilindri.

OLTRE 500 CV - Il motore scelto per fare da base all’ibrido sarebbe il recente 4 cilindri delle Mercedes-AMG A45 e 45 S, un “duelitri” in grado di erogare 387 o 421 CV. L’M139 è stato sviluppato già in origine, sia per la collocazione trasversale (come nel caso della A45), sia longitudinale (come la C63). Ad esso sarà abbinato un motore elettrico che dovrebbe consentire una potenza di sistema di oltre 500 CV, in linea con le rivali 6 cilindri Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e BMW M3. La nuova Mercedes-AMG C63 del 2021 avrà la trazione integrale, per scaricare a terra tale potenza in modo ottimale.

ANCHE PER LA C43 - La AMG starebbe pensando di utilizzare una versione meno potente dello stesso sistema ibrido, con circa 400 CV, anche per la prossima generazione della C43, che oggi adotta un 6 cilindri 3.0 da 390 CV. Dunque gli appassionati del motore V8 devono disperare? Forse non ancora, visto che potrebbe essere utilizzato, sempre all’interno di un sistema ibrido, per i modelli di fascia superiore.





Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
19 ottobre 2019 - 15:35
Non credo, in ogni caso sono uno zero virgola di uno zero virgola del mercato. E se guardiamo VAG non vuole mettere un V6 su una Lambo, no vuole solo dismetterla...
Ritratto di neuro
19 ottobre 2019 - 21:00
@pavogear: se la lambo dovesse produrre un v4 turbo ibrido che ha di più di un v10 aspirato, penso opterei per la prima opzione.
Ritratto di Marco_Tst-97
19 ottobre 2019 - 21:46
Col cavolo, io la aborrirei, perché rimarrebbe una soluzione poco raffinata che si potrebbe trovare anche su una qualsiasi utilitaria! Le auto sportive sono tali anche per la sofisticatezza, la fluidità e la regolarità che solo dei motori plurifrazionati con numerosi cilindri possono avere.
Ritratto di Giuliopedrali
20 ottobre 2019 - 09:29
Guarda che siamo nel 2020 e non parliamo di supercar, o almeno se parliamo di Lambo si ma Mercedes C. Anche in Formula Uno spesso i 4 cilindri turbo spianavano i V12, e l'auto più potente della storia di Lotus o Pininfarina o altri ormai è elettrica, mi pare una battaglia di retroguardia, uno guarda i risultati.
Ritratto di Marco_Tst-97
20 ottobre 2019 - 09:43
Mi sa che te proprio non hai capito che: 1) non stiamo parlando di Formula 1; 2) pochissimo seguono la Formula E, ancora di più sono quelli che fanno smesso di seguire la Formula 1 da quando i motori sono 6 cilindri; perché una delle componenti fondamentali di queste competizioni è LO SPETTACOLO, cui il suono di un motore V8 quando la monoposto passava dava un contributo abissale! Parli da assolutista, ovvero per te è tutto o cambiamento o retroguardia. Peccato che l'innovazione sia un insieme di tutt' e due: non si può innovare se non c'è qualcosa di precedente...
Ritratto di Pavogear
20 ottobre 2019 - 09:45
In formula 1 durante la prima era turbo c'era molta più libertà di costruzione. I motori turbo erano meno della metà degli aspirati come cubatura, ma erano spinti al limite estremo. Inoltre il vero vantaggio lo si aveva in quanto i grossi V12 impedivano di sviluppare un'aerodimamica sofisticata come chi aveva i turbo, in particolare diventava difficile sfruttare l'effetto suolo. È solamente per tale motivo che Ferrari ha abbandonato il V12 aspirato per passare al V6 turbo nell' '81, perché a potenza non era tanto dietro rispetto agli altri. Poi si, Lotus e Pininfarina hanno 2000 cavalli una e 1900 l'altra, però soprattutto la seconda pesa due tonnellate, mentre la Lotus mi pare che sia stata descritta come la hypercar elettrica più leggere al mondo e pesa quasi 1800 chilogrammi. Poi come ha fatto notare un altro utente, è interessante il fatto che in termini di prestazioni per paragonare il tempo sul giro tra un elettrico e un ICE si abbia un rapporto di potenza 2:1, ovvero che di solito le hypercar elettriche hanno il doppio dei cavalli rispetto a quelle endotermiche per realizzare un giro nello stesso tempo. Infine, questo "siamo nel 2020", "siamo nel duemila-anno a caso-" conta come il due di picche quando va a bastoni. Se una sportiva, a prescindere che sia una berlina o una Supercar o una utilitaria, deve avere certe determinate caratteristiche, non è che si può andare in cerca di chissà quale via per replicarle in altre strane maniere.
Ritratto di Giuliopedrali
20 ottobre 2019 - 13:55
Va be dai hanno 2000 cv alla fine sia Lotus che Pinifarina e peseranno 1800/2000 kg, ma anche una R8 ha 540 cv e pesa 1700 kg...
Ritratto di Pavogear
20 ottobre 2019 - 14:16
Infatti l'audi R8 non è una hypercar, è una Supercar. Se andiamo a vedere i dati della sempre attuale Ferrari LaFerrari troviamo 963 cavalli su 1255 kg. È meglio anche della nuova Ferrari SF90stradale in quanto a rapporto peso/potenza. Inoltre minore è la massa e minore sarà l'inerzia dell'auto, a tutto vantaggio del comportamento dinamico, che alla fine è la voce più importante in una sportiva
Ritratto di Marco_Tst-97
19 ottobre 2019 - 10:31
Era il periodo in cui bastava mettere "TURBO" sulla nomenclatura di un'auto per vendere... la storia dell'auto non va a comprarimenti stagni, né è unidirezionale, visto che spesso modelli e stili prima passati si moda tornano spesso in auge.
Ritratto di Giuliopedrali
19 ottobre 2019 - 12:25
Andate a lavorare alla Mercedes e spiegateglielo.
Pagine