Mercedes-AMG GLA 45: se i cavalli non bastano mai

Pubblicato 27 febbraio 2020

Con 387 o 421 CV, la crossover compatta GLA 45 scatta da 0 a 100 km/h in meno di 4,5 secondi e raggiunge i 270 km/h.

Mercedes-AMG GLA 45: se i cavalli non bastano mai

UN MOTORE DA RECORD - Dopo le “cugine” Classe A e CLA, con le quali condivide il pianale, anche la suv compatta Mercedes GLA sarà disponibile nella prestazionale versione GLA 45, dotata di un nuovo motore che è già diventato un fiore all’occhiello per la casa tedesca: è il più potente 4 cilindri 2.0 mai realizzato per un’auto stradale. Due le versioni: la GLA 45 ha 387 CV e 480 Nm di coppia, mentre la GLA 45 S sviluppa 421 CV e 500 Nm. La differenza è minima in termini di scatto da 0 a 100 km/h, che viene portato a termine in 4,4 secondi dalla GLA 45 e in 4,3 secondi dalla GLA 45 S, ma solo quest’ultima raggiunge la velocità massima di 270 km/h (“solo” 250 km/h per la GLA 45).

FA DIVERTIRE - Un motore di questo livello deve abbinarsi a doti stradali superiori alla media, tanto è vero che le Mercedes-AMG GLA 45 sono irrigidite rispetto alle versioni meno potenti (c’è un rinforzo per il telaio sotto il motore) e hanno una moltitudine di regolazioni elettroniche, a partire da quelle per l’assetto: sono offerte dagli opzionali ammortizzatori a controllo elettronico Ride Control AMG, con i quali il guidatore può scegliere da una taratura più confortevole a una più sportiva. L’assetto della vettura viene impostato dal guidatore tramite il selettore Dynamic Select, che adegua anche l’erogazione del motore, la velocità della cambiata e la risposta dello sterzo secondo sei modalità. La AMG GLA 45 è dotata inoltre di freni maggiorati, del cambio robotizzato doppia frizione a 8 marce e della trazione integrale 4Matic+: non soltanto ripartisce la coppia fra i due assi delle ruote, ma ha due frizioni multidisco che la distribuiscono fra le ruote posteriori. Il tutto per migliorare la motricità in pista o nelle strade a bassa aderenza.

L’OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE - Lo stile della Mercedes-AMG GLA 45 è all’altezza delle prestazioni, perché la suv è dotata dell’ampliata mascherina tipica delle auto “griffate” AMG: ha listelli più spessi e trasmette una chiara impressione di sportività. A connotare la parte anteriore sono anche le aperture maggiorate nello specifico fascione, mentre la vista laterale è “incattivita” dalle ruote di 19” (optional di 20” e 21) e dalle maggiorate bandelle sottoporta. Il posteriore è dominato dei quattro scarichi, dall’estrattore dell’aria nel fascione e dall’enorme spoiler (optional). All’interno sono presenti cuciture a contrasto per i sedili sportivi, i pedali in acciaio legato spazzolato con gommini antisdrucciolo e ai tappetini neri con scritta AMG, oltre alla grafica personalizzata del sistema multimediale MBUX.

Mercedes GLA
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
33
22
31
22
40
VOTO MEDIO
2,9
2.905405
148




Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 23:23
La bambina di The Ring in fondo al pozzo. La quale in comune con quest'auto ha qualcosa: L' immagine per entrambe orrorifica. Ma questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 13:01
Un volante ancora più sentito delle normali versioni, sempre inutili ma pur sempre più utili di questa. Tra l'altro nella prima foto sembra più un monovolume che un crossover. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 13:05
Se non altro ha avuto il merito di farmi rivalutare la Golf 8, ora torno di là e da un volante la passo a 2. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Oxygenerator
27 febbraio 2020 - 13:59
Assolutamente dimenticabile. Non solo, la trovo brutta ( mi piace solo il display ), ma la trovo totalmente inutile. Potevano farla elettrica, per dire “ famolo strano “ Almeno sarebbe stata un tentativo estremo d’innovazione.
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 14:15
Visto il floppone della EQC che aveva perlomeno il vantaggio (e il clamore) di essere un modello "dedicato" qui l'indifferenza generale sarebbe stata ancor maggiore a mio avviso. Un saluto. Il Gwent
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 23:34
La IS vende, compatibilmente col suo prezzo d'acquisto e il fatto di essere una sedan, (categoria dove persino l'a4 fatica non poco infatti si vende esclusivamente in versione Avant) perlomeno nei paesi per i quali è stata concepita: USA, Cina, Russia, Emirati Arabi, molti paesi asiatici compreso ovviamente il Giappone e persino in Sud Corea dove Lexus è cresciuta moltissimo negli ultimi anni. Ed in ogni caso ha 7 anni ed è una sedan senza neanche l'opzione della versione SW. La EQC è un crossover, categoria in continua ascesa, è elettrica, è nuova di zecca e con tutto ciò non riesce a vendere neppure nel paese d'origine dove Mercedes è più che un istituzione: Solo 55 esemplari immatricolati in Germania dall'entrata in commercio a oggi. Mi sembra un po' più flop questo piuttosto che la IS la quale dalla nascita a oggi ha comunque venduto due milioni di esemplari includendo l'Altezza a marchio Toyota venduta in Giappone. Un abbraccio. Il Gwent.
Ritratto di Sushiko
28 febbraio 2020 - 22:40
Eh sì...
Ritratto di supermax63
28 febbraio 2020 - 19:34
Se dovesse interessarmi il segmento A4, Serie 3, Classe C mi orienterei su Lexus IS o Infiniti altrettanto valide e per distinguersi dalla massa.
Ritratto di Sushiko
28 febbraio 2020 - 22:41
La Toyota/Lexus IS e la Infiniti Renò Q70?
Ritratto di supermax63
29 febbraio 2020 - 01:50
Lei di macchine non capisce nulla altrimenti non assimilirebbe Infiniti a una Renault. Diabolica la Sua spocchia nello storpiare i nomi dei macrchi/vetture che disprezza
Pagine