Mercedes-AMG Project One: una Formula 1 per la strada

12 settembre 2017

Ha un motore 1.6 V6 e quattro motori elettrici, che funzionano in maniera analoga a una monoposto.

Mercedes-AMG Project One: una Formula 1 per la strada

RIPRESE FULMINEE - Non è stata casuale la presenza di Lewis Hamilton all’evento in cui la Mercedes ha svelato in anteprima assoluta la Mercedes-AMG Project One, raffinatissima coupé che si avvicina come nessun’altra vettura odierna alle monoposto di Formula 1. Il suo “powertrain” ibrido richiama infatti quello portato in gara dalla Mercedes W06, la monoposto del campionato 2015, e adotta soluzioni tecniche molto esclusive per una vettura dedicata a semplici collezionisti (e non solo a piloti professionisti). La Project One è fra le vetture più di richiamo del Salone dell’automobile di Francoforte. Il cuore della sportiva tedesca è un motore a benzina V6 da 1.6 litri, montato dietro l’abitacolo, che raggiunge gli 11.000 giri e sviluppa da solo una potenza superiore a 680 CV. I tecnici del reparto motori di Brixworth hanno lavorato per aumentare la sua reattività ai comandi dell’acceleratore, inferiore secondo loro a quella di un motore aspirato V8 grazie ad una turbina elettrica, messa in funzione cioè da un motore e non attraverso i gas di scarico (come quelle convenzionali).

OLTRE 1.000 CV - Il motore elettrico è uno dei quattro inseriti nel powertrain ibrido: due (da 163 CV) si trovano sull’assale anteriore e regalano all’auto fino a un massimo di circa 25 km in modalità a zero emissioni, il terzo (anch’esso da 163 CV) è collegato all’albero motore e raccoglie l’energia dissipata in frenata e il quarto (da 122 CV) tiene a regime la turbina e azzera così il fisiologico ritardo alla pressione dell’acceleratore. La casa tedesca dichiara una potenza superiore a 1.000 CV e prestazioni sbalorditive, a partire dall’accelerazione 0-200 km/h in meno di 6 secondi. Il powertrain è composto inoltre da un cambio manuale robotizzato a 8 marce e da una batteria agli ioni di litio montata sul pavimento dietro le ruote anteriori, che stiva l’energia di cui la Mercedes-AMG Project One ha bisogno per muoversi a zero emissioni. I motori elettrici anteriori consentono di ottenere la trazione a quattro ruote motrici oppure di gestire le prestazioni dall’auto, che può muoversi senza inquinare in città oppure sfoderare tutto il suo potenziale come nelle qualifiche in Formula 1. La Project One è molto raffinata anche da un punto di vista costruttivo, grazie all’utilizzo di fibra di carbonio per il telaio monoscocca, la carrozzeria e anche le ruote.

UNA F1 ANCHE ALL’INTERNO - Le sospensioni della Mercedes-AMG Project One sono del tipo push-rod e ricalcano lo schema di quelle montate su alcune vetture da corsa, l’impianto frenante è in materiali compositi e lo stile dell’auto ha il compito di assolvere funzioni di natura aerodinamica, visto che sulla carrozzeria mancano vistosi alettoni per tenerla incollata al suolo. L’ala posteriore si ritrae nella carrozzeria quando non viene utilizzata, mentre la grossa apertura sul tetto ha il compito di indirizzare una grande quantità d’aria verso il motore. L’abitacolo ospita al suo interno due passeggeri e riprende soluzioni ispirate alle monoposto, come i sedili integrati nel telaio (la posizione di guida va regolata muovendo i pedali e il volante) e la strumentazione ridotta all’osso, che fornisce però tutte le informazioni di cui il guidatore ha bisogno. Il volante è schiacciato e integra al suo interno vari pulsanti, in proprio come quello di Hamilton. La Mercedes-AMG Project One verrà costruita in 275 esemplari (quasi tutti già venduti, di cui almeno tre in Italia) per celebrare i 50 anni della AMG, la divisione sportiva della Mercedes. Il prezzo? 2.275.000 euro tasse escluse.

Mercedes AMG One
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
38
6
4
5
12
VOTO MEDIO
3,8
3.815385
65




Aggiungi un commento
Ritratto di egizzio
12 settembre 2017 - 14:01
Brutina e anonima .va forte si! ma solo i tedeschi sanno far diventare una supercar un triste elettrodomestico. Fascino inesistente per essere una ipercar.
Ritratto di Luzo
12 settembre 2017 - 15:57
del peso si sa nulla?
Ritratto di hulk74
12 settembre 2017 - 17:17
Quesito che mi sono posto anche io...
Ritratto di tiknik80
12 settembre 2017 - 15:59
sarà anche al passo coi tempi andra anche forte ma non vorrei mai una 1600 6 cilindri...meglio un 6200 12 cilindri per me
Ritratto di hulk74
12 settembre 2017 - 17:17
Per quello c'è la 812...
Ritratto di tiknik80
12 settembre 2017 - 22:30
sanno fare bene le macchine sportive li.....
Ritratto di hulk74
12 settembre 2017 - 23:02
Dipende da quello che si cerca... Potessi le prenderei entrambe
Ritratto di tiknik80
13 settembre 2017 - 17:40
io invece se potessi mi butterei su una 33 stradale...ma insomma... i gusti sono gusti
Ritratto di hulk74
13 settembre 2017 - 17:50
Ah, beh!!! Alzo le mani! Auto stupenda!!! Anzi, ora che mi ci fai pensare consiglierei Marchionne di rifare una 33 stradale anziché una nuova Dino
Ritratto di Rock_or_bust
12 settembre 2017 - 17:05
Scusate, ma se "l'esclusività" è un potente 1.600 nato per la F1 allora quello lo costruisce anche la Renault, potrebbe pensare anche lei di fare una "premiummm" del genere... e perché non honda, sono sicuro che per raggiungere le prestazioni di questa "hyercar" anche il motore honda F1 va più che bene. Sul "tutto venduto" ci sono poi storie interessanti che già hanno coinvolto altre case in passato (chi ha detto 918?): magari un giorno verranno approfondite.
Pagine