NEWS

Mercedes EQS: lusso sostenibile

Pubblicato 15 aprile 2021

La nuova super berlina elettrica Mercedes EQS è un concentrato di lusso e tecnologia avanzata e promette di ridefinire gli standard nella sua rarefatta fascia di mercato.

Mercedes EQS: lusso sostenibile

PIATTAFORMA DEDICATA - La Mercedes EQS inaugura una piattaforma specifica per auto elettriche. Se le EQC (qui la prova) e EQA (qui il primo contatto) nascevano sui pianali di Classe C e Classe A, la EQS è la prima elettrica Mercedes ad avere una piattaforma creata per la trazione elettrica. Si chiama EVA (Electric Vehicle Architecture) ed è una piattaforma a “skateboard” pensata per accogliere batteria piatte e lunghe e tarata sui minori ingombri del powertrain elettrico. Questo permette, per esempio, il design cab forward: l’abitacolo è avanzato e il cofano è proporzionalmente corto, a vantaggio dell’abitabilità. Su EVA nasceranno sia una suv derivata dalla EQS sia la berlina medio grande EQE e la relativa versione suv.

NATA PER FENDERE L’ARIA - La libertà data da un pianale “born electric” ha permesso un record di efficienza aerodinamica. Il Cx (coefficiente di resistenza), aiutato dalla generosa lunghezza di 5,21 metri della Mercedes EQS, ha infatti lo strepitoso valore di 0,20, il più basso per la produzione di serie. La larghezza di 193 cm lascia presagire spazio in abbondanza mentre la griglia nera frontale, distintiva delle EQ, cela i sensori per gli ADAS e chissà che non possa venir usato per visualizzare messaggi verso gli altri utenti della strada quando arriveranno versioni a guida autonoma. Uno scenario futuribile ma i fari anteriori Digital Light sono già qui. Previsti per le versioni superiori, contano su potenti sorgenti led modulate da chip con 1,3 milioni di microspecchi l’uno (è la stessa tecnologia dei videoproiettori DLP): essi potranno quindi proiettare sull’asfalto anche simboli, disegnare traiettorie e evidenziare pericoli sulla strada.

TANTA STRADA, MOLTA POTENZA - La Mercedes EQS fa da apripista anche per una nuova generazione di batterie, che hanno solo il 10% di cobalto nei catodi. Le batterie disponibili al lancio sono da 90 e 107,8 kWh, con la “piccola” destinata alla versione a trazione posteriore EQS 450+ con 333 CV e 568 Nm. La EQS 580 4Matic a trazione integrale ha due motori, per un totale di 523 CV, con coppia massima di 855 Nm. La massa importante (2.480 kg per la 450+ e 2.585 per la 580 4Matic) non sembra un grande handicap, dato che la Mercedes EQS 450+ scatta da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi mentre l’integrale scende a 4,3 secondi. Chissà quale tempo staccherà la già prevista versione AMG da 761 CV. L’eccellente Cx mitiga l’effetto dell’imponente sezione frontale (2,51 m2) e quindi l’autonomia può arrivare fino a 770 km (misurati con il ciclo WLTP) mentre la ricarica rapida fino a 200 kW fa recuperare fino a 300 km di autonomia in 15 minuti. La ricarica in alternata arriva fino a 22 kW ed è interessante notare che il software di gestione della batteria si aggiorna Over The Air per avere una gestione dell'energia sempre aggiornata lungo tutto il ciclo di vita.

RECUPERA ENERGIA PREZIOSA - In effetti la longevità promessa è alta: le batterie della Mercedes EQS, già predisposte per una seconda vita per usi stazionari, sono garantite per 10 anni o 250.000 km. Il caricabatterie in corrente alternata potrà funzionare in modo bidirezionale in alcune aree, ad esempio in Giappone, per consentire il collegamento Vehicle-To-Grid. La ricarica è intelligente: si adegua automaticamente in base all'ubicazione delle colonnine mentre l’Eco Charging diminuisce lo stress limitando il livello di carica all'80%. Anche il recupero dell’energia in frenata/rallentamento è importante: arriva ad una potenza massima di 290 kW sulla 4Matic e 186 kW sulla 450+. Si può regolare con i paddle al volante, dal minimo del veleggiamento fino a valori che permettono la guida "one pedal", senza l’uso del freno. Usando l’Eco Assist, poi, si rende intelligente anche il recupero dell’energia, che si autoregola usando le videocamere e le informazioni del navigatore.

INSOSPETTABILMENTE AGILE - Sappiamo che la Mercedes garantisce l'immissione nella rete elettrica di energia rinnovabile in quantità pari a quella usata per ricaricare con il sistema Mercedes me Charge. Questo servizio non solo conta su mezzo milione di punti di ricarica in 31 Paesi ma usando le stazioni “giuste” (per ora solo quelle Ionity europee) attiva anche il sistema Plug & Charge: basta inserire il connettore per avviare il rifornimento dato che il veicolo viene riconosciuto automaticamente. La Mercedes EQS, per quanto imponente, non rinuncia all’agilità: l'asse posteriore sterzante è di serie e ha un angolo massimo di 4,5°. Come optional si può avere la sterzata fino a 10°, cosa che riduce il un diametro di svolta a soli 10,9 metri, un valore quasi da citycar. Questo si ottiene con un aggiornamento over the air (l’hardware è lo stesso) ma non è l’unico. La EQS inaugura gli aggiornamenti OTA in casa Mercedes, usati non solo per il firmware ma anche per funzioni aggiuntive.

FUNZIONI ON DEMAND E COCCOLE - Sono annunciate formule flessibili: oltre alle singole funzioni sono previsti anche abbonamenti, attivazioni temporanee e periodi di prova gratuiti. Fra le funzioni disponibili al lancio segnaliamo giochi per i passeggeri e la guida Beginner, che impedisce di disinserire i controlli della dinamica e limita potenza e velocità a 120 km/h, e la Valet che non solo imposta 80 km/h al massimo ma blocca l'infotainment e i dati sensibili. Ovviamente la Mercedes EQS mantiene la cura maniacale del particolare alla quale ci hanno abituato le berline più lussuose della casa tedesca e il super tecnologico Hyperscreen già visto in anteprima (qui per saperne di più), dal quale si controllano una miriade di funzioni, compresi l’Energizing Coach, l’Energizing Nature e l’Energizing Comfort. Il maxidisplay visualizza anche la navigazione con Electric Intelligence, che programma il percorso più comodo e veloce, pause di ricarica incluse, e reagisce in modo dinamico alle code o ad una variazione dello stile di guida. Nel calcolo del percorso viene data la preferenza alle stazioni di ricarica aggiunte manualmente e il conducente può escludere una o più stazioni di ricarica suggerite in automatico. Il sistema calcola anche i costi di ricarica stimati per ogni sosta di rifornimento. Per quel che riguarda la guida autonoma, la Mercedes afferma che con il sistema Drive Pilot, la EQS sarà in grado di guidare con un elevato grado di autonomia fino alla velocità di 60 km/h in presenza di forte traffico o in coda nei tratti autostradali adatti, inizialmente solo in Germania.

Mercedes EQS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
21
11
17
6
16
VOTO MEDIO
3,2
3.211265
71




Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
16 aprile 2021 - 19:33
@clementina qui mi trovi d’accordo. La Mercedes sull’elettrico sta deludendo parecchio dimostrandosi dietro addirittura a Volkswagen, più come soluzioni proposte che per i prodotti in sé. Non si capisce quale direzione vogliano prendere, sembra che facciano uscire questi modelli più per un obbligo morale che perché ci sia reale voglia di investirci su. Concordo meno sul paragone model S o model 3, questo bisonte sarà una delle ultime auto con cui mettersi a fare drag race. Forse lo faranno solo su CarWow, ma vedrai che Mat Watson troverà anche lì la configurazione ottimale per vincerne almeno una! ;)
Ritratto di Flynn
16 aprile 2021 - 21:43
Concordo anch’io sulle critiche Mercedes e rilancio anche con gli attuali modelli termici. Salvo solo la GLC Coupe, che in abito AMG trovo particolarmente riuscita e piacevole. E si, a denti stretti ma lo ammetto: l’andamento dei finestrini laterali posteriori MB hanno effettivamente un forte richiamo ai veicoli delle pompe funebri.
Ritratto di Clementina Milingo
18 aprile 2021 - 20:52
un richiamo c'è ma diamo a Cesare quel che è di Cesare; Opel dalla Adam in poi ha sfornato una serie inquietante di design cimiteriali che non ha confronto.
Ritratto di Flynn
18 aprile 2021 - 21:10
Ma come? Non ti piacerebbe una Mokka bianca nera e con i profili rossi?
Ritratto di Sdruma
16 aprile 2021 - 11:55
1
Una bestia così, se fatta con la stessa qualità della S normale, la Tesla deve mettersi giù e imparare. nella X della Tesla ti perdi le tessere dell'autostrada nel cruscotto da quanto sono larghi gli assemblaggi; nulla da dire sul comparto batterie, ma la qualità costruttiva sicuramente la posso trovare in MB, in tesla di acqua ne deve passare (basta vedere l'indagine di JP sul numero di guasti per cliente, dove sta Tesla e dove sta MB) Comunque non sono paragonabili per il prezzo la Mod. 3 con questa; poi ovvio i tuoi discorsi sono da fangirl con probabilmente 0 esperienza di possesso; anche una 4C è più veloce di una classe S ma che c'entra, sono due segmenti diversi in tutto, su questa ci viaggi come un Re, su una Mod. 3 stai comodo come in altre 2000 vetture vendute allo stesso prezzo. E gli interni, chiaro che il tuo commento è da chi su una Mercedes top class non ci è mai salita, dalla E in su, mercedes fa le scarpe a un buon 95% del mercato auto, ha fornitori e materiali di classe estrema, e i pellami sono di prima qualità, scelti in allevamenti appositi con un controllo qualitativo che forse trovi in Ferrari e Lambo. Guidatevele le auto, poi parlate, sennò fate tutte figure da burini che non vi rendono onore.
Ritratto di Pierre Cortese
16 aprile 2021 - 14:20
1
Hai scritto n'poema. Ma chi te legge? Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Andrea Doria
16 aprile 2021 - 19:15
@Pierre Cortese. Io l'ho letto, e non mi è sembrato più lungo di altri.
Ritratto di Sdruma
17 aprile 2021 - 11:18
1
è che forse è menomato e non riesce, ma gli si vuole bene comunque
Ritratto di Pintun
17 aprile 2021 - 13:35
Sdruma, dipende da cosa si valuta: io do per acquisito che Mercedes faccia auto di qualità, ma oggi con quel cruscotto che non è un cruscotto non la comprerei mai e se potessi non comprerei mai la classe S perché reputo orribili i suoi interni, anche se sono sl top come qualità. Quesyi sono già più belli, basterebbe togliere quasi tutti gli schermi. Sono salito anche su alcune Peugeot e non sono malfatte, anzi, ma di nuovo non le comprerei mai perché hanno tutto nel posto sbagliato, da volante e cruscotto ai comandi del clima. Le Tesla potrebbero essere ottime auto elettriche ma hanno gli interni più brutti di tutta la storia dell'auto. Sulle qualità dinamiche non posso esprimermi perché non le ho mai guidate
Ritratto di Sdruma
19 aprile 2021 - 18:44
1
ok i gusti, ma la qualità è roba assurda, livelli inarrivabili per tesla, almeno adesso come adesso, deve recuperare pure sugli assemblaggi, tutt'altro che da vettura di prestigio.
Pagine