Nuova Mercedes GLE: salto tecnologico

La prossima generazione della Mercedes GLE punta sull'eleganza, ma fa il pieno di tecnologie. Sarà in vendita all'inizio del 2019.

FIANCATE LISCE - Negli autosaloni da inizio 2019, la seconda generazione della suv grande Mercedes GLE “sposa” la filosofia delle Mercedes più recenti, guadagna tante nuove tecnologie e si rinnova con look esterno più muscoloso rispetto alla precedente edizione in vendita dal 2011. La Mercedes GLE 2019 non rinuncia però ad una certa eleganza e mantiene il dettaglio che caratterizza questo modello sin dagli esordi della ML degli Anni 90, il montante posteriore avanzato con il terzo finestrino laterale unito al lunotto. Le superfici della carrozzeria sono più levigate come nelle più recenti berline CLS e A: sulle fiancate non ci sono più profonde scalfiture e le luci sono ora assottigliate, in particolare quelle posteriori. Davanti invece spicca la grossa mascherina, più pronunciata rispetto al vecchio modello, mentre i fari a led sono in grado di illuminare la strada fino a 650 metri di distanza.

ANCHE A SETTE POSTI - La casa tedesca non ha ancora annunciato le dimensioni della Mercedes GLE 2019, ma i cm da un paraurti all'altro dovrebbero essere circa 490 (in linea con le rivali dirette BMW X5 e Volvo XC90). La suv infatti guadagna 8 cm fra il centro delle ruote anteriori e posteriori (il totale è di 229,5 cm) e ha quindi un abitacolo più arioso, stando alle informazioni diffuse dalla casa tedesca, che parla di 6,9 cm in più per le gambe dei passeggeri posteriori (104,5 cm in totale) e 3,3 cm aggiuntivi per la testa degli stessi (102,5 cm in totale). Sulla nuova Mercedes GLE è possibile inoltre avere due sedili aggiuntivi per la terza fila (per un totale di sette posti) ed è disponibile la regolazione elettrica delle poltrone della seconda fila, che per la prima volta su una suv della Mercedes si inclinano o muovono separatamente; inoltre, il sedile destro e quello sinistro scorrono di 10 cm per aumentare lo spazio per le gambe o per i bagagli. Per regolarle è presente un interruttore nelle portiere, del tutto simile a quello dei sedili anteriori. Anche il baule è più capiente e con il divano in posizione d'uso raggiunge una capacità di 825 litri, mentre abbattendo lo schianale i litri salgono a 2055.

INTERNO RIVISTO - L'interno della nuova Mercedes GLE è assai più moderno e tecnologico rispetto al passato, visto che al posto dei classici strumenti a lancette sono presenti i due schermi affiancati (di 12,3” l'uno): quelli di destra è destinato al sistema multimediale MBUX, l’altro alla strumentazione e può essere personalizzato scegliendo fra una grafica classica, sportiva o essenziale. A richiesta è previsto inoltre il sistema di riconoscimento dei gesti per impartire comandi alla vettura, che sfrutta una telecamera in grado di distingue la mano del guidatore da quella del passeggero per capire, per esempio, su quale sedile far partire la funzione di massaggio. Il sistema MBUX è stato rivisto e arricchito di funzioni rispetto a quello impiegato sulla Mercedes Classe A e ora integra le funzioni per la guida in fuoristrada, ma fra le novità della nuova Mercedes GLE c'è anche l’head-up display, che proietta sul parabrezza le informazioni essenziali per il guidatore: ha una risoluzione maggiore e la superficie “utile” è grande il doppio del precedente.

IBRIDO A 48 VOLT - Il primo motore ordinabile sarà l'ibrido leggero della Mercedes GLE 450 4Matic, che adotta un benzina a sei cilindri 3.0 da 367 CV e il modulo elettrico EQ Boost da ulteriori 22 CV. L'EQ Boost è un alternatore che funziona anche come motore elettrico e motorino d'avviamento, a cui spetta il compito di recuperare l'energia altrimenti dispersa sotto forma di calore nei rallentamenti per caricare la batteria e migliorare così le percorrenze: la casa tedesca non a caso parla di 12 km/l, un valore non disprezzabile per un modello di questa stazza. A seguire arriveranno motori a quattro o otto cilindri e anche un ibrido “full” con batterie ricaricabili. L'EQ Boost è alimentato da una rete elettrica supplementare a 48 volt, la stessa che mette in funzione impianti “energivori” come la pompa dell'acqua e il compressore del liquido refrigerante. È alimentato dalla rete a 48 volt anche l'E-Active Body Control, un sistema idropneumatico con molle ad aria che produce forze su ciascuna ruota: ciò serve per migliorare il comfort o il comportamento di guida in fuoristrada.

CRESCE ANCHE LA SICUREZZA - La Mercedes GLE 450 è dotata del cambio automatico a nove marce 9G-Tronic e della trazione integrale 4Matic, che sfrutta una frizione a dischi multipli per inviare fino al 100% della potenza sull'asse dove le ruote hanno maggiore aderenza. Optional le marce ridotte. La trazione 4Matic sarà invece più semplice sui motori a quattro cilindri: qui infatti la distribuzione della potenza non arriva al 100% su un asse solo, ma resta al 50 e 50 fra le ruote anteriori e posteriori. La Mercedes GLE porta all'esordio inoltre una serie di nuovi sistemi di assistenza alla guida, come una funzionalità del regolatore di velocità adattativo che rallenta l'auto se vengono segnalate code: il sistema riceve informazioni in tempo reale dal servizio LiveTraffic (dove attivo) e in caso di pericoli regola la velocità della Mercedes GLE per scongiurare tamponamenti. Sulla suv è presente inoltre il sistema di assistenza allo sterzo attivo, una dotazione che in presenza di una coda in autostrada sposta l'auto verso il margine esterno della corsia per creare una via di fuga: ciò serve ad esempio per liberare la strada dopo un tamponamento o far spazio ai soccorritori. 



Leggi l'articolo su alVolante.it