NEWS

Mercedes: una “pioggia” di modelli nel 2018

21 dicembre 2017

Fra le tante novità del prossimo anno, fra cui la nuova Classe A, c’è anche l’ibrido con batterie ricaricabili basato su un motore diesel.

Mercedes: una “pioggia” di modelli nel 2018

TANTA COPPIA, BASSI CONSUMI - La Mercedes Classe A e la fuoristrada Mercedes Classe G sono le prime novità previste dalla casa di Stoccarda del 2018. Il costruttore ha in serbo però molte altre novità in vista dell’anno venturo, anche sul fronte dei motori, visto che a fine 2018 si potrà ordinare un ibrido con batterie ricaricabili basato sul recente turbodiesel a quattro cilindri 2.0 da 195 CV, in grado secondo il costruttore di erogare una potenza massima superiore a 300 CV e una coppia di 700 Nm (il solo 2.0 ne ha 400). Il nuovo sistema ibrido dovrebbe garantire prestazioni di buon livello, a fronte però di consumi ridotti grazie al fatto che il motore elettrico si potrà infatti usare per qualche decina di chilometri in città. La Mercedes ha annunciato questa e altre novità durante l’incontro di fine anno con i giornalisti, in cui ha fatto il punto sui grandi cambiamenti attesi nei prossimi anni e mostrato una tabella con le novità attese nel nostro Paese stagione per stagione.


La road map delle novità previste per il 2018.

NUOVI MODELLI E VERSIONI SPECIALI - Entro l’inverno 2017-18 arriveranno in Italia le versioni aggiornate delle lussuose Mercedes S Coupé e S Cabriolet e l’allestimento Tech della monovolume Mercedes Classe B, che secondo le anticipazioni dovrebbe offrire più contenuti tecnologici a bordo rispetto alle B “normali”. Da fine marzo 2018 in poi arriveranno tre macchine del tutto nuove, le Mercedes CLS, Classe A e Classe G, oltre all’allestimento Night Edition per la berlina Mercedes CLA e la crossover Mercedes GLA. La Mercedes non ha anticipato le caratteristiche di questo allestimento, ma dovrebbe avere finiture specifiche con un look più “dark”, per effetto di particolari neri all’esterno e nell’abitacolo. In estate sanno disponibili l’aggiornamento della berlina di medie dimensioni Mercedes Classe C, la Smart elettrica con una batteria abilitata alla ricarica veloce e due mezzi da lavoro: il nuovo furgone Sprinter e quello elettrico eVito.


Da questa Concept A Sedan (visibile anche nella foto di apertura) deriverà la nuova versione berlina della Mercedes Classe A, che nel 2018 sarà completamente rinnovata.

LUNGA VITA AL DIESEL - Un altro “carico” di nuovi modelli arriverà prima della fine del 2018, quando la casa di Stoccarda prevede di lanciare in Italia la berlina supersportiva a quattro porte Mercedes-AMG GT4, la Mercedes Classe A con carrozzeria berlina con la coda (più abitabile e spaziosa della CLA) e le versioni con motori ibridi con batterie ricaricabili per le Mercedes Classe C ed E. Questi saranno solo i primi fra i tanti nuovi modelli a basse emissioni attesi entro il 2022: secondo il programma messo a punto dal costruttore, nel 2021 tutti i modelli avranno almeno una versione dotata di motore ibrido con batterie ricaricabili ed entro il 2022 ci saranno in listino ben 10 modelli elettrici puri. La Mercedes ha spiegato di credere ancora nei motori diesel e di non temere il “proibizionismo” annunciato da svariate amministrazioni cittadine nel mondo, che intendono vietare l’accesso ai diesel per via delle emissioni superiori di polveri sottili rispetto ai benzina. I nuovi diesel andranno sviluppati però senza “dimenticare” il criterio dell’efficienza e dovranno già essere predisposti per l’abbinamento con un motore elettrico.



Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
21 dicembre 2017 - 13:42
Dopotutto perché il diesel è realtà oggi? Perché a detta di molti studi risulta MENO inquinante del benzina. Il NOx e il particolato, se trattenuti efficacemente da un filtro contribuiscono, assieme al 10-15% di emissioni minori di CO2 e al miglior rendimento (minori consumi) rispetto al benzina, a far diventare il diesel più green del benzina stesso. Il diesel di oggi non è quello delle origini, anche se molta gente e molta disinformazione sull'argomento creano quelle voci da bar. Seguite anche ovviamente dopo il Dieselgate
Ritratto di Zot27
21 dicembre 2017 - 17:07
Dove sarebbero questi studi, e dove sono le evidenze scientifiche. Quel 'se trattenuti ..' infatti la dice lunga
Ritratto di onlyroma
21 dicembre 2017 - 18:15
un filtro che trattiene la parte inquinante ? Ottimo,peccato che sia pura utopia e i fatti lo dimostrano. Come si può solo immaginare di riempire un"serbatoio" per trattenere le parti inquinanti? Prima o poi dovrai svuotarlo questo filtro o serbatoio no? Cmq non so dove hai letto questi magnifici studi sul diesel,ma se si trattengono le parti inquinanti hai fatto bingo,non è che ci voglia un genio per capire che trattenendo la parte inquinante,il diesel è meno pericoloso degli altri combustibili. Potrei dire che se riesco a immagazinare le scorie radioattive,anche viaggiare con il nucleare è salutare.
Ritratto di Zot27
21 dicembre 2017 - 21:03
bravo
Ritratto di flavio84
22 dicembre 2017 - 15:19
Anche qui mi trovi in disaccordo: scientificamente provato il contrario...i nuovi diesel inquinano molto di piu dei vecchi, come la verde, fa piu danni della rossa...informiamoci bene prima di scrivere, seno le chiacchiere da bar le facciamo qui!
Ritratto di Zot27
22 dicembre 2017 - 16:48
Non ho capito per chi è la risposta, visto che anche io dico che i diesel nuovi sono più mortali di quelli vecchi
Ritratto di money82
26 dicembre 2017 - 13:48
1
@AMG a quanto pare soltanto i filtri anti particolato più recenti sui diesel sembrano inquinare meno rispetto ad un benzina. Il problema nasce dal fatto che la stragrande maggioranza di auto in circolazione non è di ultima generazione, è per questo che molte città ne stanno vietando la circolazione. Minor consumo di carburante ma maggiori costi di manutenzione, quanti clienti si rivolgono alla concessionaria ogni giorno perchè il motore è in protezione con il filtro intasato? Pensavano bastassero 15 km al giorno nel traffico. A livello di consumi e costi, sotto i 30km al giorno non c'è diesel che tenga contro una ibrida/benzina. Staremo a vedere a livello di affidabilità come funzioneranno questi diesel/ibridi, certo a vedere un motore diesel che si spegne e riaccende 30 volte per fare magari 10 km farebbe impressione, sono curioso di vedere come funzionerà la rigenerazione automatica del filtro.
Ritratto di neuro
22 dicembre 2017 - 11:07
...e la volvo V60.
Ritratto di flavio84
22 dicembre 2017 - 15:17
Che gli interni sono promossi è una tua opinione, a me ad esempio non piacciono, ma siccome non me la posso permettere, mercedes farà a meno del mio"vorrei ma non posso"!x quanto riguarda il successo dei futuri modelli, difficilmente da quelle parti sbagliano....
Ritratto di Thomas Thtp
21 dicembre 2017 - 13:31
10
La parte posteriore di questa classe A concept in apertura è semplicemente inguardabile. Ha delle forme da auto giapponese dei videogiochi (e non è un complimento); infatti mi ricorda una Lexus.
Pagine