NEWS

La MG sbarca in Italia

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 08 dicembre 2020

Lo storico marchio britannico, di proprietà cinese, proporrà da gennaio 2021 la crossover MG EHS Plug-In Hybrid, dotata di motore ibrido con batterie ricaricabili.

La MG sbarca in Italia

QUASI 100 ANNI - La MG è una storica casa inglese note per le sue auto sportive di piccola taglia, che venne fondata nel 1924 ed entrò a far parte 28 anni dopo del gruppo British Motor Corporation, un vero e proprio conglomerato di aziende britanniche nel mondo dell’auto. Dopo aver cambiato svariati nomi, l’ultimo dei quali fu Rover, nel 2000 il gruppo passò alla BMW e, cinque anni dopo, la MG fu scorporata dalla Rover e venduta alla cinese Nanjing Automobile Corporation (NAC), che a sua volta fu rilevata due anni dopo dal colosso cinese SAIC Motor, il principale produttore di auto cinese. 

SI PARTE DALLA EHS - Da allora, la SAIC ha dato una certa stabilità alla MG e ne ha organizzato il rilancio, avvenuto un passo alla volta: prima in Cina, dove la MG è arrivata sul mercato nel 2009; e poi nel Regno Unito, dove la casa è presente dal 2011 e ha messo radici, perché gestisce un centro stile e ha rimesso in funzione lo storico impianto di Longbridge, nei pressi di Birmingham. Ma la SAIC non intende fermarsi qui e porterà la MG in altri Paesi europei, fra i quali l’Italia, dove le consegne sono in programma da gennaio 2021; i primi dieci punti vendita si troveranno nel Centro Nord. Per prima arriverà la MG EHS Plug-In Hybrid, crossover di medie dimensioni prodotta in Cina, rivale di Citroën C5 Aircross e Ford Kuga.

 

È MODERNA - Lunga 457 cm, la MG EHS Plug-In Hybrid ha forme equilibrate che non brillano per originalità. La plancia offre qualche finezza in più, perché il cruscotto è costituito da uno schermo di 12,3” ed è presente un sistema multimediale dotato di schermo tattile a sbalzo di 10,1”. Non mancano le luci d’ambiente a led, regolabili in 64 colori. Numeri alla mano, il baule della MG EHS non è ampio in termini assoluti, perché offre 448 litri con il divano in posizione d’uso, ma la capienza è simile alle rivali, nelle quali le componenti del sistema ibrido di norma sono alloggiate sotto il pavimento del baule e ne riducono la capienza. 

52 KM A ZERO EMISSIONI - L’edizione 2021 della MG EHS Plug-In Hybrid è spinta dal motore ibrido ricaricabile, composto dal benzina 1.5 turbo con 162 CV e dal motore elettrico con 122 CV. Complessivamente, la potenza è di 258 CV e la coppia di 370 Nm. La MG EHS può contare su una trasmissione a 10 rapporti connessa a un sistema di trazione anteriore. Selezionando la modalità di guida elettrica, si arriva a percorre fino a 52 km prima di scaricare le batterie di 16,6 kWh cariche al 100%. Nel caso migliore, dunque attraverso una rete elettrica in corrente alternata da 3,7 kW, le pile si rigenerano completamente in 4,5 ore. Invece, selezionando la modalità ibrida, i due motori lavorano in sinergia nell’ottica di massimizzare l’efficienza: e così, il 1.5 arriva a percorrere quasi 50 km/l. La crossover offre anche prestazioni di buon livello, perché fa lo 0-100 km/h in 6,9 secondi e raggiunge i 190 km/h.

PREZZO ALLETTANTE - La MG EHS Plug-In Hybrid arriverà in Italia da gennaio 2021, con un prezzo d’attacco allettante: circa 34.000 euro, quasi 10.000 euro in meno delle rivali con sistema plug-in. Le personalizzazioni saranno meno estese rispetto alla concorrenza, perché la EHS offrirà soltanto 4 colori esterni, ma in compenso andranno fatte poche rinunce sul fronte degli aiuti alla guida: di serie o a pagamento verranno proposti la frenata automatica, l’avviso di angolo cieco, il sistema contro l’involontario cambio di corsia e anche il regolatore di velocità adattivo.

MG EHS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
12
26
21
72
VOTO MEDIO
2,2
2.233335
150




Aggiungi un commento
Ritratto di Flynn
8 dicembre 2020 - 22:17
Orlak sbaglio qualcosa o quel “qualche” sono quasi 10.000 euro?
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 06:53
Per essere 10k di differenza, visto che la Superb parte da meno di 40k, questa dovrebbe stare meno di 30k; che non mi sembra aver letto.
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 07:05
Ma ripeto, fermo restando che si tratterebbe comunque di Skoda gruppo VW, che gli stessi chinesi preferiscono e comprano in massa come vetture nello stesso loro paese-continente. Poi se di auto da poter scegliere a livello di proposte nazionali più ce n'è = meglio è, tuttavia di marchi by china arrivati qui già anni ed anni fa e che più della presenza figurativa non hanno ottenuto abbiamo purtroppo già visto. Realisticamente parlando è quasi certo che la Compass rimarrà lì coi suoi incredibili numeri di vendita phev (circa il doppio della migliore bev, oltretutto un'utilitaria col relativo prezzo ben più abbordabile), e il resto sarà solo rumore di fondo (sempre che pure ce ne sarà).
Ritratto di Flynn
9 dicembre 2020 - 08:17
39.400 la Skoda, si sono “5400” euro. Ma posso sapere che auto guidi? Perché passi tra un modello e un altro, tra un prezzo e un altro con una facilità disarmante.
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 08:28
Per quello basta rifarsi ai listini. Aiutano molto a capire prezzi e caratteristiche di un'auto e di un'altra, a prescindere che le si possegga. Diciamo che mi interesso un po' a tutto ma tranne che le supercar (veramente al di fuori dei miei orizzonti, quindi finiscono per stimolare molto poco la mia curiosità). Diciamo che il sopra citato Q8 è un po' già al limite del mio interesse. Nel futuro breve sarei interessato più che altro a una micro bev per utilizzo cittadino (infatti nomino spesso quelle che in china hanno già la fortuna di trovare a listino), purtroppo non so se e con che tempistiche ne vedremo mai qui.
Ritratto di Giuliopedrali
9 dicembre 2020 - 09:26
La Superb qua non la vuole nessuno, poi adesso sei diventato improvvisamente paladino del gruppo VAG, i cinesi ti mettono paura no... Di italiano cosa gli confronteresti, hai capito che le Compass Phev da 130 cv a quasi 10.000 Euro in più scomparirebbero rispetto alla HS da 260 cv....
Ritratto di Flynn
9 dicembre 2020 - 09:33
Orlak , ok i listini vanno bene, ma tra l’intenzione e il cacciare i soldi c’è un abisso. Per l’ultima auto quando sono andato dal concessionario non mi è passato nemmeno per l’anticamera del cervello di dire:”’ma si, 50.000 ... né spendo 60 che tanto e’ uguale ... “
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 09:47
Il discorso è del tutto simmetrico. Nel senso che vale anche il ragionamento Ho 34.000€ che mi ci compro? Ora non so se si ha presente a quella cifra cosa ci si può portare a casa...
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 09:53
Poi dovesse mai capitare la magica combinazione che uno ha giusto-giusto 34k e vuole proprio una phev (una percentuale bassissima), e la vuole per forza suv, e per forza di quelle dimensioni, e non gli interessa quanto il brand sia conosciuto / presenzi il territorio, ecc.ecc. allora può darsi. I dati di vendita ci diranno.
Ritratto di Flynn
9 dicembre 2020 - 10:59
Orlak, sono ragionamenti da ragazzino , cosa che molto probabilmente sei. Non ci credo che una persona con un minimo di maturità faccia un ragionamento così semplicistico.
Pagine