NEWS

La MG sbarca in Italia

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 08 dicembre 2020

Lo storico marchio britannico, di proprietà cinese, proporrà da gennaio 2021 la crossover MG EHS Plug-In Hybrid, dotata di motore ibrido con batterie ricaricabili.

La MG sbarca in Italia

QUASI 100 ANNI - La MG è una storica casa inglese note per le sue auto sportive di piccola taglia, che venne fondata nel 1924 ed entrò a far parte 28 anni dopo del gruppo British Motor Corporation, un vero e proprio conglomerato di aziende britanniche nel mondo dell’auto. Dopo aver cambiato svariati nomi, l’ultimo dei quali fu Rover, nel 2000 il gruppo passò alla BMW e, cinque anni dopo, la MG fu scorporata dalla Rover e venduta alla cinese Nanjing Automobile Corporation (NAC), che a sua volta fu rilevata due anni dopo dal colosso cinese SAIC Motor, il principale produttore di auto cinese. 

SI PARTE DALLA EHS - Da allora, la SAIC ha dato una certa stabilità alla MG e ne ha organizzato il rilancio, avvenuto un passo alla volta: prima in Cina, dove la MG è arrivata sul mercato nel 2009; e poi nel Regno Unito, dove la casa è presente dal 2011 e ha messo radici, perché gestisce un centro stile e ha rimesso in funzione lo storico impianto di Longbridge, nei pressi di Birmingham. Ma la SAIC non intende fermarsi qui e porterà la MG in altri Paesi europei, fra i quali l’Italia, dove le consegne sono in programma da gennaio 2021; i primi dieci punti vendita si troveranno nel Centro Nord. Per prima arriverà la MG EHS Plug-In Hybrid, crossover di medie dimensioni prodotta in Cina, rivale di Citroën C5 Aircross e Ford Kuga.

 

È MODERNA - Lunga 457 cm, la MG EHS Plug-In Hybrid ha forme equilibrate che non brillano per originalità. La plancia offre qualche finezza in più, perché il cruscotto è costituito da uno schermo di 12,3” ed è presente un sistema multimediale dotato di schermo tattile a sbalzo di 10,1”. Non mancano le luci d’ambiente a led, regolabili in 64 colori. Numeri alla mano, il baule della MG EHS non è ampio in termini assoluti, perché offre 448 litri con il divano in posizione d’uso, ma la capienza è simile alle rivali, nelle quali le componenti del sistema ibrido di norma sono alloggiate sotto il pavimento del baule e ne riducono la capienza. 

52 KM A ZERO EMISSIONI - L’edizione 2021 della MG EHS Plug-In Hybrid è spinta dal motore ibrido ricaricabile, composto dal benzina 1.5 turbo con 162 CV e dal motore elettrico con 122 CV. Complessivamente, la potenza è di 258 CV e la coppia di 370 Nm. La MG EHS può contare su una trasmissione a 10 rapporti connessa a un sistema di trazione anteriore. Selezionando la modalità di guida elettrica, si arriva a percorre fino a 52 km prima di scaricare le batterie di 16,6 kWh cariche al 100%. Nel caso migliore, dunque attraverso una rete elettrica in corrente alternata da 3,7 kW, le pile si rigenerano completamente in 4,5 ore. Invece, selezionando la modalità ibrida, i due motori lavorano in sinergia nell’ottica di massimizzare l’efficienza: e così, il 1.5 arriva a percorrere quasi 50 km/l. La crossover offre anche prestazioni di buon livello, perché fa lo 0-100 km/h in 6,9 secondi e raggiunge i 190 km/h.

PREZZO ALLETTANTE - La MG EHS Plug-In Hybrid arriverà in Italia da gennaio 2021, con un prezzo d’attacco allettante: circa 34.000 euro, quasi 10.000 euro in meno delle rivali con sistema plug-in. Le personalizzazioni saranno meno estese rispetto alla concorrenza, perché la EHS offrirà soltanto 4 colori esterni, ma in compenso andranno fatte poche rinunce sul fronte degli aiuti alla guida: di serie o a pagamento verranno proposti la frenata automatica, l’avviso di angolo cieco, il sistema contro l’involontario cambio di corsia e anche il regolatore di velocità adattivo.

MG EHS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
13
25
22
71
VOTO MEDIO
2,2
2.22819
149




Aggiungi un commento
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 08:48
Ma questa non è la Sandero. Ci vogliono 34.000 cucuzze (listino). Siamo ben lontani da chi fa discorsi molto più esistenziali e finisce per prendersi la Panda o la Ypsilon (o la Sandero), già non più accade magari per una Tipo. Cioè a meno prezzo di listino ci sono le Golf... Ripeto, sono 34k.
Ritratto di Flynn
9 dicembre 2020 - 09:10
E io ti ribadisco 34.000 cocuzze ma ne devi aggiungerne 10.000 (un terzo in più) per una Compass che sostanzialmente è la stessa tipologia di auto. (Anzi Compass è pure più piccola). Lo stemma Jeep vale 10.000 euro? Per te si, per me forse, ma sono certo che tanto diranno di no
Ritratto di Giuliopedrali
9 dicembre 2020 - 09:14
259 cv e interni che la Compass di sogna oltre che più tecnologia, (oltre al prezzo e una linea insomma non è che parliamo di una MG confrontata ad una MG d'epoca, parliamo di una Compass...) non so se sapete ma la Mahindra Thar cioè la copia indiana della Jeep Wrangler ha ottenuto più stelle EuroNcap della nuova Wrangler stessa...
Ritratto di Giuliopedrali
9 dicembre 2020 - 12:08
La Stelvio vende si anche all'estero per quello però è l'unica premium italiana a cui ci possiamo agrappare, primo: infatti non è una Jeep ma un Alfa, secondo anche in Spagna è appena stata superata dalla Formentor.
Ritratto di Vincenzo1973
9 dicembre 2020 - 13:01
@Flynn scusa ma non riesco a mettere sullo piano una Compass e questa e non e' solo lo stemmino che conta. dai.
Ritratto di Giuliopedrali
9 dicembre 2020 - 13:51
Vincenzo1973 forse intendi dire che una Compass non è a livello di questa: in cosa eccellerebbe una Compass? Nella mediocrità? Perchè in un continente difficile per strade o condizioni climatiche come l'Australia (ma possiamo metterci anche la Norvegia) preferiscono MG (sconosciuta in pratica nei tempi moderni) a Jeep in effetti molto più famosa..
Ritratto di Vincenzo1973
9 dicembre 2020 - 14:43
@Giuliopedrali conosci il mondo come nessun altro. sei incredibile. citi in continuazione paese dall'altra parte del mondo come se li vivessi quotidianamente. se fosse vero (e non lo e') che in Norvegia e Australia preferiscono Mg (sconosciuta in pratica come dici tu) a Jeep problema loro. ma ti ripeto, per avallare le tue teorie sei disposto a dire tutto e il contrario di tutto
Ritratto di Vincenzo1973
9 dicembre 2020 - 14:44
aggiungo: questa MG e' di una banalita' sconcertante a livello estetico e non ha nulla di piu della concorrenza che ha una tradizione di affidabilita' che questa si sogna.
Ritratto di Giuliopedrali
9 dicembre 2020 - 14:57
Jeep e affidabilità nella stessa riga... Scusa e perchè gli australiani ma pure i russi o i norvegesi, i sudafricani stanno preferendo MG a Jeep e non parlo di qualità fuoristradistiche, la MG è solo un'auto stradale, cioè nonostante le indiscusse qualità fuoristradistiche di Jeep molto importanti in quei paesi, e dove sarebbe la tradizione di affidabilità delle altre marche: si di quelle coreane, giap o tedesche concordo, ma italiane e francesi o USA che non vendono all'estero proprio per quello... E poi perchè non sarebbe affidabile: provi a guardare solo in UK la progressione delle vendite negli ultimi decenni di MG da quando è cinese, se fosse inaffidabile credo gli inglesi se ne sarebbero accorti, e poi io ho sempre sentito qui da noi che chi acquistava Fiat lo faceva essenzialmente: "perchè sai ci sono tante officine che ci sanno mettere le mani, una Volvo non si rompe mai ma sai..."
Ritratto di orlak
9 dicembre 2020 - 15:01
Ma chi deve spendere 30-35-40k€ esigerà almeno personalità in un'auto. E la Compass, per restare sul top vendite, la si riconosce in mezzo a mille che è univocamente lei e che è una Jeep. Non so in quanti qui investirebbero cifre del genere già solo per il fatto che esteticamente una vettura possa risultare un mix di stilemi ripresi da 3-4 altri marchi. Cioè sono 30-35k€, non so se è chiara la cifra; più di una Golf / A3./ Q2 e finanche Q3, come non rendersene conto.
Pagine