NEWS

A Mirafiori un anno di cassa integrazione

04 dicembre 2018

Da fine dicembre 2018 a fine dicembre 2019 lo stabilimento torinese dovrà essere preparato per la fabbricazione della Fiat 500 Elettrica.

A Mirafiori un anno di cassa integrazione

NOTIZIE BUONE E NO - Investimenti per 5 miliardi di euro entro il 2021, con diversi restyling assieme a inedite versioni ibride e soprattutto la novità della Fiat 500 elettrica. È l’essenza del piano FCA per l’Italia annunciato ai sindacati giovedì scorso (qui la news). La prima iniziativa di attuazione del piano purtroppo è l’annuncio di un anno di cassa integrazione nello stabilimento di Mirafiori, a Torino. La misura è stata presa anche in conseguenza del rallentamento delle vendite dei modelli Maserati prodotti negli stabilimenti dell’area torinese (Mirafiori e Grugliasco). Altra motivazione è il necessario lavoro di adattamento delle linee alla produzione della Fiat 500 Elettrica, compresa anche la necessaria formazione del personale. La fabbricazione dei veicoli elettrici è sensibilmente diverso da quella delle auto a benzina o diesel (e tra l’altro richiede molta meno manodopera). 

INIZI SCAGLIONATI - Il periodo di cassa integrazione andrà dal 31 dicembre al 2018 al 29 dicembre 2019, con tutta una serie di distinguo e differenziazioni in termini di date e di categoria dei lavoratori. In tutto il periodo comunque complessivamente saranno 3245 addetti, tra cui operai, impiegati e quadri. L’applicazione della “cassa” comincerà il 31 dicembre per 2.445 addetti, per poi passare a 2.595 dal 14 gennaio 2019, 2.755 il 28 gennaio, 2.915 l’11 febbraio, per salire quindi a 3.075 il 25 febbraio e appunto a 3.245 il 4 marzo. I lavori di adeguamento delle linee di produzione della Fiat 500 Elettrica (tecnicamente diversa da quella già da tempo prodotta) porteranno a vedere uscire da Mirafiori le prime vetture a “emissioni zero” nella primavera del 2020. Da parte dell’azienda c’è la fiducia che con ilo programma varato si riuscirà a realizzare la piena occupazione, vale a dire all’assenza di cassa integrazione e ammortizzatori sociali.  

AFFIDAMENTO SULL’ELETTRICO - C’è evidentemente fiducia che la domanda di auto elettriche crescerà sensibilmente. Ciò anche se da gennaio a tutto novembre 2018 le vendite in Italia sono state sì in crescita del 185%, ma rimanendo pur sempre contenute in 4.630 unità. D’altra parte le previsioni sulle vendite di auto elettriche sono molto controverse. L’Unione europea ha fissato l’obiettivo del 15% del totale per il 2025 e del 20% dal 2030, ma molti top manager del settore hanno bollato di “irrealismo” tali previsioni. L’organizzazione dei costruttori, ACEA, è anche intervenuta sull’argomento criticando pesantemente i piani UE. 



Aggiungi un commento
Ritratto di bijulino
5 dicembre 2018 - 13:49
Siiii... Cassa integrazione per tuttiiii. Yuppiiii
Ritratto di Neofita
5 dicembre 2018 - 14:57
e dove lo trovano il secondo lavoro?? a Torino non c'è neanche il primo ....
Ritratto di Moreno1999
4 dicembre 2018 - 20:44
4
Apri la bocca solo per dargli aria, il modo in cui definisci la cassa integrazione è un insulto a tutti quelli che ci sono stati e ci sono ancora. Vergogna!
Ritratto di Neofita
5 dicembre 2018 - 14:56
Saper gestire un'azienda?? ferie pagate?? se sapessero gestire la propria azienda, non sarebbero dove sono. Suppongo anche che tu non abbia mai campato un anno con il contributo della cassa integrazione, vero?
Ritratto di Roomy79
5 dicembre 2018 - 22:30
1
Ma perche ste elettriche sono cosi care se produrle costa meno? Assenza di econmie di scala? Bolla montata ad arte? Leggere bene le previsioni dei top manager per capire che sara unfuoco fatuo, ma chi spende 20.000 € o piu euro per una utilitaria?
Ritratto di Ercole1994
4 dicembre 2018 - 18:41
La domanda sorge spontanea: che ne sarà della Maserati Levante...?
Ritratto di Ercole1994
4 dicembre 2018 - 19:07
In effetti, dei 4 stabilimenti italiani, Mirafiori sembra il più "sfigat@". Era meglio acconsentire la produzione dell'E-Suv, e continuare a produrre la 500 in Polonia.
Ritratto di Ercole1994
4 dicembre 2018 - 19:07
*E-Suv Alfa Romeo.
Ritratto di Fr4ncesco
4 dicembre 2018 - 19:11
2
la 500 a benzina si farà ancora in Polonia, quella elettrica prodotta a Mirafiori avrà un pianale dedicato ex novo e sarà affiancata a quella "normale". La piattaforma elettrica sarà poi destinata ad altri modelli non precisati.
Ritratto di Ercole1994
4 dicembre 2018 - 19:52
Si, di questo ne ero già a conoscenza. In verità, mi riferivo al fatto di produrre anche la nuova 500 elettrica, insieme a quella normale, nello stabilimento di Tychy, lasciando magari Mirafiori, a modelli forse un pelo più remunerativi.
Pagine