Mitsubishi e-Evolution Concept: sportiva con forme da suv

Erede “spirituale” della mitica EVO, il prototipo ha una carrozzeria slanciata e tre motori elettrici.

NUOVO CAPITOLO - La Mitsubishi Lancer Evolution è una vettura nata per gareggiare e vincere nei rally che ha fortemente caratterizzato il panorama delle sportive “abbordabili” per oltre un ventennio con le sue dieci edizioni fra il 1992 e il 2016. L’eredità di quel modello sarà raccolta da una suv in chiave sportiveggiante, che la Mitsubishi farà vedere in anteprima al Salone dell’automobile di Tokyo (27 ottobre-5 novembre): l’auto si chiama e-Evolution Concept e lascia intravedere come sarà il prossimo suv del costruttore giapponese, in grado di abbinare alle forme sportive della carrozzeria un motore ibrido a basso impatto ambientale. La Mitsubishi ha pubblicato oggi nuove immagini dell’auto, che sarà mostrata per intero soltanto alla rassegna di Tokyo.

TRAZIONE INTEGRALE ELETTRICA - La Mitsubishi e-Evolution Concept richiama i tratti di una vera coupé e appare molto slanciata. L’impressione di sportività viene messa in risalto dal parabrezza inclinato, dagli sbalzi raccolti e dalla posizione arretrata dell’abitacolo, che danno l’idea di trovarsi davanti ad una vettura sportiva nonostante l’altezza da terra generosa e le quattro portiere laterali. Il costruttore giapponese ha anticipato che la e-Evolution Concept adotta un motore elettrico composto da tre unità, in grado di creare la trazione integrale senza collegamenti meccanici fra le ruote anteriori e posteriori: un modulo elettrico spinge le ruote davanti e due quelle dietro. La ripartizione della coppia fra le ruote posteriori è amministrata dall’unità di controllo Active Yaw Control, che gestisce la potenza con l’obiettivo di migliorare la trazione nelle curve strette.

TI AIUTA MENTRE GUIDI - Il costruttore giapponese ha lavorato molto anche sulle tecnologie di bordo, creando una sorta di assistente per migliorare le capacità al volante del guidatore: il programma Artificial Intelligence (AI) crea un profilo in base allo stile di guida e fornisce dei suggerimenti al pilota, che in questo modo potrà sfruttare al meglio le caratteristiche dell’auto e diminuire ad esempio il consumo di energia. La Mitsubishi sta lavorando in parallelo anche ad un assistente vocale, l’AI Personal Assistant, a cui impartire comandi legati a funzionalità dell’auto (la climatizzazione o l’accensione dei tergicristalli) e ricevere aggiornamenti su eventuali guasti.



Leggi l'articolo su alVolante.it